Contenuto sponsorizzato

A 3.000 metri scoperti i resti di due soldati austroungarici

Il ritrovamento è avvenuto nei pressi del Crozzon di Lares, ad una quota di 2910 slm nel territorio del comune di Spiazzo. La notizia arriva a poche settimane di distanza da quella della scoperta di un caduto italiano nei pressi del versante occidentale del Cavento

I ritrovamenti dei soldati austroungarici a 3.000 metri
Pubblicato il - 14 settembre 2016 - 19:45

TRENTO. La segnalazione, avvenuta da parte del signor Massimo Chizzoni di Brescia, ha permesso il recupero di resti umani scheletrizzati appartenenti a due distinti individui che, ad una prima analisi, potrebbero essere stati soldati dell'esercito austrungarico.

 

Il ritrovamento è avvenuto nei pressi del Crozzon di Lares, ad una quota di 2910 slm nel territorio del comune di Spiazzo ed ha richiamato l'intervento dei tecnici dell'Ufficio beni archeologici della Soprintendenza per i beni culturali, insieme ai Carabinieri della Stazione di Carisolo, coadiuvati dal museo di Pejo “1914-1918 la guerra sulla porta” e dalla Cooperativa Guide Alpine del Trentino. L'intervento si è avvalso anche del supporto logistico del Nucleo Elicotteri della Provincia.

 

La notizia arriva a poche settimane di distanza da quella della scoperta di un caduto italiano nei pressi del versante occidentale del Cavento per il quale, sempre in seguito alla segnalazione di un escursionista, si è intervenuti con un analogo recupero.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 12:54

I carabinieri di Canal San Bovo stavano indagando da tempo dietro a quello che sembrava un incidente, avvenuto il 3 luglio. Ora è arrivata la denuncia per il reato di lesioni personali, danneggiamento e fuga

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato