Contenuto sponsorizzato

E' finale, una grandissima Dolomiti Energia stoppa Venezia. Ora Milano

Basket. A dodici mesi di distanza, l'Aquila Basket ritorna in finale per giocarsi lo scudetto. La serie contro Venezia finisce 84-76 e 3-1. Impresa degli uomini di coach Maurizio Buscaglia

Di Luca Andreazza - 31 May 2018 - 22:38

TRENTO. E' finale. Un tripudio bianconero e la Reyer abdica. La Dolomiti Energia torna sulla "scena del crimine" a dodici mesi di distanza e scrive un'altra pagina di storia della sua giovane esistenza.

 

Gara-4 alla Blm Group Arena (fortino ancora inviolato in questi playoff) termina 84-76, i bianconeri chiudono le semifinali 3-1, vendicano il tricolore della passata stagione, si prendono lo scalpo della Reyer Venezia (vincitrice della regular season, successo in Fiba Europe Cup, campione d'Italia in carica) e si preparano per affrontare Milano. Si può continuare a sognare

 

Un'Aquila che riesce a sopperire all'assenza di Flaccadori, costretto ai box, e alla serata piuttosto opaca di Sutton, praticamente fuori tema per 40 minuti, ma il capitano Forray ispira, si carica i bianconeri sulla schiena, mentre Hogue, Shields e Silins rimettono in sesto una Dolomiti Energia in difficoltà. La truppa di coach Maurizio Buscaglia si prende la finale di slancio. Una serata da guerrieri.

 

E' una Gara-4 frenetica e bellissima, psicologica e ovviamente nervosa. Una battaglia, nel corso della quale Trento barcolla, insegue, scivola indietro e poi piazza il colpo del ko, soprattutto nel terzo quarto da 26-16. La trama del match è chiara: la Reyer Venezia è spalle al muro, la Dolomiti Energia è senza paura. Il polso non trema mai. Una prova di forza.

 

L'Aquila è come l'acqua, si adatta alle circostanze e si infiltra, soprattutto nelle certezze dell'avversario: gli interpreti sono sempre gli stessi, ma l'asso varia sempre, toglie punti di riferimento, sopperisce con apparente nonchalance alle assenze (Gomes in Gara-3 e 4 in Campania, Sutton per espulsione in Gara-2 contro Venezia), sgretola le convinzioni degli uomini della Reyer e poi deborda. E tra Avellino e Venezia il tempismo è perfetto.

 

L'Umana non può sbagliare. Ora o mai più, vincere per riportare la serie al Taliercio o perdere e lasciare definitivamente questi playoff. E l'avvio degli orogranata è deciso. I lagunari prendono in mano le operazioni: Tonut e Daye provano a scavare un break. I bianconeri però reggono e chiudono avanti il primo quarto sul 25-20.

 

La Reyer però non ci sta e la seconda frazione è interamente di marca Umana. Gli orogranata premono e piazzano un parziale di 11-0: l'Aquila Basket fatica e finisce fuori giri, ma si ricompatta, il capitano bianconero è onnipresente, Hogue, Gutierrez e Gomes concretizzano e impattano la gara.

 

I bianconeri però soffrono nuovamente e Venezia scappa. L'Aquila limita i danni, ma gli uomini di Walter De Raffaele chiudono avanti sul 36-41 al riposo lungo.

 

Il terzo periodo è un'Aquila perfetta. I bianconeri mettono Venezia nell'angolo. La difesa è ermetica, l'attacco concreto. Un parziale di 26-16 che dimostra la caratura e il carattere della Dolomiti Energia, che non vuole tornare in Laguna per Gara-5 e fissa il punteggio sul tabellone: 62-57.

 

L'ultimo quarto (22-19) si gioca ancora punto a punto, un'intera stagione in dieci minuti. Venezia raccoglie le energie e chiama la rimonta, Trento risponde picche e difende con le unghie il vantaggio. La sirena fa partire la festa e il pubblico trentino applaude sportivamente tutti, anche gli sconfitti per questo ennesimo spettacolo.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
31 luglio - 11:40
Il dirigente provinciale del Dipartimento Salute era rimasto coinvolto in un incidente lo scorso 12 giugno. A seguito dei test tossicologici gli è [...]
Società
31 luglio - 06:01
Fra lockdown, restrizioni e perdite altissime i lavoratori dello spettacolo sono stati fra i più danneggiati dalla pandemia: “Viviamo nella [...]
Montagna
30 luglio - 16:53
A seguire l'esempio dei due rifugi sul Presena saranno presto anche Passo Paradiso e Malga Valbiolo. Il direttore del consorzio Pontedilegno - [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato