Contenuto sponsorizzato

Sapori di primavera, in archivio la tredicesima edizione. L'appuntamento con il gusto torna in ottobre

La kermesse dedicata ai prodotti tipici delle regioni d’Italia e condita da quattro giorni di bel tempo si conferma appuntamento irrinunciabile. Milo Marsili: "Una manifestazione longeva e peculiare"

Pubblicato il - 12 marzo 2017 - 21:03

TRENTO. Dopo quattro giorni di sole e temperature tiepide, cala il sipario sulla tredicesima edizione di 'Sapori di primavera'. "Anche grazie a queste splendide giornate - commenta il presidente di Keeptop Fiere Milo Marsili - il successo di una manifestazione così longeva conferma la sua irrinunciabilità e la sua peculiarità. Una manifestazione che piace ai visitatori e agli espositori: anche i trentini che hanno aderito per la prima volta hanno trovato soddisfazione e questo è motivo di fiducia".

 

La mostra mercato dei prodotti alimentari tipici d’Italia e i suoi profumi hanno deliziato i visitatori tra la ventina di stand che hanno animato piazza Fiera negli ultimi quattro giorni, a ogni passo si accennava una sosta: gli espositori, piccoli commercianti per la maggior parte, provenienti da ogni angolo del Paese, sono stati prodighi di assaggi e degustazioni e i visitatori non si sono certo tirati indietro.

 

Dal pesto ligure ai salumi toscani, dal cioccolato ai formaggi caprini, ogni regione valeva una tappa. Farinata di ceci della Liguria, cacio cavallo campano, taralli e olive pugliesi di dodici tipologie, salsicce calabresi, pane carasau e mirto, dolci lombardi e paste di mandorla siciliane dalla varietà incredibile: dal pistacchio al cocco, dallo zenzero al miele, dal cedro alla nocciola, dalla nutella ai fichi, un vero e proprio trionfo del gusto. Un tripudio di sapori, delizie per il palato ma anche per la vista e l’olfatto: ad arricchire i profumi delle prelibatezze tipiche delle regioni italiane, anche la grazia e la delicatezza di piante e fiori che hanno attirato l’attenzione di molti.

 

Complici le belle giornate, i visitatori non si sono fatti mancare nemmeno pranzi e spuntini in compagnia: panini con hamburger e taglieri con salumi della val di Fassa, ma anche tigelle, piadine e gnocco fritto direttamente dall’Emilia Romagna e birre artigianali tutte trentine. Fra un selfie con il bicchiere e uno scatto in compagnia del proprio piatto, complici le meravigliose giornate di questo anticipo di primavera, piazza Fiera si è rivelata la cornice ideale per un aperitivo, un pranzo di lavoro o con la famiglia, non solo per i trentini ma anche per i numerosi turisti che, incuriositi e attirati dalla gran quantità di eccellenze enogastronomiche, si sono soffermati fra gli stand. Il prossimo appuntamento con il gusto è per ottobre con la 'Piazza dei sapori'.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 gennaio - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato