Contenuto sponsorizzato

Padre Mario Borzaga sarà beatificato l'11 dicembre

Il religioso trentino morì a Laos nel 1960 a soli 27 anni. L’arcivescovo Lauro Tisi ha annunciato una grande festa di ringraziamento per la beatificazione, a Trento nell’aprile 2017.

Pubblicato il - 11 settembre 2016 - 09:51

Il missionario padre Mario Borzaga, sarà beatificato a Vientiane, capitale del Laos, domenica 11 dicembre 2016, insieme al catechista laotiano Paolo Thoj Xyooj, morto insieme a padre Mario. Con loro saranno beati altri quindici martiri, caduti nel Paese del sud-est asiatico per testimoniare la loro fede, soprattutto negli anni Sessanta.

 

La celebrazione sarà presieduta dal cardinale Orlando Quevedo, arcivescovo di Cotabato nelle Filippine, membro della Congregazione degli Oblati di Maria Immacolata (OMI) a cui apparteneva anche padre Mario. “Una gioia che colma un’attesa lunga e incerta”, commenta padre Alberto Gnemmi, superiore della Congregazione, citando la lettera della Segreteria di Stato vaticana che stabilisce, su disposizione di papa Francesco, il giorno della beatificazione.

 

Padre Mario divenne prete nel 1957 e subito partì per la missione nel Laos in preda alla guerra civile. Il 25 aprile 1960 s’incamminò, insieme al catechista laico Paolo, diciannovenne, per visitare alcuni villaggi nel nord del Paese. Lungo il tragitto vennero però uccisi da alcuni guerriglieri Pathet Lao, contrari alla presenza dei missionari. Inizialmente furono considerati dispersi; dopo tre anni si ritenne fossero stati uccisi, ma il loro corpo non fu mai ritrovato. Il passaggio determinante per la

beatificazione si è avuto con il riconoscimento del martirio compiuto “in odio alla fede”, come sottolineava il decreto firmato da papa Francesco il 5 maggio 2015.

 

L’arcivescovo di Trento Lauro Tisi ha annunciato una grande festa di ringraziamento per la beatificazione, a Trento nell’aprile 2017. «Un figlio di questa terra – riflette monsignor Tisi – ci ha dato la lezione evangelica più grande: il seme che cade in terra muore, ma porta molto frutto. Il martirio di padre Mario dimostra che la vita messa in gioco per raccontare l’amore infinito di Dio per ogni uomo e soprattutto per i più piccoli capovolge le gerarchie umane». Citando gli scritti di Borzaga l’Arcivescovo conclude: «Padre Mario era gioiosamente innamorato di questo Dio che mette se stesso in fondo alla lista e dice “chi si umilia, sarà esaltato”. Questo è il senso della beatificazione».

 

Commossa la sorella di padre Mario, Lucia Borzaga, oggi 80 enne, l’unica di quattro figli ancora in vita: «Finalmente un punto fermo! Sono felice. Una notizia che attendevamo da tempo. Temevo di non poter arrivare a vedere riconosciuto quanto la pur breve vita di mio fratello fosse stata straordinaria. Dio mi ha concesso questo dono. Grazie a coloro che hanno lavorato con me per la beatificazione».

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, sabato sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

22 settembre - 16:50

Zanetti è stato ritenuto “colpevole” di aver espresso solidarietà alla senatrice, recentemente passata da Forza Italia al nuovo gruppo fondato da Matteo Renzi, ma lui sottolinea: “Per capire serve cultura politica, c'è chi ce l'ha e chi no, per i secondi il silenzio è d'oro”

22 settembre - 14:57

Nelle sole due serate si sono superate le 22mila presenze. Alta la partecipazione anche a Poplar Cult nella fascia pomeridiana. Presenti persone di tutte le età e moltissime famiglie. Bocchio: "E' andato tutto bene e il successo di quest'anno dimostra un consolidamento del festival anche grazie al rapporto con le istituzioni". L'evento è stato seguito da Euregio Group che lo ha raccontato attraverso il Dolomiti, Radio Nbc, Radio Italia Anni 60 e Trentino Tv

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato