Contenuto sponsorizzato

24 ottobre, mai così caldo. E' record assoluto con più di 28 gradi a Levico e 25 gradi di escursione termica a Trento

Da quando esistono le rivelazioni non si è mai registrato un caldo del genere a fine ottobre (quando le medie massime si aggirano sui 16,6 gradi). Il foehn la causa

Pubblicato il - 24 ottobre 2018 - 16:21

TRENTO. Il 24 ottobre più caldo si sempre, da quando esistono le rilevazioni. Oggi pomeriggio la temperatura massima a Levico Terme (ma il discorso vale per gran parte della Provincia e del Nord Italia), ha raggiunto i 28,7° gradi per l’Osservatorio Meteorologico del sito www.meteolevicoterme.it, i 29,2 gradi per i sistemi di rilevazione della Fondazione Mach, i 27,8 gradi per Meteotrentino, i 28,2 gradi per la Provincia (Servizio Opere Idrauliche). "Risalendo nello storico disponibile fino al 1939 - spiega Giampaolo Rizzonelli di Meteo Levico Terme - troviamo una temperatura massima di 27,3 gradi nel 1995. Il fatto che rende ancora più incredibile questo valore, è che viene registrato nell’ultima decade del mese, statisticamente la più fredda".

 

Il valore medio storico delle massime per il mese di ottobre, infatti, è di 16,6 gradi, quindi quello di oggi è un valore superiore di almeno 12 gradi rispetto ai valori medi del mese. ''Interessanti - spiega ancora Rizzonelli - anche i dati relativi all’escursione termica, che a Levico Terme ha raggiunto i 22 gradi giornalieri, da una minima di 6,8 gradi si è passati ad una massima di 28,7 gradi, ancora maggiore è stata a Pergine Valsugana (stazione Meteotrentino) dove da una minima di 3,7 gradi si è arrivati ad una massima di 27,5 gradi, o a Trento (Roncafort stazione Meteotrentino) dove da una minima di 3,6 gradi si è arrivati ad una massima di 28,9 gradi (escursione termica giornaliera di 25,3 gradi)''.

 

Il fenomeno è stato provocato dai venti di caduta, dal foehn (favonio in italiano), che a Levico ha raggiunto raffiche di 68 km/h.

 

 

''Il foehn - racconta Rizzonelli - si verifica quando oltre le Alpi è presente una depressione. In queste ore infatti sta imperversando il maltempo in Austria con precipitazioni. La nuvolosità è bloccata al di là dell’arco alpino con alcuni sfondamenti oltre confine. Il foehn è un vento di caduta caldo e secco che si presenta quando una corrente d'aria, nel superare una catena montuosa, perde parte della propria umidità in precipitazioni (pioggia, neve o altro). Quando la corrente sale verso l'alto, infatti, l'aria si espande, si raffredda: se l'umidità in essa contenuta viene persa (sotto forma di nuvola e/o precipitazioni), l'aria, nel ricadere sul versante opposto arriva a valle con una temperatura più alta di quella di partenza. A causa del calore latente emesso dalla condensazione dell'acqua, infatti, l'aria si raffredda piuttosto lentamente lungo la salita (secondo il gradiente adiabatico saturo, cioè di −5°C ogni 1000 m in ascesa). L'aria poi supera la cresta, scende verso il basso sul versante opposto sottovento e si scalda per effetto della compressione adiabatica (secondo il gradiente adiabatico secco, questa volta di circa 10 °C ogni 1000 m in discesa), diventando calda e secca e favorendo giornate soleggiate''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 febbraio - 13:03

La decisione per il capoluogo è arrivata nell'ultimo meet up, una seduta straordinaria per chiudere questo strumento e far confluire nell'Associazione Trentino 5 stelle. Presentati anche i facilitatori: Marini si occupa di relazioni esterne, Rudi Tranquillini di formazione e Teresa Fortini per le relazioni interne

20 febbraio - 05:01

Critico Carlo Andreotti, ex presidente della Provincia: "Sindaco e maggioranza hanno sbagliato a rinviare la seduta in quanto aveva i numeri per impedirlo". Il primo cittadino Andreatta: "Decisione dei capigruppo, la seduta è stata spostata e si è aggiunto un consiglio: tutto salvaguardato"

20 febbraio - 12:34

In primo grado era stato condannato a tre mesi ma in appello l'avvocato Valer ha fatto cadere l'aggravante penale (che avrebbe potuto spingere la condanna fino a 4 anni e 6 mesi di reclusione). Nel giugno 2018 l'allora parlamentare leghista Segnana chiedeva l'espulsione e che Salvini attenzionasse l'uomo. Oggi è l'assessora alla sanità e l'uomo è seguito dagli assistenti sociali dell'Apss 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato