Contenuto sponsorizzato

E' Goudelock-show, Milano domina Gara-1

Basket. Non bastano i 31 punti di Shields per la Dolomiti Energia. L'Olimpia questa sera è praticamente perfetta. Trento non esce mai dalla partita, ma nei momenti delicati l'Ea7 riesce a trovare gli spunti giusti. Buscaglia: "Ci è servito per entrare nella serie"

Foto di Paolo Andreatta
Di Luca Andreazza - 05 giugno 2018 - 22:29

MILANO. E' un'Olimpia Milano troppo perfetta per la Dolomiti Energia. Gara-1 non è praticamente mai in discussione. L'Ea7 Emporio Armani si porta sull'1-0 in questa serie di finale scudetto. I meneghini mettono sul parquet un mix letale tra talento individuale, intensità, fisicità e precisione, soprattutto da tre. E' Goudelock-show, killer della serata quando il momento diventa delicato, una sentenza. Finisce 98-85.

 

Un debutto senza macchia di Milano, che rispetta i bianconeri e scende in campo determinata dopo aver studiato parecchio. La squadra di Simone Pianigiani non si lascia sorprendere, tanto che per intensità e cattiveria in difesa sembra di vedere Trento. La truppa di coach Maurizio Buscaglia è contratta, finisce fuori giri e fatica tremendamente a imporre il proprio gioco. 

 

All'Aquila Basket non bastano i 31 punti di Shields, top scorer bianconero per distacco (Forray e Franke a 11 punti e Gomes a 10 punti). Milano piazza Goudelock a 26 punti (6/10 da tre), Micov a 16 punti, Tarczewski a 14 punti. L'Olimpia chiude a 14/27 da tre contro i 7/17 di Trento. E' la quarta vittoria per i meneghini in altrettante gare in questa stagione.

(Foto di Paolo Andreatta)

La fotografia è una partita che vive di fiammate, l'Olimpia battaglia tantissimo sotto le place, la Dolomiti Energia annaspa soprattutto in attacco, poco fluida. L'Ea7 accelera e allunga, ma quando abbassa un attimo il ritmo, Trento è lì e sfrutta ogni passaggio a vuoto per ricucire le distanze e riprendere quota.

 

Ma Milano è fortemente targata Goudelock: un'arancia meccanica inarrestabile. Si uniscono Gaudaitis a rimbalzo e Micov. Se Trento però si avvicina troppo, la guardia americana ispira i rossi e per i bianconeri sono quasi sempre problemi.

(Foto di Paolo Andreatta)

La Dolomiti Energia, soffre e prova a aggrapparsi alla partita, lotta e sfodera tantissimo carattere, ma all'Olimpia riesce proprio tutto e non vuole lasciare nulla per strada. Nonostante la serata ai limiti della perfezione di Milano, Trento in sordina e magari in modo poco appariscente oppone grande resistenza, riesce a limitare i danni e tenere vive le speranze. 

 

Anche se sempre un po' a distanza, l'Aquila brilla soprattutto nell'ultimo quarto e diventa una spina nei fianchi per spaventare i padroni di casa, tanto che il Forum sostiene Milano per il rush finale. E' tanto per cambiare una tripla di Goudelock a dare una spallata finale e far partire i titoli di coda. Una prova di forza che si chiude sul 98-85. 

 

E' già tempo di voltare pagina, tra quarantotto ore (giovedì 7 giugno) le squadre ritornano al Forum per Gara-2.

 

"C’era grande desiderio, grande voglia di giocare questa partita - commenta a caldo coach Maurizio Buscaglia - ma non siamo riusciti ad impattare il match come volevamo, non abbiamo messo le necessarie energie psicofisiche in campo. Milano è stata più reattiva di noi, ci ha punito anche con tiri aperti dopo rimbalzi in attacco. Sono situazioni in cui possiamo fare molto meglio. Con questo non voglio di certo togliere meriti all’Olimpia, che ci ha di fatto costretti a sbagliare tanto: ci è mancato lo sviluppo corale del nostro gioco, ma credo che questa partita ci abbia fatto entrare per davvero nella serie. Certo, sarebbe stato meglio farlo prima, ma ora dobbiamo ripartire da qui per trovare il modo di mettere in difficoltà Milano e provare a vincere già da Gara-2".

 

EA7 EMPORIO ARMANI-DOLOMITI ENERGIA 98-85
(15-12, 47-34; 70-52)
EA7 Emporio Armani Milano: Goudelock 26 (4/6, 6/10), Micov 16 (4/6, 2/4), Vecerina ne, Pascolo 2 (1/2), Tarczewski 14 (5/6), Kuzminskas 5 (0/1, 1/2), Cinciarini 6 (2/4, 0/1), Cusin, Abass ne, Bertans 9 (0/1, 3/5), Jerrells 10 (2/4, 2/5), Gudaitis 10 (4/5).Coach Pianigiani. 

Dolomiti Energia Trentino: Franke 11 (3/4, 0/1), Sutton 8 (4/9, 0/2), Silins (0/2, 0/1), Forray 11 (1/4, 3/5), Conti ne, Flaccadori ne, Gutiérrez 6 (2/7), Czumbel E. ne, Gomes 10 (2/2, 1/4), Hogue 8 (4/5), Lechthaler, Shields 31 (10/15, 2/4). Coach Buscaglia.
Arbitri: Sabetta, Lanzarini, Aronne.
Note: Tiri da due: Milano 22/35, Trentino 26/48. Tiri da tre: Milano 14/27, Trentino 7/17. Tiri liberi: Milano 12/16, Trentino 11/18. Rimbalzi: Milano 32 (Tarczewski 9), Trentino 29 (Sutton 7). Assist: Milano 19 (Cinciarini e Micov 5), Trentino 17 (Shields 5). Recuperi: Milano 4 (4 giocatori con 1), Trentino 5 (Sutton 2).

 

 

(Video di Paolo Andreatta)

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato