Contenuto sponsorizzato

La Mostra dell’agricoltura apre i battenti: ''Un segnale di fiducia a tutto il territorio''

C'è grande soddisfazione per tutte le realtà che lavorano in sinergia dietro le quinte di questa manifestazione, così come per gli enti istituzionali e le aziende private presenti con il proprio stand. La "Mostra dell’agricoltura" sarà visitabile anche domenica dalle 8.30 alle 19. Il biglietto di ingresso costa 3 euro, i bambini fino ai 10 anni di età entrano gratuitamente

Foto di Raffaele Merler
Pubblicato il - 17 ottobre 2020 - 17:47

TRENTO. Ha preso il via nella mattina di oggi, sabato 17 ottobre, la Mostra dell'agricoltura, un’edizione che si carica di un particolare valore simbolico, visto il periodo nel quale è stata collocata dopo il rinvio primaverile. C'è grande soddisfazione per tutte le realtà che lavorano in sinergia dietro le quinte di questa manifestazione, così come per gli enti istituzionali e le aziende private presenti con il proprio stand.

Questo è stato il leit motiv dei discorsi pronunciati dalle autorità chiamate a inaugurare l’evento. Dopo il saluto del presidente e della direttrice dell’Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei LaghiFranco Aldo Bertagnolli e Elda Verones, che hanno evidenziato come, anche in un periodo di forti restrizioni, adottando le misure idonee si possano organizzare in sicurezza manifestazioni importanti, l’onorevole Martina Loss, membro della Commissione agricoltura della Camera, ha ricordato il ruolo che gioca la Mostra nella promozione delle produzioni trentine e dell’attrattività turistica del territorio. Anche l’assessora Giulia Zanotelli si è detta convinta che il mondo agricolo possa fare da locomotiva per lo sviluppo del territorio, contribuendo a rafforzare il comparto turistico, e ha ricordato le campagne #lamiaterranonsiferma e “I Love Trentino", lanciate di recente per stimolare i trentini e gli ospiti delle altre regioni a consumare prodotti locali.

L’amministrazione comunale era rappresentata dal vicesindaco e assessore alle attività economiche e all'agricoltura, Roberto Stanchina e dall’assessora al turismo e alla cultura Elisabetta Bozzarelli: il primo si è soffermato sul ruolo giocato dai grandi eventi, volano per l’economia, non solo turistica, locale, la seconda ha ricordato la lunga storia che accompagna "La Casolara", custode di una preziosa tradizione locale nell’ambito della caseificazione. Il segretario generale Alberto Olivo ha sottolineato l’impegno della Camera di Commercio di Trento nella valorizzazione dei prodotti locali, mentre Gianluca Barbacovi, presidente della Coldiretti regionale, ha  menzionato gli sforzi che sta compiendo il comparto per produrre in maniera sempre più rispettosa dell’ambiente. Mauro Fezzi, presidente della Federazione Provinciale allevatori, si è invece augurato che questa pandemia ci insegni a consumare sempre più i cibi di casa nostra.

Il controllo all’ingresso con termoscanner, la vigilanza di tutto il personale presente all’intero dei padiglioni per evitare contatti troppo ravvicinati fra le persone e l’impiego di una tecnologia che conteggia in tempo reale il numero di persone presenti alla Mostra, garantiscono sia a chi lavora sia a chi visita la massima sicurezza.

 

Quest’anno tutti gli stand sono stati distribuiti su un unico piano e sul cortile esterno. Ci si può quindi muovere rapidamente fra le varie proposte, cominciando da "La Casolara", collocata al centro del padiglione B, che cattura subito l’attenzione degli ospiti con i profumi dei suoi formaggi di qualità. Basta una degustazione per togliere ogni dubbio anche ai più scettici. Ad attirare i più piccoli è la sezione che raccoglie gli animali, allestita dalla Federazione provinciale allevatori, con vacche, vitelle, cavalli, asini, pecore, capre, conigli e galline.

 

Gli amanti del nettare di Bacco possono recarsi a colpo sicuro allo stand della Camera di Commercio di Trento, per sorseggiare i vini rappresentativi del Trentino, mentre il Muse ha costruito per l’occasione un tavolo dedicato agli ortaggi, oltre ad offrire ai più piccoli uno spettacolo intitolato “La gang dell’orto”, domani proposto alle 11 e alle 15.

 

Coldiretti ha puntato su un’esposizione di attrezzi agricoli antichi e su attività per i più piccoli dedicate ai temi dell'alimentazione, della biodiversità e del ciclo dell'acqua, la Fondazione Mach gode di una vetrina all'interno dello stand della Provincia autonoma di Trento.
Infine viene riproposta "Domo", la parte dedicata all'edilizia, al risparmio energetico e alle nuove tecnologie, dove sono protagoniste aziende private impegnate in diversi settori produttivi legati alla casa e alla mobilità.

 

La "Mostra dell’agricoltura" sarà visitabile anche domenica dalle 8.30 alle 19. Il biglietto di ingresso costa 3 euro, i bambini fino ai 10 anni di età entrano gratuitamente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato