Contenuto sponsorizzato

Bonus auto, in otto regioni del nord Italia cambiare l'auto conviene. In Trentino Alto Adige incentivi permanenti per l'acquisto di auto elettriche e ibridi plug-in

Con l'arrivo dell'inverno, iniziano anche le limitazioni al traffico. Anche nella nostra regione - come nella maggior parte delle regioni settentrionali - sono attivi bonus per l'acquisto dell'auto. A Trento e Bolzano gli incentivi sono, di fatto, permanenti; nessun obbligo di rottamazione; nessuna soglia di reddito. Sì ad auto elettriche, ibridi plug-in e km zero

Pubblicato il - 01 ottobre 2019 - 21:44

TRENTO. Tornano gli incentivi per la rottamazione dei veicoli in molte regioni del nord. Con la stagione invernale, infatti, iniziano anche i divieti di circolazione per i veicoli più inquinanti. Divieti che, anno dopo anno, diventano sempre più restrittivi. Le regole, però, cambiano da regione a regione.

 

Sono regole molto complesse. Spesso disincentivano gli stessi rivenditori dal segnalarle. Si pensi solo che nessuna delle agevolazioni in corso è arrivata all'esaurimento dei fondi a disposizione (nonostante, spesso, i contributi siano molto alti, in Sardegna si arriva fino a 25.000 euro, in Lombardia a 20.000, e cumulabili).

 

Quasi tutte le regioni del nord, insieme alla Sardegna, propongono incentivi: dal 2017 è in vigore un accordo con lo Stato per la qualità dell'aria, accordo che, tra l'altro, norma anche le limitazioni al traffico.

 

Mentre nelle altre regioni gli incentivi sono "a sportello" (ci si accede tramite un bando e si presenta domanda entro un termine stabilito), in Trentino Alto Adige gli incentivi sono, di fatto, permanenti e, dal prossimo anno, a Bolzano il bonus sarà probabilmente esteso anche alle due ruote. Per ora, nelle due province sono previsti incentivi per l'acquisto di veicoli elettrici e ibridi plug-in (QUI BANDO). A Trento si va dai 1.500 ai 4.000 euro e, qui, a differenza di quello che accade in altre regioni, non vige l'obbligo di rottamazione (QUI TESTO DELIBERA).

 

Degli incentivi possono beneficiare persone fisiche e enti privati (con o senza personalità giuridica), tra i quali gli organismi non lucrativi di utilità sociale (ONLUS).  Anche i rivenditori di autoveicoli con sede operativa in Provincia di Trento possono accedere al bonus.

 

Nessun vincolo di reddito, a Trento e Bolzano (il Friuli Venezia-Giulia, ad esempio, ammette invece un reddito familiare fino a 150.000 euro; il Veneto fissa una soglia sul reddito personale a 75.000). 

 

A parte il Veneto, incentivi anche per gli acquisti di esemplari a km zero. Il Friuli-Venezia Giulia considera km zero un’auto purché immatricolata da non oltre due anni, mentre Bolzano classifica nuovi gli esemplari che lo sono fiscalmente (quindi con non più di sei mesi o 6.000 km, come da definizioni Ue).

 

Non di rado è necessario che il venditore pratichi uno sconto minimo (il 12% o, a Bolzano, una somma pari all’incentivo pubblico).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
22 giugno - 19:23
In Aula il consigliere provinciale in quota Onda civica è ritornato sulla scomparsa di Sara Pedri: "Una risposta che arriva dopo due anni e [...]
Politica
22 giugno - 16:59
Il consigliere del Pd aveva chiesto spiegazioni sul perché alcuni alberghi trentini sul sito di Visit Trentino invece che la canonica dicitura [...]
Cronaca
22 giugno - 18:32
L'allerta è scattata lungo la strada statale 43 sul territorio comunale di Cles. Sul posto ambulanza, elicottero, vigili del fuoco di zona e forze [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato