Contenuto sponsorizzato

Risuona Italia, i giovani scendono in piazza per un concerto all’unisono all’insegna della cultura e dell’Europa

Promosso da Acri e realizzato con la media partnership di Tgr Rai, l’evento si tiene in occasione della Giornata europea delle Fondazioni, lanciata da Dafne (Donors and Foundations Networks in Europe), l’organizzazione che riunisce le associazioni di fondazioni del vecchio continente.

Pubblicato il - 01 ottobre 2020 - 15:13

TRENTOIl 1 ottobre 2020alle 11, l’evento “Risuona Italia” coinvolgerà tante piazze e una sola comunità: numerose orchestre giovanili suoneranno in simultanea in più di 50 città, l’Inno alla gioia nonché Inno d’Europa dalla Nona Sinfonia.

 

Promosso da Acri e realizzato con la media partnership di Tgr Rai, l’evento si tiene in occasione della Giornata europea delle Fondazioni, lanciata da Dafne (Donors and Foundations Networks in Europe), l’organizzazione che riunisce le associazioni di fondazioni del vecchio continente.

 

Si tratta di un’iniziativa che vuole raccontare le storie di inclusione promosse dalle Fondazioni in ogni luogo d’Italia. L’obiettivo, trasmesso a gran voce mediante l’utilizzo della musica, è quello di esortare alla ripartenza, uniti, all’insegna della solidarietà e dello spirito di comunità.

 

La scelta della musica come strumento capace di parlare a ogni cittadino del mondo dimostra la volontà di abbracciare tutti i popoli del continente e dimostra l'importanza dell’Unione Europea, che permette ai popoli che ne fanno parte di affrontare e superare le sfide più difficili.

Risuona Italia non si limiterà al concerto delle ore 11, ma vedrà il susseguirsi fino a sera di eventi in piazza, incontri, presentazioni, mostre e laboratori, per “raccontare” – con la voce dei protagonisti del territorio – le tante storie di inclusione sociale promosse dalle Fondazioni.

 

Il luogo «capofila» tra i cinquanta in cui quell’Inno verrà eseguito giovedì sarà (grazie alla collaborazione del Comune e dell’associazione La Nuova Europa) l’isola di Ventotene, dove il maestro Igor Coretti Kuret dirigerà i musicisti della European Spirit of Youth Orchestra.

 

Da Trento a Palermo, da Milano a Napoli l’Italia Risuonerà coinvolgendo i giovani protagonisti grazie alla “messa in rete” di organizzazioni del Terzo settore, con fondazioni, istituzioni locali e ragazzi. In Trentino i concerti saranno diffusi sul territorio, dove scuole di musica, associazioni e istituti primari suoneranno l’Inno alla gioia all’unisono.

 

I protagonisti sono: la scuola primaria di Zivignago che si esibirà nel cortile della scuola, in via degli Spiazzi a Pergine; la Scuola di Musica "I Minipolifonici" che farà risuonare la piazza Cesare Battisti a Trento; la scuola primaria di Sant'Orsola; il Minicoro e la Biblioteca Civica di Rovereto che si esibiranno nella suggestiva Piazza del Mart; la Scuola Musicale Giudicarie a Tione ed infine il comune di Pergine che darà luogo all’evento nel foyer del teatro comunale di Pergine.

 

Sarà possibile seguire i concerti sia in presenza che in streaming, sulla pagina Facebook di Fondazione Caritro. Questo evento si unisce alle iniziative già avviate da Fondazione Caritro per sostenere il territorio e la ripartenza. Negli scorsi mesi l’istituto di via Calepina ha stanziato 3,6 milioni di euro complessivi per una serie di operazioni volte a fronteggiare l’emergenza e per facilitare la ripartenza in gran parte già concretizzati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato