Contenuto sponsorizzato

Protonterapia: a cinque anni dall'inizio raggiunto il traguardo di 1000 pazienti trattati

Nel 2014 il primo paziente adulto, l'anno successivo il primo paziente pediatrico trattato con protoni in Italia. A partire dal 2017, Trento è il primo Centro in Europa e secondo al mondo ad aver sviluppato e implementato trattamenti di radiochirurgia con protoni per trattare tumori localizzati in parti dell’encefalo non operabili chirurgicamente

Pubblicato il - 05 December 2019 - 13:34

TRENTO. A cinque anni dall'inizio dell'attività, il Centro di Protonterapia di Trento ha raggiunto l'importante traguardo di 1000 pazienti trattati. 

 

Un risultato arrivato dopo un percorso iniziato nel 2014, con il primo paziente adulto trattato, e continuato l'anno successivo, nel 2015, con il primo paziente pediatrico in Italia trattato con i protoni. Il Centro trentino è una struttura d'eccellenza, unica in Italia. A partire dal 2017, Trento è il primo Centro in Europa e secondo al mondo ad aver sviluppato e implementato trattamenti di radiochirurgia con protoni per trattare tumori localizzati in parti dell’encefalo non operabili chirurgicamente.

 

La protonterapia è una particolare forma di radioterapia oncologica che utilizza particelle dotate di massa e carica, i protoni, al posto dei raggi X (fotoni) adottati nella radioterapia tradizionale. I protoni rilasciano la loro energia nei tessuti irradiati in modo caratteristico: la dose viene depositata quasi interamente e con estrema precisione nello spazio di pochi millimetri. Questa proprietà consente di somministrare dosi elevate di radiazioni al tumore, risparmiando i tessuti sani in prossimità della lesione.

 

Il trattamento viene utilizzato nei casi clinici più complessi: nel caso di tumori vicini a organi e strutture sensibili o in regioni anatomiche complesse, tumori pediatrici o resistenti alla radioterapia convenzionale. Nel Centro di Trento vengono trattati tumori cerebrali e della base cranica, tumori della testa e del collo, sarcomi, tumori gastrointestinali, della colonna vertebrale e del sacro, i linfomi e i tumori solidi pediatrici

 

Le cure, erogate in regime di day hospital, durano mediamente 5 o 6 settimane. Durante questo periodo i pazienti possono contare sulla presenza e sul sostegno di una rete di enti e associazioni di volontariato, che offrono sostegno e assistenza durante il trattamento. 

 

Attualmente, il Centro di Trento è l’unico in Italia ad essere dotato di gantry e della tecnologia Pbs (pencil beam scanning) per l’erogazione del fascio di protoni, che consente di irradiare il tumore con altissima precisione risparmiando i tessuti sani. 

 

Una terapia, questa, che oggi non può essere definita sperimentale: la sua origine risale al secondo dopoguerra. Gli stadi dello sviluppo sono stati lenti anche a causa della complessità delle strumentazioni tecnologiche necessarie e le prime strutture non sorsero in ambito ospedaliero ma all’interno di laboratori di fisica nucleare, nei quali erano disponibili le apparecchiature necessarie ad accelerare e indirizzare sul bersaglio i protoni. È a partire dagli anni novanta, inizialmente negli Stati Uniti e successivamente in Europa e in Asia, che hanno iniziato ad operare i primi centri clinici di protonterapia.

 

Il cuore del Centro è costituito dal ciclotrone, un’apparecchiatura che consente di accelerare i protoni fino a raggiungere il 60% della velocità della luce, ovvero la velocità necessaria per penetrare i tessuti biologici e raggiungere la sede del tumore. Il fascio di protoni viene poi trasportato nelle due sale di trattamento, entrambe dotate di gantry, una struttura rotante a 360° intorno al paziente che permette di garantire il posizionamento più idoneo del paziente.

 

Nel Centro di Trento le attività cliniche sono affiancate alla ricerca scientifica a rilevanza nazionale e internazionale svolta in ambito clinico, preclinico e radiobiologico. L’attività di ricerca è svolta in una sala sperimentale dotata di linea fissa per il rilascio del fascio di protoni che viene utilizzata anche per progetti di ricerca e sviluppo in ambito aerospaziale, di fisica di base e dei materiali.

 

Le attività di ricerca sono gestite dal Trento Institute for fundamental physics and applications (Tifpa), centro nazionale dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) nato grazie alla collaborazione con l’Azienda provinciale per i servizi sanitari (Apss), l’Università degli studi di Trento (Unitn) e la Fondazione Bruno Kessler (Fbk).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 ottobre - 16:00
Nelle ultime 24 ore in Trentino si è registrata una classe in meno in quarantena e ci sono anche due ricoverati in meno
Cronaca
16 ottobre - 12:45
La situazione è paradossale. In un Paese che è stato attraversato da crisi economiche, sociali, che fa i conti con la mafia, che si misura [...]
Società
16 ottobre - 13:36
La compagnia assicuratrice più antica d’Italia ha festeggiato a Trento i 200 anni di storia, complessivamente sono ben 900mila i soci [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato