Contenuto sponsorizzato

Il progetto Talenti 2020 apre nuove prospettive per lo sport italiano, oltre 92 mila risultati validati

Al Coni di Trento si sono dati appuntamento dirigenti e quadri tecnici del programma nazionale dedicato all’identificazione ed alla crescita del talento sportivo. Avviato un percorso di analisi dei dai raccolti dal 2013 ad oggi

Pubblicato il - 24 agosto 2019 - 17:47

TRENTO. Seicentoquarantotto atleti tra i 12 ed i 18 anni, tesserati per 14 federazioni sportive nazionali, 367 sessioni di test per 92.814 risultati validati. E’ questo il patrimonio scientifico che scaturisce da “Talenti 2020, il progetto pilota dello sport giovanile italiano”.

 

Una iniziativa a carattere nazionale che il Comitato olimpico, tramite una convenzione stipulata nel luglio del 2011 con la Provincia di Trento, ha affidato al Comitato provinciale di Trento che cura ogni suo aspetto di questo progetto, dalla gestione finanziaria e amministrativa fino ai contenuti scientifici con la supervisione della Preparazione olimpica.

 

I dati raccolti dal 2013 ad oggi dagli esperti delle tre aree d’attività (valutazione funzionale, educazione alimentare, percorso educativo-formativo) sono stati catalogati e sistematizzati. Il risultato è una corposa banca dati che apre nuove prospettive per lo sport italiano. Numerosi infatti, sono gli atleti, oggi affermati a livello nazionale, che hanno preso parte al progetto declinato negli impianti sportivi della Provincia.

 

Martedì 20 agosto negli uffici del Coni di Trento si sono ritrovati i quadri tecnici ed i responsabili del progetto: il professore Giuseppe Vercelli, docente di Psicologia sociale all’Università di Torino e supervisore scientifico del percorso educativo-formativo, il professore Federico Schena, docente di Metodi e didattiche delle attività sportive all’Università di Verona e direttore del Cerism di Rovereto e Roberto Modena, ricercatore, con Paolo Crepaz, medico dello sport, vicepresidente vicario Coni di Trento e referente per le attività di educazione alimentare. Assieme a loro il professore Andro Ferrari, responsabile del progetto Talenti 2020, Cristian Sala, responsabile organizzativo, Massimo Eccel, Giunta Coni Trento, la presidente Paola Mora e Daniele Miorandi, Ceo di U-Hopper, società trentina incaricata della sistemizzazione dei dati raccolti.

 

Il tavolo di lavoro si è rivelato essere occasione di confronto per avviare l’analisi scientifica incrociando gli indicatori con i risultati sportivi ottenuti dagli atleti e condivisi dalla Preparazione olimpica del Coni. Non solo eccellenza e prestazione. Il patrimonio di dati in mano al Coni permetterà di indentificare anche i punti critici come l’abbandono dell’attività sportiva, l’importanza di una ecologia mentale per elevare la performance non solo sportiva, l’importanza di una adeguata formazione in ambito alimentare per operare le giuste scelte in base alla disciplina sportiva praticata.

 

Sono questi solo alcuni degli scenari d’indagine che il progetto Talenti 2020 propone allo sport italiano. Una opportunità di crescita per tutto il movimento sportivo italiano che muove dal Coni di Trento. Il progetto è un’iniziativa a carattere nazionale fortemente voluta dal Coni che si sviluppa in collaborazione con la Provincia di Trento, Trentino Marketing con la gestione operativa del Coni-Comitato provinciale di Trento. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 marzo - 22:19
La professionista si è spenta all'ospedale di Rovereto dopo aver combattuto la sua battaglia contro il coronavirus. Si allunga, purtroppo, l'elenco del personale sanitario caduto per Covid-19
30 marzo - 18:03

Sono 102 i nuovi contagi e si spezza il dato in calo dopo cinque giorni. Complessivamente le vittime per complicanze legate a Covid-19 sul territorio salgono a 147 per un totale di 221 morti a livello regionale

30 marzo - 18:52

Il direttore generale dell'Apss ha spiegato che se la questione dei cinesi di rientro in provincia è stata gestita bene era difficile immaginare per chiunque che il turismo, soprattutto lombardo, si sarebbe trasformato nella vera minaccia. E mentre i sanitari contagiati sono 129 arriva il tampone ''pit stop''

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato