Contenuto sponsorizzato

Delta Informatica, quanta fatica. Le gialloblu si aggrappano a Dekany e superano una tenace Marsala

Volley serie A2 femminile. Un successo sofferto, che permette alle trentine di trovare un po' di continuità di risultati. Due punti fondamentali in chiave playoff

Pubblicato il - 18 marzo 2018 - 19:26

TRENTO. La Delta Informatica continua a vincere. La formazione di Nicola Negro liquida per 3-2 la pratica Sigel Marsala e trova un po' di continuità di risultati dopo l'affermazione contro Perugia. Due punti importanti in chiave playoff per le gialloblu, che rafforzano la propria posizione in classifica.

 

Sofferta forse più del previsto la vittoria al tie break su una Sigel Marsala che ha cambiato volto dal terzo set in avanti, quando Campisi ha inserito Ventura dirottando Perry in posto-4. Una mossa che ha scombinato i piani di Trento, ritrovatasi però nel momento più importante della gara.

 

Sugli scudi una Dekany continua ed efficace in attacco (19 punti con il 38% a rete), molto bene al centro della rete Fondriest (56% in attacco e 2 muri), positiva anche la prova di Fiesoli (33% a rete, 2 muri e 1 ace). Marsala si è aggrappata a Perry (20 punti con il 41% in attacco), così come al rendimento a muro: ben 19 punti ottenuti in questo fondamentale, nel quale si è messa in luce soprattutto la centrale Furlan con 7 stampi personali.

Trento parte con il piglio giusto nel primo set: Fiesoli e Fondriest dicono 4-1, un vantaggio subito vanificato dalla reazione siciliana firmata da Furlan (muro) e Perry (attacco del 4-4). La Delta fatica a prendere le contromisure a Perry e il muro di Furlan su Kiosi regala il +2 alle ospiti (10-12). Sono gli errori della Sigel a riportare in carreggiata le gialloblu: Perry attacca in rete, Facchinetti non trova il campo con la fast e la Delta Informatica torna a condurre (17-15). Nel finale sale in cattedra Dekany: l'ungherese prima va a segno da posto-4 (19-16), poi infila un ottimo turno al servizio, concretizzato da un muro di Fondriest e da una pipe della stessa Dekany (22-16). Set in cassaforte, Fiesoli non perdona da posto-4 e l'errore al servizio di Facchinetti sancisce il 25-19 finale.

La prima parte del secondo set è la sagra dell'errore: sbagliano per prime Fiesoli e Dekany (5-6), Marsala non è da meno e gli attacchi out di Rossini e Facchinetti, seguiti dall'ace di Fiesoli, valgono un break importante in favore delle gialloblu (13-9) con Campisi costretto a ricorrere al time out. La Sigel continua a faticare, Dekany firma un ace all'incrocio delle righe (17-12) e Kiosi si sblocca con un diagonale strettissimo da posto-2 (18-12). La Delta decide però di complicarsi la vita da sola e con tre errori di Moretto in attacco e un'invasione di Moncada permette a Marsala di rifarsi sotto (22-19). La gara non è particolarmente spettacolare e alla Delta basta il minimo sindacabile, due attacchi di Kiosi e una fast di Fondriest, per portarsi sul 2-0 (25-22).

Nella terza frazione Campisi si gioca la carta Ventura al posto di Rossini e Marsala parte con piglio più sbarazzino (5-7). Entra Michieletto per Fiesoli, Perry fa 5-8 in lungo linea e Negro getta nella mischia anche Fucka al posto di Moretto. Marsala, però, gioca meglio, Trento commette qualche sbavatura in ricezione e le siciliane sono abili ad approfittarne, con Merteki, Furlan e Ventura che spingono la Sigel fino al 9-17. Entra Carraro in regia per Moncada, Michieletto prova a suonare la carica (14-20) ma Perry risponde immediatamente facendo la voce grossa in attacco e senza particolar affanni Agostinetto e compagne intascano la frazione (15-25).

Dekany tiene a galla Trento in avvio di quarto set (3-4), ma la Delta Informatica fatica ad ingranare: Perry mura Fondriest, Merteki va a segno dalla linea del servizio e Negro deve ricorrere al time out (3-7). Trento non reagisce, Furlan firma l'ace del 7-14 e Merteki stampa Kiosi per il 7-15. Negro inserisce Antonucci per una Kiosi in difficoltà (8-17), le gialloblù collezionano più errori che altro mentre la Sigel si esalta a muro e allunga con merito l'incontro al quinto set (18-25).

Il tie break è all'insegna dell'equilibrio con Trento che riordina le idee nella propria metà campo dopo due set in grande sofferenza (5-5). Entra Michieletto per Kiosi, si procede punto a punto fino all'8-8 quando Marsala allunga con lo smash di Furlan e l'errore di Michieletto (8-10). La Delta però non si scompone e trova la parità con l'errore di Merteki, per poi scappare via grazie al muro di Moretto su Merteki e all'attacco in rete di Ventura (12-10). Il finale si tinge di gialloblù, Dekany non sbaglia un colpo e assieme a Fondriest, protagonista con il muro su Merteki (nella circostanza Marsala perde per un infortunio al ginocchio la sua laterale), spinge la Delta Informatica ad un soffertissimo successo (15-12).

 

DELTA INFORMATICA – SIGEL MARSALA 3-2
(25-19, 25-22, 15-25, 18-25, 15-12)
DELTA INFORMATICA TRENTINO: Moncada 2, Kiosi 14, Dekany 19, Fiesoli 14, Fondriest 12, Moretto 6, Zardo (L); Michieletto 4, Moro 0, Carraro 0, Fucka 0, Antonucci 0. All. Nicola Negro
SIGEL MARSALA: Agostinetto 3, Perry 20, Merteki 16, Rossini 5, Furlan 13, Facchinetti 5, Marinelli (L); Ventura 7, Mucciola 0, Murri ne, Cazzetta (L) ne. All. Francesco Campisi
ARBITRI: Stefano Caretti e Vincenzo Carcione di Roma
DURATA SET: 23', 25', 24', 22', 18' (totale: 1h52')
NOTE: spettatori 300 circa. Delta Informatica: muri 7, ace 6, errori azione 17, errori battuta 12. Marsala: muri 19, ace 4, errori azione 15, errori battuta 10. Mvp: Dekany

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato