Contenuto sponsorizzato

Questa notte torna l'ora legale, ecco come spostare le lancette

E' stata introdotta in Italia nel 1916. Tra gli aspetti positivi il risparmio energetico 

Pubblicato il - 24 marzo 2018 - 20:59

TRENTO. Questa notte si tornerà all'ora legale e le lancette dell'orologio verranno spostate in avanti di un'ora e si dormirà un'ora in meno. 

 

L'arrivo dell'ora legale, tra i vari aspetti positivi, ha quello di far risparmiare sull’energia sfruttando un minore uso dell’illuminazione elettrica.

 

La proposta di introdurre l'ora legale fu avanzata per la prima volta a Parigi da Benjamin Franklin, uno dei "padri fondatori" americani. Il suo suggerimento, però, cadde nel vuoto. Fu riconsiderato nel 1907 da un inglese, William Willett, che propose di attuarlo alla Camera dei Comuni britannica.

 

E siccome in tempo di guerra il risparmio energetico era importante, nel 1916 venne attuato anche in Italia e in altri paesi di Europa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 15:17

La denuncia della referente case di riposo, Piersanti: ''La struttura ha solo 10 posti letto accreditati come posti di sollievo a minore intensità assistenziale, gli altri sono sul libero mercato. Quindi solo per i 10 va rispettato il parametro assistenziale con le regole delle Rsa pubbliche''. A Mori si sono negativizzati 6 dei 14 ospiti positivi prima di venerdì

02 dicembre - 16:25

Grande lutto nella comunità trentina e nel ciclismo italiano per la perdita di Moser, capostipite di una famiglia che ha scritto pagine importanti delle due ruote a livello internazionale

02 dicembre - 13:31

L'ordine degli Infermieri ha scritto una lettera al presidente Fugatti e all'assessora Segnana chiedendo interventi concreti "Per mettere nelle condizioni giuridiche e deontologiche di poter continuare a garantire l’assistenza nel miglior interesse del cittadino e per valorizzare le competenze degli infermieri". Anche negli scorsi mesi l'Opi ha scritto alla Provincia sottolineando alcune preoccupazioni. Non è però mai arrivata una risposta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato