Contenuto sponsorizzato

A Trento un murale che parla di inclusione, dialogo e convivenza

È stato così raggiunto l’obiettivo del patto di collaborazione Degradè, proposto da Silvia Gadda, in qualità di rappresentante di un gruppo informale di cittadini e referente del collettivo Contra la Pared, e a cui hanno aderito l’Associazione sportiva
dilettantistica Intrecciante, Arte Migrante, l’Associazione Alchemica e l’Associazione Il Gioco degli Specchi

Di Marco Roncador (L. Prati) - 25 luglio 2019 - 18:09

TRENTO. Inclusione sociale, dialogo e convivenza. Questi i significati del murale termine lo scorso fine settimana un murale che ha restituito decoro al sottopassaggio della ferrovia sulla pista ciclabile in prossimità dei giardini lungo il Fersina.

 

L’opera d’arte è stata realizzata nell’ambito del regolamento per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani, attraverso un percorso partecipato e aperto agli abitanti del quartiere che ha utilizzato il linguaggio dell’arte urbana per lanciare un messaggio di inclusione sociale, dialogo e convivenza.

Il murale rappresenta la concretizzazione del patto di collaborazione Degradè, a cui hanno aderito l’Associazione sportiva dilettantistica Intrecciante, Arte Migrante, l’Associazione Alchemica e l’Associazione Il Gioco degli Specchi, patto proposto da Silvia Gadda in qualità di rappresentante di un gruppo informale di cittadini e referente del collettivo Contra la Pared.


Contrastando il vandalismo grafico, il progetto rientra nel contesto delle attività realizzate dal Comune volte a diminuire il senso di insicurezza nei cittadini generato dal degrado e a salvaguardare il patrimonio culturale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 dicembre - 19:14

Nonostante i divieti sugli spostamenti in vista delle festività natalizie è iniziata la corsa ai tamponi, nella convinzione (errata) che garantiscano una sorta di “patente d’immunità”. Il numero uno di Apss: “In queste situazioni i test non servono. Quest’anno purtroppo è così sarà un Natale strano, ma dobbiamo accettarlo, per la salute delle persone a cui vogliamo bene”

05 dicembre - 18:52

Mentre domani è stata fissata un allerta arancione per tutta la provincia e rossa per l'Alto Adige e il Veneto ecco la situazione generale di neve e strade. Chiusa per pericolo valanghe la provinciale 25 di Garniga tra Garniga Vecchia e le Viote e istituito il senso unico alternato lungo la provinciale 76 Gardolo – Lases per caduta massi

05 dicembre - 16:44

Tra i nuovi positivi se ne contano 105 over 70 e ci sono 3 bimbi con meno di 2 anni. Una persona in più in terapia intensiva e numero di dimissioni superiore ai nuovi ricoveri: 31 contro 28

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato