Contenuto sponsorizzato

"Refugees NOT welcome", la protesta di CasaPound con 50 striscioni in A22 e la "resa" all'inglese

Il movimento ultra nazionalista di destra ha tappezzato l'autostrada da Ala al Brennero di striscioni. "Le nostre città sono ostaggio della criminalità e del degrado. Le scelte criminali a riguardo stanno causando la perdita dei nostri quartieri, l'indebolimento del nostro sistema sociale e lo sradicamento culturale del nostro popolo"

Di Luca Pianesi - 13 July 2017 - 10:46

TRENTO. Una cinquantina di striscioni posizionati lungo l'A22 tra il Brennero e Ala. Questa notte chi ha percorso l'autostrada avrà notato le scritte "Refugees NOT welcome" scritte in nero su lenzuolo bianco e tartaruga con guscio ottagonale a firmare l'opera. L'iniziativa di protesta contro le politiche di accoglienza è stata fatta da CasaPound che ha tappezzato tutta la tratta regionale e i caselli con la stessa scritta, in inglese. "Questi immigrati avranno anche il costoso 'benvenuto' delle sinistre e della Caritas - spiegano i rappresentanti del movimento di destra - ma non hanno né il nostro, né sopratutto quello del nostro popolo".

 

"Le nostre città sono ostaggio della criminalità e del degrado che questo selvaggio fenomeno migratorio comporta, e questo avviene sotto lo sguardo accondiscendente di una classe politica che ha già dimostrato di non avere il popolo italiano tra le sue priorità - spiega Andrea Bonazza coordinatore regionale di CasaPound -. Le scelte criminali a riguardo stanno causando la perdita dei nostri quartieri, l'indebolimento del nostro sistema sociale e lo sradicamento culturale del nostro popolo".

 


 

Curiosa, in questo senso, la scelta di affidarsi a degli striscioni in inglese. A quanto pare la "difesa" della nazione non passa più dall'utilizzo dell'italiano e sono lontani gli anni del tentativo di italianizzare qualsiasi parola straniera (del '38 la circolare del partito nazionale fascista che imponeva di tradurre, per esempio, i nomi degli artisti: da Louis Armstrong - Luigi Braccioforte, a Benny Goodman - Beniamino Buonomo. Del '40 la legge quella sui termini: dal sandwich - tramezzino, al whisky - acquavite, dal bob - guidoslitta, al ferry boat - trenobattello). L'Italia, all'epoca, passava anche dall'italiano (come dimenticare la squadra di calcio Internazionale, perché troppo "internazionale" venne tramutata in Ambrosiana) oggi anche i movimenti ultra nazionalisti si affidano all'inglese.

 

Ma il tema, ovviamente, non è la lingua, è lo straniero e le politiche di accoglienza. "Le politiche italiane sull'accoglienza sono sempre state fuori controllo e tutta Europa sembra essersene resa conto, tranne noi - prosegue Andrea Bonazza nella sua nota -. Sono diverse centinaia i sedicenti profughi che il Trentino Alto Adige ha dovuto ospitare in un solo mese e tanti ancora ne arriveranno nelle prossime settimane. Questo morboso desiderio di accoglienza indiscriminata non è altro che il sintomo di una politica ormai esanime, priva di polso e amore verso i propri connazionali, e succube delle folli imposizione del governo".

 

"Noi di CasaPound non abbiamo nessuna intenzione di arrenderci a questa violenta invasione - conclude Andrea Bonazza - tutti coloro i quali bramano di fare cassa con il business dell'accoglienza, sacrificando la nostra nazione, ci troveranno sempre in lotta a difesa delle mura delle nostre città".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 March - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 March - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

02 March - 19:40

C'è la firma sul nuovo Dpcm, il primo del premier Draghi, che entra in vigore dal 7 marzo al 6 aprile, Pasqua inclusa. Un'altra novità riguarda cinema e teatri. "Dal 27 marzo sarà possibile con una prenotazione online, tornare a frequentare i luoghi della cultura"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato