Contenuto sponsorizzato

Tra spettacoli, laser e proiezioni 3D, grande successo e partecipazione per scoprire Molvius, il mostro del lago di Molveno

La scorsa estate si è presentato a residenti e turisti emergendo dall’acqua del lago, in inverno è stato avvistato in paese, e perfino sulle piste da sci. Il Comune di Molveno ha creduto in questa manifestazione, organizzata da Impact Hub Trentino in collaborazione con Società incremento turistico Molveno, Molveno Holiday e Azienda per il turismo Dolomiti Paganella

Foto Frizzera
Pubblicato il - 10 luglio 2019 - 12:34

MOLVENO. Una spiaggia affollata ha accolto per quattro sere Molvius, il mostro di Molveno, che proprio in occasione della quattro giorni è comparso non appena è calato il buio per uno spettacolo d’acqua, laser e proiezioni 3D.

"Molvius, tanti buoni motivi per amare i mostri" nasce da una domanda: chi ha detto che i mostri fanno paura? I mostri sono pelosi e giganti, ricoperti di squame, con denti aguzzi, a sei zampe. Sono creature fantastiche e abitano i sogni dei bambini, ma sono anche capaci di stimolare la fantasia degli adulti.

Ecco perché ci sono tanti buoni motivi per amare i mostri. A volte basta avere il coraggio di guardare oltre la superficie per rimettere in gioco la nostra immaginazione e osservare con occhi nuovi quello che abbiamo davanti. Alcuni luoghi più di altri sembrano adatti a fare da tana a creature fantastiche e animali leggendari. E il lago di Molveno è il nascondiglio perfetto.

 

Lo scorso anno oltre 100 illustratori si sono sfidati in una divertente gara che li ha messi alla prova con l’obiettivo di fare il ritratto alla creatura che abita le acque del lago di Molveno. Ha così preso forma – tra le mani di Nadia Groff – Molvius: un mostro verde, con una lunga coda, dentini appuntiti e calzini a righe bianche e rosse.

 

La scorsa estate si è presentato a residenti e turisti emergendo dall’acqua del lago, in inverno è stato avvistato in paese, e perfino sulle piste da sci. Il Comune di Molveno ha creduto in questa manifestazione, organizzata da Impact Hub Trentino in collaborazione con Società incremento turistico Molveno, Molveno Holiday e Azienda per il turismo Dolomiti Paganella.

Dal 4 al 7 luglio si sono alternati laboratori per bambini, che hanno creato mostri con borsette di carta e inventato draghi e altre bizzarre creature volanti, guizzanti o striscianti, intrecciando fil di ferro, rondelle, perline, bottoni e altri piccoli materiali di recupero, con kit di carte, cartone, colla, forbici, pennarelli, hanno dato forma a misteriosi micro-mondi, dove ambientare le avventure di Molvius e dei suoi improbabili amici.

 

Non sono mancati film a tema mostruoso. Avventura, fantascienza e animazione si sono alternate in una piccola rassegna che ha messo in scena sul grande schermo in riva al lago classici del cinema come 20 mila leghe sotto il mare, cartoon come The Song of Sea o ultime uscite come Acquaman. Numeroso il pubblico che nonostante il clima fresco delle nottate in riva al lago ha approfittato della suggestiva arena cinematografica.

 

Molvius si è mostrato al grande pubblico, una spiaggia gremita di oltre 1500 persone ogni sera in uno spettacolo ricco di effetti speciali, prima timoroso e guardingo, il mostro si è sentito a suo agio e si è messo perfino a ballare sulle note di Thriller di Michael Jackson divertendo Grandi e piccini.

 

Molvius nasce con lo scopo di ridisegnare l’immaginario del lago di Molveno, si propone come strumento di branding alternativo che punta ad unire alcuni punti forti del territorio, la fantasia e un’esperienza. Il turista o comunque chi si trova a passare da lì rimarrà incuriosito dalla storia di questa strana creatura con i calzini a righe che si è risvegliata dopo l’ultimo svuotamento del lago.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

22 ottobre - 13:03

“Non può esserci nessuna discontinuità con l’esecutivo precedente mantenendo le leggi più rappresentative del governo Lega-M5s”. Così i Dem roveretani chiedono l’abolizione dei decreti sicurezza firmati dall’ex ministro dell’interno Matteo Salvini

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato