Contenuto sponsorizzato

Un anno da incorniciare per il turismo a Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi: ''Un trend strutturale ormai da un decennio''

I dati relativi all’anno da poco concluso testimoniano una crescita delle presenze del 5,5% e degli arrivi dell'8,7%. Agosto, luglio e dicembre i mesi più caldi per presenze, ma gli incrementi più significativi sono di giugno e aprile

Foto Archivio Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi
Pubblicato il - 31 gennaio 2020 - 19:46

TRENTO. L'ambito dell'Azienda per il turismo di Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi continuano a giocare un ruolo importante nella capacità di attrarre e, soprattutto fidelizzare, i turisti che scelgono il Trentino per le proprie vacanze. I dati relativi alle strutture alberghiere, extra-alberghiere e complementari evidenziano un totale di 1.252.957 presenze, un valore superiore del 5,54% a quello registrato un anno prima, mentre per quanto riguarda gli arrivi sono stati 429.949, un 8,72% in più rispetto al 2018.

 

"Questi numeri sono importanti – commenta Elda Verones, direttrice dell'Apt – perché sono solo gli ultimi di una lunga serie. Si tratta quindi di un tipo di crescita basata su elementi strutturali della nostra offerta, che riesce a combinare eccellenze assai diverse in grado di intercettare un target molto ampio di persone. L'offerta culturale ed enogastronomica della città, la qualità del territorio e le opportunità offerte per praticare tanti sport diversi, che connotano il Monte Bondone e la Valle dei Laghi, una proposta molto articolata, ma concentrata in un territorio relativamente contenuto. I grandi eventi ci danno la possibilità di farla conoscere, il gioco di squadra con le istituzioni, gli operatori economici e le realtà museali e associative ci danno la possibilità di renderla accattivante e sempre più fruibile".

 

Numeri che parlano di un ulteriore incremento, su entrambi i fronti, nel segno di una tendenza ormai consolidata da almeno un decennio. Un percorso legato alla capacità di proporre un'offerta diversificata come poche, che, grazie alle caratteristiche di un territorio particolarmente composito, si muove tra cultura, natura, enogastronomia e sport, dipanandosi in maniera omogenea su tutti i dodici mesi dell’anno.

 

"Sapevamo che gli ottimi risultati conseguiti negli ultimi anni avrebbero potuto essere ulteriormente migliorati – dice Franco Aldo Bertagnolli, presidente dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi – perché conosciamo bene le grandi potenzialità del nostro territorio. La strada intrapresa, che consiste nel differenziare l'offerta sfruttando i diversi punti di forza delle diverse aree turistiche e nel potenziare l'appeal del nostro ambito nelle stagioni intermedie, è quella giusta".

 

Il mese più gettonato rimane quello di agosto con 164.532 presenze e 55.405 arrivi, seguito da luglio con 151.297 presenze e 50.416 arrivi, anche grazie all’attrattività dell’evento sportivo legato alla bicicletta de “La Leggendaria Charly Gaul”, e da dicembre, che, con il contributo del Mercatino di Natale di Trento e della proposta di “Trento, Città del Natale”, è valso 120.607 presenze (+3,34%) e 43.060 arrivi (+5,76%). I miglioramenti più significativi, per quanto concerne presenze sono quelli di giugno (+13%) e aprile (+12%), mentre sul fronte degli arrivi si notano in corrispondenza dei mesi di aprile (+16%), ottobre (+18%) e soprattutto novembre (+20%). Un aspetto importante, che certifica il miglioramento delle performance in periodi solitamente meno affollati.

 

"Un altro dato interessante - aggiunge Bertagnolli - che si è cominciato a intravedere negli anni più recenti, è quello che evidenzia differenze sempre meno pronunciate fra i diversi periodi e quindi che gli sforzi, peraltro perseguiti in tutto l'ambito provinciale, nella direzione di destagionalizzare la proposta, stanno dando buon esito".

 

Gli ospiti provenienti dal mercato nazionale fanno segnare un +6,7% per quanto riguarda le presenze (839.877) e un +10% per quanto concerne gli arrivi (271.431), così come gli stranieri, che sono cresciuti nella misura del 3,3% per quanto concerne le presenze (413.080) e del 6,5% per quanto riguarda gli arrivi (158.518).

 

I mesi più caldi per la città sono quelli di dicembre (90.084 presenze e 33.997 arrivi), luglio (89.345 presenze e 37.529 arrivi) e agosto (88.078 presenze e 41.018 arrivi). Il capoluogo contribuisce al risultato finale con un aumento di presenze del 6,35% (922.822) e di arrivi del 9,8% (345.022). Gli ospiti italiani sono cresciuti del 10,4%, quelli stranieri dell’8,7%, quindi in città vi è una certa omogeneità in merito alla risposta fornita dai diversi mercati.

 

Sul Monte Bondone le presenze sono aumentate del 4,26% (212.130 il totale) e gli arrivi del 6,67% (59.533 in totale). In questo caso i mesi di punta sono febbraio (31.428 presenze e 7.436 arrivi), agosto (31.365 presenze e 8.025 arrivi), gennaio (28.263 presenze e 6.475 arrivi). Infine in Valle dei Laghi le presenze sono aumentate del 3,88% (102.649 in totale), mentre gli arrivi del 3,42% (23.751 in totale).

 

Scorporando la provenienza degli ospiti italiani nell’intero ambito, il numero maggiore arriva dal Veneto, regione seguita dalla Lombardia, dall’Emilia Romagna e dal Lazio. In merito agli stranieri, dominano ovviamente i tedeschi (118.092), seguiti dai cechi (62.511), dagli olandesi (22.542), dai polacchi (17.504) e dagli austriaci (15.617).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

23 ottobre - 09:27

Il premier Conte si è dato una settimana o dieci giorni di tempo per decidere. Si dovranno valutare gli effetti delle misure che sono state messe in campo nei giorni scorsi. Si stanno già pensando, però, nuove strette anti covid. Intanto le Regioni sulle chiusure vanno in ordine sparso 

23 ottobre - 08:50

Il governatore ha annunciato l'arrivo di una nuova ordinanza che andrà ad introdurre nuove restrizioni contro gli assembramenti.  A Belluno, intanto, in 24 ore sono state registrati ben 92 nuovi positivi e aumenta di 3 il numero dei decessi  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato