Contenuto sponsorizzato

Spazio Natale Emergency: ''E' il pensiero che conta, anche per i regali solidali''. In via San Marco fino al 23 dicembre

Tante le idee regalo proposte dei volontari che terranno aperto lo spazio dal 24 novembre al civico 30 di via San Marco. Agende e calendari, accessori e capi d’abbigliamento, libri e giocattoli, ma anche  i gioielli ricavati dall’alluminio delle mine antiuomo

Pubblicato il - 24 novembre 2018 - 12:41

TRENTO. "E' il pensiero che conta", un concetto che vale due volte per i regali acquistati da Emergency. "Perché spesso dietro a molti oggetti si nascondono storie emozionanti", spiegano i volontari che dal 24 novembre al 23 dicembre saranno in via San Marco 30 con lo Spazio Natale Emergency.

 

"Due delle novità di quest’anno vengono proprio da Iraq e Afghanistan - spiegano - articoli di pelletteria realizzati da ex-pazienti del Centro di Sulaimaniya che hanno seguito un corso di formazione in ospedale, e orsetti di tessuto fatti a mano da una cooperativa tessile tutta al femminile di Bamiyan".

 

A questi si aggiungono i portachiavi in ceramica, lavorata da un artigiano di Castelli, in provincia di Teramo, dopo il sisma, e gli immancabili prodotti della filiera solidale, molti dei quali provenienti dalle carceri.

 

Un altro regalo che sarà possibile acquistare negli Spazi Natale è la tessera di Emergency: "Basta una donazione minima, di importo variabile in base all’età, per sostenere i progetti di Emergency in Afghanistan, Iraq, Italia, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Sudan e Uganda".

 

L'iniziativa di Trento si svolgerà in contemporanea in alte 14 città italiane, con gli Spazi Natale Emergency dove sarà possibile acquistare agende e calendari, accessori e capi d’abbigliamento, libri e giocattoli, gadget e articoli di cancelleria.

 

Spazio Natale Emergency, dal 24 novembre al 23 dicembre in via San Marco

L’ampio ventaglio di proposte comprende soluzioni originali, come i gioielli ricavati dall’alluminio delle mine antiuomo, e idee tradizionali, come la pallina di Emergency da appendere all’albero o il domino in legno decorato con motivi natalizi.

 

Presso gli Spazi Natale, inoltre, ci sarà la possibilità di comporre ceste natalizie personalizzate con prodotti enogastronomici, come vino e specialità dolciarie regionali, che l’organizzazione riceve in dono da più di 600 aziende italiane.

Il ricavato sarà destinato agli ospedali in Afghanistan e Iraq dove, nonostante i rischi quotidiani, l’organizzazione continua a offrire prestazioni mediche gratuite e di elevata qualità. La prima metà del 2018 ha visto il più alto numero di vittime civili in Afghanistan degli ultimi dieci anni, 5.122, mentre in Iraq i conflitti nel nord del Paese e nei territori limitrofi hanno portato recentemente a un riacutizzarsi della tensione.

 

Presente in Afghanistan dal 1999, Emergency ha curato quasi 6 milioni di persone negli ospedali di Kabul e Lashkar Gah, nel centro di maternità di Anabah e nei posti di primo soccorso. In Iraq, invece, Emergency ha curato oltre 950 mila persone, nei campi profughi del Kurdistan iracheno e nel Centro di riabilitazione e reintegrazione sociale di Sulaimaniya.

Inoltre, come in passato, il pubblico potrà vivere un’esperienza virtuale indossando visori a 360° per visitare i progetti di Emergency in Afghanistan. Un operatore guiderà i visitatori, attraverso reparti e corridoi, alla scoperta del Centro chirurgico di Kabul e delle storie dei pazienti.

 

Quest’anno, lo Spazio Natale Emergency di Trento è in Via San Marco 30. Sarà aperto dal 24 Novembre al 23 Dicembre, dalle 14 alle 20 nei giorni feriali, dalle 10 alle 20 sabato, domenica e festivi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 13:31

In questi giorni emergono tante segnalazioni di persone in difficoltà nel rapporto con le autorità sanitarie. Anche l'Ordine dei medici si è speso per potenziare e ottimizzare il contact tracing: un sistema forte di tamponi/tracciamento/isolamento per fronteggiare la diffusione dell'epidemia. Zeni: "C'è anche un coinvolgimento scarso delle professioni sanitari. Alla Centrale Covid sono preparati, ma troppo pochi per gestire l'iter"

26 ottobre - 12:23

Le nuove regole contenute nell'ultimo Dpcm firmato dal presidente Conte prevedono la chiusura dei bar e ristoranti alle 18. Accanto alla indignazione di molti c'è anche chi, come Stefano Bertoni, decide di "trasformare i limiti in opportunità''

26 ottobre - 11:23

Ci sono 127 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 27 quelli nelle strutture private convenzionate, mentre sono sempre 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 35 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato