Contenuto sponsorizzato

"Oltre i 13", cambia il sistema di raccolta del residuo. Mastello individuale anche nei condomini tra le 14 e le 30 unità abitative

Cambia il sistema di raccolta differenziata per il rifiuto residuo. Dal 1° gennaio 2021 le utenze che abitano in condomini tra le 14 e le 30 unità abitative riceveranno un mastello ognuna. Anche i condomini oltre le 30 unità potranno richiederlo, ma sarà necessaria l'unanimità dell'assemblea condominiale

Di Mattia Sartori - 26 ottobre 2020 - 14:52

TRENTO. Cambia il sistema di raccolta del residuo. Dal 1° gennaio 2021 non verrà più applicata la tariffazione provinciale, ma entrerà in vigore la tariffa puntuale per tutti. Ogni nucleo familiare pagherà esattamente e solamente per il residuo che produce. La problematica più grande di questo sistema si trova nei condomini: bisogna infatti stabilire quanto residuo abbia prodotto ogni nucleo abitativo. Per questo entra in gioco il progetto "Oltre i 13".

 

"Oltre i 13" è il progetto che estende la misurazione puntuale della quantità di rifiuto residuo conferito da ciascuna famiglia ai condomini tra le quattordici e le trenta unità abitative (quelli sotto la soglia di tredici erano già stati inclusi nel 2017). D'ora in avanti le famiglie che abitano questi edifici saranno dotate di mastello individuale da trenta litri per la raccolta del residuo. 

 

Anche i condomini oltre le trenta unità abitative potranno usufruire di questa possibilità, ma, date le difficoltà logistiche della raccolta, sarà attivata solo se richiesta all'unanimità dall'assemblea condominiale. Se non viene attivata questa scelta, le utenze residenti in questi edifici dovranno conferire il rifiuto prodotto all’interno del cassonetto condominiale. Il volume totale registrato per l’utenza condominiale aggregata sarà poi ripartito tra tutte le singole utenze in base al numero di componenti del nucleo familiare e sarà utilizzato per il calcolo della quota variabile della bolletta. La volumetria dei contenitori per il rifiuto residuo sarà peraltro ridotta e i contenitori saranno numerati in modo che i cittadini possano riempirli progressivamente, così che gli operatori di Dolomiti Ambiente andranno a svuotare solo i contenitori pieni, al fine di ridurre i costi a carico del condominio.  

 

Il progetto "Oltre i 13" comprende anche l'attivazione del sistema Colombo per cinque edifici oltre le trenta unità abitative. In questi condomini ogni famiglia sarà dotata di mastello personale da svuotare poi in un cassonetto condominiale in grado di misurare il residuo prodotto da ogni famiglia

 

Rimane invece invariato il sistema di raccolta dei rifiuti sanitari (pannoloni, traverse, presidi sanitari) che andranno conferiti separatamente dal resto del residuo allo scopo di non farli entrare nel calcolo della volumetria. Dovranno essere utilizzati i sacchi appositamente distribuiti a chi ne ha diritto, lasciandoli fuori dai contenitori del residuo secondo il calendario previsto per la raccolta differenziata per la zona di residenza

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

30 novembre - 19:11

In Trentino c'è l'associazione Ama che grazie ai gruppi di auto mutuo aiuto è un sostegno fondamentale per tante famiglie. Qui la testimonianza di una famiglia letta per Ama da Giacomo Anderle

01 dicembre - 08:48

L'incendio a Levico è avvenuto nella zona di Quaere. Sulle cause sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine e non si esclude il dolo. Oltre cento vigili del fuoco sono stati impegnati, invece, per spegnere le fiamme che hanno avvolto un altro fienile a Curon 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato