Contenuto sponsorizzato

Speck&Tech: un ponte tra istruzione e mondo del lavoro

Questa sera l'evento organizzato in collaborazione con EIT Digital affronta il tema delle Digital Cities e rientra nel ricco programma di Trento Smart City Week

Di Luca Andreazza - 12 settembre 2016 - 13:41

TRENTO. Questa sera alle 21 appassionati di nuove tecnologie, startuppers, studenti e ricercatori, informatici e programmatori si ritroveranno per condividere conoscenze, potenziale innovativo, opportunità di networking e carriera nell'evento "Speck&Tech" organizzato a Impact Hub Trentino in via Sanseverino 95.

 

Riunendo persone con esperienze anche molto diverse, "Speck&Tech" vuole fungere da ponte tra istruzione e mondo del lavoro, fornendo alle aziende giovani professionisti ICT e allo stesso tempo offrire ai laureati la possibilità di incontrare datori di lavoro in cerca di nuove assunzioni.

 

"Siamo una giovane community che parla di tecnologia e innovazione. Abbiamo già organizzato 4 eventi su argomenti diversi coinvolgendo circa 300 persone - spiega Francesco Bonadiman, responsabile Marketing & Communications Officer degli EIT Digital Alumni - ", ma sempre con un approccio divulgativo. Si tratta appunto di eventi divulgativi e partecipativi, nati dalla volontà di un gruppo di giovani professionisti e studenti che hanno deciso di unire le proprie forze nel tentativo di costruire qualcosa di concreto. Il nostro team è composto da Giulio Michelon, Giovanni Frigo, Luca D'Incà e Pietro De Grandi (di Belka, un team di design e sviluppo di software) per finire con Williams Rizzi (studente di Informatica dell'Università di Trento). "Speck&Tech" vuole però mantenere un contatto diretto e infatti proponiamo nel corso degli incontri speck e salumi di Segata Carni invece dei soliti stuzzichini. Tutto per diminuire le distanze".

 

L'evento di questa sera, coordinato con Eit Digital, l'organizzazione Europea che punta su innovazione digitale e formazione imprenditoriale, che si intitola "Digital Cities" e rientra nel programma Trento Smart City Week, vedrà le autorevoli partecipazioni di Derrick de Kerckhove (ex direttore del Programma McLuhan in Cultura e Tecnologia presso l'Università di Toronto (Canada) e direttore dell'Interdisciplinary Internet Institute dell'Universitat Oberta de Catalunya a Barcellona in Spagna) e Roberto Minerva (Presidente dell'Iniziativa Internet of Things di IEEE e attualmente impegnato a TIM Lab in attività di ricerca legate a 5G, Big Data, architettura per IoT e tecnologie ICT per sfruttare nuovi modelli di business). 

 

"Speck&Tech" rappresenta quindi un evento in pieno spirito Impact Hub Trentino, cioè una rete internazionale di spazi e persone dove imprenditori, creativi e professionisti possono accedere a risorse, al fine di ispirare e sviluppare idee innovative e potenziare relazioni utili, per individuare nuove opportunità di mercato. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato