Contenuto sponsorizzato

Mercatini a Rovereto. Consorzio In Centro: ''Pronti a fronteggiare qualsiasi situazione per garantire l'atmosfera natalizia''

Si ritorna alle origini a Rovereto, con il consorzio dei commercianti che riprende in mano le redini dei mercatini natalizi dopo tanti anni. Manca poco tempo all'apertura e con la minaccia del coronavirus non sarà una sfida facile, ma si stanno già prendendo le misure necessarie per riuscire a godersi l'atmosfera natalizia in perfetta sicurezza

Di Mattia Sartori - 12 ottobre 2020 - 12:51

ROVERETO. Il mercatino di Natale ​di Rovereto torna nelle mani del consorzio dei commercianti, come alle origini. Il consorzio In Centro infatti, è riuscito a prevalere nel confronto con Everness di Agostino Carollo e Clochart di Michele Comite per l'organizzazione dell'evento natalizio per eccellenza della città.

 

Ci sarà poco tempo per organizzarsi, dato che si aprirà il 20 novembre per poi continuare fino al 6 gennaio. Poco più di un mese per mettere a punto tutti gli eventi che contribuiranno a far respirare ai cittadini l'atmosfera natalizia

 

"Punteremo molto sulle decorazioni della città, in particolare sulle installazioni luminose e le luminarie. Ci saranno un tappeto rosso che conduce al centro città, classici addobbi di Natale e molta pannellistica in generale. Cercheremo di seguire il tema natalizio classico, come da programma", commenta Massimo Moschini, presidente di Rovereto In Centro.

Ovviamente non è solo il poco tempo a preoccupare quest'anno. Rimane sempre la questione coronavirus, che crea problemi non indifferenti all'organizzazione di un evento come questo. La prossima settimana il Comune si riunirà per elaborare un protocollo al fine di garantire il distanziamento sociale e l'accesso sicuro, di massimo mille persone alla volta, alle aree del mercatino.

 

Gli eventi dal vivo verranno diminuiti e finora sono stati inseriti in agenda solo alcuni eventi corali. Si prova anche a prevedere qualche iniziativa al teatro Zandonai, ma non è ancora sicuro. Il mercatino si svilupperà su largo Foibe, cortile urbano e via Roma, dove verranno poste tra le 25 e le 30 casette. In piazza Malfatti invece si troverà il villaggio dei bambini, con qualche casetta pensata per i più piccoli.

 

Ma è ovviamente l'emergenza sanitaria a preoccupare: "Stiamo aspettando le misure di sicurezza che verranno pubblicate dal Comune nei prossimi giorni. Esiste la possibilità che vengano imposti blocchi particolarmente stringenti alle attività. Noi - aggiunge MOschini - speriamo che si possa fare tutto, ma siamo pronti anche ad affrontare regolamenti più restrittivi. Qualsiasi situazione ci troveremo a fronteggiare siamo comunque pronti a garantire ai cittadini l'atmosfera natalizia tipica del mercatino". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato