Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, a Brunico gli alpini mettono a disposizione il piazzale della caserma per i test rapidi "drive-in"

Il 6° Reggimento Alpini ha reso disponibile il piazzale di una delle sue infrastrutture, al fine di poter ospitare un ulteriore team dell’azienda sanitaria destinato ad incrementare il numero di tamponi rapidi eseguiti a favore della popolazione

Di L.B. - 13 novembre 2020 - 18:04

BRUNICO. A Brunico l’Esercito Italiano si è rapidamente messo a disposizione della comunità locale. Rispondendo alla richiesta del Sindaco della città, il 6° Reggimento Alpini ha reso disponibile il piazzale di una delle sue infrastrutture, al fine di poter ospitare un ulteriore team dell’azienda sanitaria destinato ad incrementare il numero di tamponi rapidi eseguiti a favore della popolazione.


La struttura messa a disposizione delle Autorità Comunali è la Caserma “Enrico Federico” nella quale tutto è stato predisposto per effettuare tamponi rapidi: il personale da sottoporre a controllo affluisce previa prenotazione e senza la necessità di scendere dalla propria autovettura viene sottoposto all’esame clinico.

 

Una volta prelevati i campioni, gli utenti vengono portati in un’area di attesa dove, dopo un tempo stimato di circa 15 minuti, gli verrà comunicato il risultato del prelievo.


Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato