Contenuto sponsorizzato

"Exitus. Il passaggio", tra Pergine e Pinzolo il thriller medievale tutto trentino, il regista: ''Un progetto nato dalla forte volontà di questa comunità''

“Exitus. Il passaggio” un thriller medievale che parla di vita e di morte, di signori e di dame e del successo di una comunità. Dopo il David di Donatello e la proiezione al Los Angeles Film Festival, oggi diventa un dvd. Bencivenga: "Progetto nato dalla forte volontà di una comunità di persone. Volevamo portare Pergine Valsugana fuori dai confini locali, e insieme, ci siamo riusciti”

Di laura Gaggioli - 02 May 2021 - 18:58

PERGINE VALSUGANA.Exitus. Il passaggio” un thriller medievale tra la vita e la morte, 100% made in Trentino, ambientato a Pergine Valsugana e Pinzolo, diretto da Alessandro Bencivenga, dopo 2 anni di successi e quasi 300 proiezioni, oggi diventa dvd.

 

Sin dalle premesse del film, c’erano già tutte le carte in regola affinché questo progetto, così lungimirante e particolare, trovasse un importante riscontro tra il pubblico fino a riuscire a oltrepassare i confini trentini e arrivare, non solo in tutta Italia, ma addirittura a Los Angeles.

 

Film uscito in sala nel 2019, racconta una vicenda realmente accaduta al termine della terribile pandemia che attraversò l’Europa nel 1300. Una giovane donna, promessa sposa del signore del Castello di Pergine Valsugana, sta arrivando nel principato di Trento, ma ad attenderla non c’è ne amore ne passione, solo paura e violenza. Affida così alle pagine di un diario le sue sofferenze. Due secoli dopo, Simone Baschenis, affermato pittore bergamasco alle prese con l'opera più monumentale della sua carriera, l'affresco delle mura esterne della chiesa di Pinzolo, ne ritrova le parole scritte e finisce così per trasportare all'interno della sua opera, una della più celebri danze della morte.

Quello che rende speciale questa pellicola è dunque la capacità di unire nello stesso prodotto due epoche come quella del 1300 e quella del 1500, unendo non solo due paesi, ma anche il vecchio con il nuovo, il digitale con il tradizionale, il professionista con il dilettante, per dar vita a un film artigianale, ma mai amatoriale

 

“E’ un progetto nato dalla forte volontà di questa comunità, di personaggi come Sandro Zampedri, che purtroppo poco tempo fa ci ha lasciato, Paolo Stefani e Elio Voltolini, produttore del progetto, e tanti altri, che hanno reso possibile tutto questo, credendoci fortemente. Da solo, non sarei andato da nessuna parte” commenta Alessandro Bencivenga, regista.

 

Infatti, accanto a nomi lustri e premi oscar del cinema italiano come Athina Cenci, Giuseppe Cederna, Gigio Alberti, Gabriele Buselli, Erica Zambelli e Edoardo Siravo è poi la comunità di Pergine Valsugana, con i suoi attori filodramattici, i suoi artigiani e i suoi sostenitori, a prendere parte all’opera e a concretizzarla, partecipando alla stesura della storia, recitando parti, costruendo intere scenografie e costumi.

“Il budget era limitato, ma insieme abbiamo realizzato un’opera d’eccellenza - continua Bencivenga - sono infatti molti i riconoscimenti arrivati, uno su tutti la selezione al David di Donatello, sino alla proiezione al Los Angeles Film Festival lo scorso aprile, vetrine di prestigio accanto ai nomi più famosi del cinema internazionale".

 

Le proiezioni in sala dovevano essere più di 700, ma poi il covid ha fermato l'avanzata verso il successo. "Per portare di nuovo in scena Exitus abbiamo deciso di trasformarlo in un dvd, continuando questo progetto con la stessa filosofia che ci ha contraddistinti sin dall'inizio, per ringraziare chiunque ci abbia aiutato - spiega ancora Bencivenga - per la vendita del dvd abbiamo infatti coinvolto gli esercizi commerciali locali senza rivolgerci le grandi catene di distribuzione”.

 

Ecco così che, un film nato da un sogno di poche persone, diventa un prodotto di cui rendere orgogliosa una comunità intera e che insegna a non mollare e a non farsi scoraggiare, soprattutto quando si hanno le idee chiare e un'impresa è ambiziosa da realizzare, come quella di registrare un film. “Sapevamo che non ci saremmo fermati qua, volevamo portare Pergine Valsugana fuori dai confini locali, e insieme, ci siamo riusciti”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 May - 09:28
L’impatto è stato così violento che il rimorchio del camion si è ribaltato spargendo il suo carico di rifiuti sulla carreggiata, la viabilità [...]
Cronaca
23 May - 10:00
Mauro Favalli si trovava assieme ad alcuni amici motociclisti quando ha perso il controllo del mezzo sul quale stava viaggiando schiantandosi [...]
Cronaca
23 May - 08:24
Grande cordoglio per la scomparsa di Enrico Giovannini vittima di un incidente in montagna: “Penso che sia stato un piacere conoscerti, ridere [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato