Contenuto sponsorizzato

Rispettare i propri limiti e non sentirsi superuomini: la lezione di Nives Meroi e Romano Benet a 'Mese Montagna'

E'ufficialmente iniziato l'edizione numero dodici della kermesse organizzata dall'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Comune Vallelaghi. Prossimo appuntamento mercoledì  il documentario 'Africa, un’avventura ricca di emozioni', realizzato da Marco e Giada Miori. Grande attesa per l'arrivo di Adam Ondra

Da sinistra Nives Meroi e Romano Benet con Elda Verones, Gianni Bressan e Angelo Giovanetti
Pubblicato il - 04 novembre 2017 - 21:27

VALLE DEI LAGHI. Venerdì 3 novembre si è ufficialmente alzato il sipario sull'edizione numero dodici di 'MeseMontagna', la kermesse organizzata dall'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e dal Comune Vallelaghi al Polo scolastico di Vezzano. 

 

Protagonisti della serata inaugurale Nives Meroi e Romano Benet, già ospiti nel 2014, quando mancavano all'appello della loro 'collezione' di ottomila ancora il Makalu e l'Annapurna, conquistati rispettivamente nel 2016 e nel maggio di quest'anno. Oggi sono l'unica coppia al mondo che sia riuscita ad avere ragione di tutte quattordici le vette che superano quella quota, un'impresa descritta pochi giorni fa anche davanti alle telecamere di 'Che fuori tempo che fa'.

 

Se Nives Meroi e Romano Benet sono diventati due volti noti non solo tra gli appassionati di alpinismo, ma anche tra le persone che semplicemente amano la natura e la montagna probabilmente è perché appaiono assai lontani dagli stereotipi di superuomini che di solito i mezzi di comunicazione modellano quando si occupano di grandi imprese alpinistiche.

 

I racconti che regalano a chi li ascolta sono quelli di due persone semplici, abituate a dividere e condividere tutto, a mettersi a disposizione l'uno dell'altro, a seconda delle circostanze.

 

 

A rispettare sempre e comunque i propri limiti, quelli imposti da ambienti naturali affascinanti ma anche ricchi di insidie, e l'impegno morale ad affrontare la montagna con lealtà, ovvero senza ossigeno supplementare e portatori d'alta quota. È facile e viene spontaneo, insomma, identificarsi nel loro approccio.

 

Al pubblico che ha gremito la palestra hanno regalato i racconti delle ultime imprese, che sono anche quelle di chi, come Romano, ha saputo sconfiggere una malattia che spesso non lascia scampo, prima di poter riprendere zaino e scarponi. "In cima a quelle montagne – ha spiegato Nives – oltre a noi due c'era sempre anche la persona che gli ha donato il proprio midollo osseo, salvandogli la vita".

La sua voce appassionata ha accompagnato le immagini succedutesi sullo schermo, poi, insieme al marito, ha risposto alle tante domande poste dal pubblico, che ha così potuto apprezzare quella che loro chiamano l'arte della fuga senza vergogna, cioè la capacità di rinunciare un attimo prima che un pericolo diventi una minaccia letale.

La serata ha offerto anche l'occasione a Giuseppe Criscione e Angelo Giovanetti di presentare il progetto realizzato dall'associazione 'Oskar for Langtang' nella zona del Nepal colpita dal violento terremoto nel 2015, anche grazie ai fondi raccolti attraverso 'Mese Montagna': un ostello consegnato alla popolazione locale lo scorso 13 ottobre. Ora il sodalizio che vuole ricordare Oskar Piazza ha cominciato la raccolta fondi per costruire una scuola secondaria.

Il prossimo appuntamento proposto dal festival è fissato per mercoledì prossimo. Al teatro di Calavino verrà proiettato il documentario 'Africa, un’avventura ricca di emozioni', realizzato da Marco e Giada Miori, imperniato sul loro viaggio attraverso Kenya, Tanzania, Malawi e Mozambico. Venerdì prossimo, invece, sul palco di Vezzano, salirà un big mondiale dell'arrampicata come Adam Ondra (Qui programma completo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato