Contenuto sponsorizzato

Servizio civile universale provinciale, 120 progetti e 194 posti a disposizione nei giovani

Ogni progetto decide i propri tempi di adesione e di avvio e le possibilità di scelta sono davvero tante: si spazia dalla valorizzazione dell'ambiente e del patrimonio culturale alle attività in campo sportivo e turistico, di promozione sociale e animazione, di cura e assistenza, fino agli interventi in ambito educativo, promozionale e di comunicazione e informazione

Pubblicato il - 29 ottobre 2019 - 12:44

TRENTO. E' stata pubblicata la settima proposta del 2019 per svolgere il servizio civile in provincia di Trento: si tratta di 120 progetti che prevedono complessivamente 194 posti. Le informazioni di dettaglio sui singoli progetti vanno chieste direttamente alle organizzazioni che li propongono (tutte le indicazioni si trovano all'interno della scheda di ogni progetto).

 

Per ogni chiarimento relativo, invece, al servizio civile in generale, ai requisiti minimi necessari per partecipare e per dare supporto all'iscrizione e candidatura è possibile rivolgersi all'Ufficio Servizio civile della Provincia (Qui la lista dei progetti)

Ogni progetto decide i propri tempi di adesione e di avvio e le possibilità di scelta sono davvero tante: si spazia dalla valorizzazione dell'ambiente e del patrimonio culturale alle attività in campo sportivo e turistico, di promozione sociale e animazione, di cura e assistenza, fino agli interventi in ambito educativo, promozionale e di comunicazione e informazione. Si tratta dell'’ultima pubblicazione di progetti per l’anno in corso.

 

Cosa fare

Se non si è ancora iscritti a SCUP
1. attivare la Carta Provinciale dei Servizi o SPID;
2. aderire al SCUP (QUI come aderire);
3. scaricare la domanda di partecipazione al progetto che si trova in fondo alla pagina;
4. compilare la domanda in ogni sua parte (anche il trattamento privacy) e allegare un documento di identità valido;
5. consegnare tutta la documentazione direttamente all'organizzazione che propone il progetto.

 

Se si è già iscritti a SCUP:
1. scaricare la domanda di partecipazione al progetto sul sito www.serviziocivile.provincia.tn.it, compilarla in ogni sua parte (anche il trattamento privacy) e allegare un documento di identità valido;
2. consegnare tutta la documentazione direttamente all'organizzazione che propone il progetto.

In caso di problemi informatici l'Ufficio Servizio Civile mette a disposizione lo sportello telematico per supporto nelle procedure, che sarà aperto il lunedì dalle 9 alle 13 e il giovedì dalle 14 alle 17 presso gli uffici di via Grazioli,1 a Trento.
Mercoledì 30 ottobre lo sportello si terrà dalle 15 alle 17.30 presso lo sportello giovani "Civico 13" in via Belenzani,13 a Trento.
I numeri di telefono per lo sportello telefonico sono 0461/493156 e 0461/493217.

Eventuali novità o aggiornamenti su www.serviziocivile.provincia.tn.it o tramite facebook alla pagina: WeSCUP - Il servizio civile trentino.
Per informazioni generali sul servizio civile o sulle modalità di partecipazione è possibile contattare l'Ufficio servizio civile in via Grazioli,1 a Trento - uff.serviziocivile@provincia.tn.it - 0461/494100.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato