Contenuto sponsorizzato

Dopo lo stop imposto dal Covid, riprende il concorso straordinario per il personale docente della Scuola secondaria di primo e secondo grado

Le regole per fronteggiare il contagio Covid-19 saranno stringenti, i candidati dovranno indossare obbligatoriamente le mascherine fornite dall’amministrazione all’ingresso della sede concorsuale

Pubblicato il - 10 febbraio 2021 - 16:24

TRENTO. Riprende il concorso straordinario per titoli e esami per 170 posti a tempo indeterminato rivolti al personale docente della Scuola secondaria di primo e secondo grado e per l'insegnamento del sostegno nelle Istituzioni scolastiche provinciali a carattere statale della Provincia di Trento. Le prove si svolgeranno in due turni nelle giornate del 15, 16 e 19 febbraio.

 

Le regole per fronteggiare il contagio Covid-19 saranno stringenti, i candidati dovranno indossare obbligatoriamente le mascherine fornite dall’amministrazione all’ingresso della sede concorsuale.

 

Inoltre, in ottemperanza del Protocollo di svolgimento dei concorsi pubblici emanato dalla Presidenza del consiglio dei ministri – Dipartimento funzione pubblica a inizio febbraio, salvo modifiche o revisioni da parte del Ministero, ai candidati è richiesto di presentare all’ingresso del concorso un referto relativo a un test antigenico o molecolare, effettuato mediante tampone oro/rino-faringeo, in una struttura pubblica o privata accreditata/autorizzata in data non antecedente a 48 ore dalla data di svolgimento delle prove.

 

Nello scorso mese di novembre, la pandemia aveva imposto una sospensione delle prove del concorso straordinario per titoli e esami, bandito a luglio 2020, per 170 posti a tempo indeterminato per il personale docente della Scuola secondaria di primo e secondo grado e per l’insegnamento del sostegno. Nei prossimi giorni  riprenderanno regolarmente le prove che riguarderanno 13 classi di concorso per un totale di 90 candidati, che andranno ad aggiungersi alle 26 classi  che avevano già concluso l’iter concorsuale. 

 

Nei prossimi giorni usciranno le date di convocazione per la classe di concorso A077 Lingua e cultura ladina, con l’espletamento della quale il concorso potrà definirsi concluso.

 

AGGIORNAMENTO. La Pat ha chiarito che sono state cambiate le modalità di accesso ai candidati. Il Ministero ha infatti stabilito che solamente i candidati provenienti dalle aree classificate a livello di rischio alto (“zone rosse”) dovranno presentare, all’atto dell’ingresso nell’area concorsuale, un referto relativo ad un test antigenico rapido o molecolare, effettuato mediante tampone oro/rino-faringeo presso una struttura pubblica o privata accreditata/autorizzata in data non antecedente a 48 ore dalla data di svolgimento delle prove. La stessa previsione vale per i candidati che svolgano la prova presso sedi collocate nelle “zone rosse”. 

 

Per i candidati che non provengono da zona rossa, sarà  sufficiente compilare l’autodichiarazione scaricabile dal portale “Vivoscuola”  avendo cura di barrare l’opzione relativa alla non provenienza da "zona rossa".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
01 febbraio - 13:05
Il Comune di Riva del Garda ha dato il via a un’ambigua operazione: teatro e palasport sono stati barattati per la Miralago (che era già [...]
Cronaca
01 febbraio - 12:40
E' una sorta di “banca del seme” quella realizzata da “La Pimpinella”, l'associazione per la tutela della biodiversità agricola. I [...]
Ambiente
01 febbraio - 10:56
Dopo solo quattro giorni dal rilascio il lupo “Leonardo” (è un maschio di 32,6 chili) è stato ripreso da una videotrappola assieme [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato