Contenuto sponsorizzato

Donna dell'anno: c'è anche la professoressa del Cibio di Trento Anna Cereseto tra le candidate

D-donna (l'inserto di Repubblica) ha selezionato 30 donne che hanno reso grande l'Italia per diverse ragioni. C'è anche la ricercatrice del Cibio dell'Università di Trento assieme a industriali, sportive, attiviste, insegnati e modelle. Ecco come votarla  

Pubblicato il - 16 settembre 2018 - 16:33

TRENTO. C'è anche Anna Cereseto tra le 30 ''candidate'' scelte da D-donna Repubblica per diventare "donna italiana dell'anno". D'altronde il gruppo di ricerca del Laboratorio di virologia molecolare del Cibio, che lei ha diretto, è stato  protagonista di una delle scoperte più importanti degli ultimi tempi: si chiama evoCas9 ed è la tecnica più precisa di sempre di editing genetico (e quindi di taglia, ripara e ricuci del Dna). E quindi dovrebbe essere il viatico alla correzione di ''informazioni sbagliate'' contenute nel nostro Dna, un modo, insomma, per evitare, in prospettiva, malattie genetiche come la fibrosi cistica, la distrofia muscolare, la SLA, le anemie compresa quella mediterranea e falciforme; ma anche tumori, come il sarcoma, il melanoma, e altri carcinomi (qui la ricerca)

 

La notizia ve l'avevamo data anche noi il giorno stesso che lo studio era uscito sulla rivista specializzata Nature Biotechnology e aveva avuto un'eco planetaria proiettando Povo e l'Università di Trento nell'Olimpo della ricerca mondiale. Ecco spiegata, allora, la presenza della professoressa che dal 2010 lavora per l’Università di Trento, laboratorio di virologia molecolare, in questo ventaglio di donne che hanno reso grande l'Italia per diverse ragioni. "L’italiana - scrive D-Repubblica - che rappresenta meglio la forza, la passione e il talento di tutte". Nel 2016 era stata votata Paola Regeni, nel 2017 Ilaria Cucchi. "Quest’anno abbiamo scelto di rendere tutta nazionale la sfida - scrive ancora D-donna - così a fine anno scopriremo chi sarà l’italiana del 2018. Scegliete fra le nostre 30 candidate, o suggerite le vostre nomination".

 

In ''gara'' ci sono tanti nomi importanti per il Bel Paese. Ne citiamo alcuni: c'è Beatrice Venezi, che a 28 anni è il direttore d’orchestra donna più giovane d’Europa; c'è Sara Gama, paladina del calcio femminile; ci sono Maria Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Raphaela Lukudo, Libiana Grenot le quattro velociste simbolo di integrazione che hanno vinto quest'estate l’oro ai Giochi del Mediterraneo nella staffetta 4X400.

 

E poi ci sono Ornella Barra, imprenditrice che ha creato la Walgreens Boots Alliance, la più grande multinazionale di prodotti per la salute e il benessere del mondo; Maria Patrizia Grieco, presidente della seconda società italiana in Borsa, l’Ene; Dijana Pavlovic attrice e vicepresidente dell’associazione Upre Roma, portavoce dell’Alleanza Romanì e attivista; Vittoria Ceretti considerata una delle ultime vere top-model italiana; Lorella Carimali unica italiana selezionata per il Nobel degli insegnanti: il Global Teacher Prize, assegnato a Dubai. 

 

Per vederle tutte e votarle bisogna andare sulla piattaforma di D-donna (Vota la Donna 2018) e mettere il cuoricino, entro il 13 ottobre, alle preferite. A quel punto ci sarà una prima scrematura e quindi la finale tra le prime 20 a partire dal 20 ottobre fino al 24 novembre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 05:01

Una ricerca che ha messo insieme tanti pezzi di un mosaico per ricostruire la storia “perduta” di Anna Vivaldelli, uccisa a Dro l’8 marzo 1925. A quasi un secolo di distanza, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ricostruiamo questa vicenda grazie ai documenti, le lettere e le testimonianze dell’epoca

08 marzo - 07:50

E' successo in località Bosco dei Buoi a Cesiomaggiore nel Bellunese, i due stavano facendo ritorno dopo una escursione ma hanno sbagliato percorso trovandosi in grave difficoltà

08 marzo - 08:28

A parlare di accelerazione della pandemia è stato anche il ministero della Salute, Roberto Speranza: "La variante inglese si diffonde con il 35/40% in più rispetto a quella tradizionale e i nostri casi in aumento sono dovuti proprio a questa variante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato