Contenuto sponsorizzato

E' online la landing page di "The Rude Awakening", ambientato al Forte Belvedere Gschwent di Lavarone: un videogame per far conoscere la storia alle nuove generazioni

"The Rude Awakening” è già disponibile on-site a Forte Belvedere e nei siti museali dei partner di progetto, in Austria, Slovenia, Germania e Macedonia del Nord. Il regista Renzo Carbonera, art director dell’iniziativa: "Il gaming è uno strumento potentissimo: un ragazzo sloveno può imparare da remoto la storia degli Altipiani Cimbri durante la Grande Guerra"

Pubblicato il - 28 gennaio 2022 - 20:13

TRENTO. E' online la landing page del videogame "The Rude Awakening", che dai primi di febbraio sarà scaricabile in versione mobile su Google Play e Apple App Store. Frutto di un progetto europeo che ha coinvolto nove partner con capofila la Fondazione Belvedere Gschwent di Lavarone, il videogioco ripercorre la vita dei soldati durante la Prima Guerra Mondiale.

 

Può un videogame raccontare la tragedia della Prima Guerra Mondiale? I giochi di guerra non sono una novità, nel mondo del gaming, ma l’obiettivo della Fondazione Belvedere Gschwent e degli altri partner del progetto europeo “The Rude Awakening” non era certo quello di creare un nuovo sparatutto o un gioco di strategia bellica: al contrario, il videogioco è stato fin da subito immaginato come strumento educativo per far conoscere la storia alle nuove generazioni, sensibilizzando soprattutto i giovani tra i 13 e i 20 anni sul tema della guerra e della pace.

 

"The Rude Awakening” è già disponibile on-site a Forte Belvedere e nei siti museali dei partner di progetto, in Austria, Slovenia, Germania e Macedonia del Nord. E' online la landing page e dai primi di febbraio il game sarà scaricabile in versione mobile su Google Play e Apple App Store. Il game sarà disponibile in quattro lingue (inglese, italiano, francese e tedesco), con quattro livelli di difficoltà per un totale di cinque ore di gioco.

 

Per realizzare il game, si è riunito un consorzio di nove partner europei: un’azienda digitale specializzata in videogiochi e realtà virtuale, Centounopercento - 101% studios; tre musei/centri storici legati al tema dei conflitti armati: Forte Belvedere in Italia, Gornjesavski Muzej in Slovenia e il Centro Macedone per la Fotografia nella Repubblica della Macedonia del Nord; quattro associazioni e Ong che si occupano dei temi del ricordo e dell'educazione alla pace attraverso azioni di promozione culturale, Alda (Francia), Memoire pour la vie (Francia), World of NGOs (Austria) e Danube Connects (Germania); e il Comune di Lavarone, che ospita un sito storico.

 

“Il progetto è cofinanziato dal programma Media dell'Unione europea e poi è stato realizzato anche grazie ai fondi del Gal - Trentino Orientale per la tutela e la riqualificazione del patrimonio storico-culturale del territorio e alle risorse della Fondazione Caritro per lo sviluppo digitale della cultura”, ricorda il regista Renzo Carbonera, art director dell’iniziativa. “Non è un dettaglio di poco conto o un mero formalismo, ma la dimostrazione concreta che i soggetti della cultura devono sempre di più farsi promotori di sinergie tra il livello territoriale e quello sovranazionale, superando i localismi e riconoscendosi in un contesto ampio come quello europeo. Il gaming in questo senso è uno strumento potentissimo: un ragazzo sloveno può imparare da remoto la storia degli Altipiani Cimbri durante la Grande Guerra, la stessa guerra nella quale hanno combattuto i suoi antenati. Si creano connessioni fortissime che sono pienamente coerenti con lo spirito europeista della Fondazione Belvedere Gschwent, prima fondazione di carattere internazionale della provincia di Trento”.

 

Per fortunata coincidenza in questi giorni è uscito nelle sale cinematografiche l’ultimo film di Renzo Carbonera, Takeaway (2021, Italia / Germania), girato in parte in Trentino anche grazie al sostegno della Fondazione Belvedere Gschwent.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 May - 20:51
Il 54enne Enrico Giovannini è precipitato mentre tentava di raggiunge la cima Presanella, Barbara De Donatis, di soli 29 anni, è morta per un [...]
Cronaca
22 May - 20:31
All'alba era partito con ramponi e piccozza, oltre agli sci agganciati allo zaino, per raggiungere la vetta con l'amico Andrea Bonn. Era molto [...]
Cronaca
22 May - 16:45
In alcuni casi oltre alla pioggia è arrivata anche la grandine che nella zona di Folgaria e Lavarone ha raggiunto le dimensioni di una pallina da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato