Contenuto sponsorizzato

In viaggio col Treno della Memoria, direzione Auschwitz. Il diario dei giovani trentini

Sono 700 i ragazzi che oggi sono partiti per la Cracovia. Circa 180 i trentini che in questa settimana racconteranno per il Dolomiti emozioni, esperienze e quanto vedranno durante questo importante viaggio. Margherita, Caterina e Francesco spiegano cosa si aspettano e come sono arrivate fino a qui

Il momento della partenza dei ragazzi trentini da Piazza Dante
Di Luca Pianesi - 02 febbraio 2017 - 18:13

TRENTO. Sono partiti oggi verso l'ora di pranzo. Le emozioni sono variabili: tutti sanno che andranno incontro ad un'esperienza forte, importante per la loro crescita e formazione. Ma poi, giustamente (sono tutti ragazzi di età compresa tra i 17 e i 24 anni) c'è anche la curiosità, la voglia di fare nuove conoscenze e nuove esperienze. Sono circa 180 i ragazzi trentini, ai quali durante il viaggio si sono aggiunti altrettanti coetanei altoatesini ed altri dal Tirolo, che sono partiti oggi. E a loro si aggiungono i ragazzi provenienti dal resto d'Italia per un totale di 700 giovani tutti diretti a Cracovia. 

 

La partenza era fissata da Piazza Dante, a Trento, alle 13. Il progetto si chiama Promemoria Auschwitz ed è qualcosa di più di un semplice viaggio nei luoghi della memoria e dell'orrore nazista. "E' un percorso a tutto tondo di educazione rivolto alla cittadinanza - ci spiga Antonio Trombetta il presidente di Deina Trentino, l'associazione che organizza il viaggio - attraverso la promozione della partecipazione. Un progetto pensato per accompagnare le giovani generazioni alla scoperta e alla comprensione di quanto accaduto allora e di quanto potrebbe accadere oggi. Specie in questa fase che si lavora più a costruire muri che a costruire ponti e certi partiti e movimenti politici soffiano sul fuoco del razzismo e della paura dell'altro. Pensiamo sia infatti necessario partire dalle conoscenze e dai punti di riferimento dei giovani, destinatari ma soprattutto protagonisti del progetto, per proporre questo percorso che riteniamo sia per loro innanzitutto una opportunità di crescita, di approfondimento e di confronto".

 

 

"Ci aspettiamo che sarà una bella esperienza - raccontano alla partenza Margherita (18 anni) e Caterina (17 anni) del Floriani di Riva del Garda - ma anche che sarà un'esperienza molto forte sul piano emotivo anche se siamo state preparate. Il progetto Promemoria Auschwitz, infatti, prevede un avvicinamento al viaggio fatto di incontri e approfondimenti. Uno ogni due settimane a partire da dicembre. E già in questo percorso abbiamo vissuto momenti molto forti. Per esempio ci hanno fatto sentire il discorso di un gerarca nazista fatto alle famiglie che dovevano sfollare. E provando ad immedesimarci in quelle persone c'era davvero da star male".

 

Francesco in mezzo a due suoi amici
Francesco in mezzo a due suoi amici

 

"Siamo anche stati a Bolzano a visitare i luoghi del fascismo e quelli della comunità ebraica - aggiunge Francesco studente di 17 anni del Liceo Da Vinci di Trento - e anche quello è stato un viaggio molto importante che mi ha permesso di farmi un'idea più accurata di quello che è stato il fascismo. Gli incontri di formazione sono stati davvero appassionanti e importanti sul piano culturale e umano. Adesso vedremo cosa ci aspetta a Cracovia e ad Auschwitz. Sono molto curioso di capire anche come reagirò io alle sensazioni che trasmettono quei luoghi".

 

E come reagiranno questi ragazzi lo scopriremo insieme. Grazie all'associazione di promozione sociale Deina che segue il progetto e assieme ai giovani viaggiatori terrà per il Dolomiti un diario per raccontarci questo importante viaggio.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
segui, commenta e partecipa alle discussioni relative al tema.
vota le proposte di altri utenti o proponi le tue idee.
Contenuto sponsorizzato