Contenuto sponsorizzato

Finalmente Aquila Basket, il canestro di Craft porta la prima vittoria in serie A

Basket. La Dolomiti Energia batte la Germani Brescia per 76-75. La truppa di coach Maurizio Buscaglia centra i primi due punti stagionali in massima serie

Di Luca Andreazza - 10 novembre 2018 - 22:30

TRENTO. C'è vita sul pianeta Aquila Basket. La Dolomiti Energia vince al fotofinish, vince di nervi e rabbia. Finisce 76-75 alla Blm Group Arena e il canestro del successo nell'anticipo della sesta giornata di serie A è targato Aaron Craft, l'ultimo arrivato, l'ennesimo cavallo di ritorno. Finalmente un lieto fine.

 

Questa volta la Dolomiti Energia è veramente dura a morire, sa soffrire e colpire. Una prestazione in altalena, ma arriva la vittoria e alla fine conta solo questo. Dopo undici sconfitte in dodici gare, ecco il primo successo, una gioia in serie A. La truppa di coach Maurizio Buscaglia riempie finalmente la casella delle vittorie e abbandona i zero punti in classifica.

 

Una prova corale, da Aquila Basket, messa in scena sul parquet, i protagonisti si alternano per centrare una, sospirata, affermazione. Top scorer Gomes a 18 punti, quindi Mian a quota 15 punti. Sono 11 i punti per Craft e Forray, mentre Hogue mette a segno 12 punti. Una Dolomiti Energia precisa dalla lunetta (12/18) 

 

Alla Blm Group Arena arriva una prova di carattere, nella serata che vede Aquila Basket ringraziare il presidente Maurizio Fugatti, il predecessore Ugo Rossi, la Protezione civile e tutti i soccorsi per la gestione dell'emergenza nell'ondata di maltempo maltempo.

L'avvio è balbettante, questa volta però i bianconeri non si sciolgono, non alzano bandiera bianca e lottano. Inseguono a lungo, ma il finale è diverso. La Dolomiti Energia serra i ranghi, alza l'intensità difensiva e centra un successo fondamentale. Una boccata di ossigeno per rilanciare una stagione, fin qui negativa ma ancora molto lunga.

 

Il primo quarto (19-22) sembra un film già visto: la Germani parte forte, Beverly e Allen confezionano il primo break dell'incontro, ma l'Aquila Basket in versione Gomes reagisce, si rimette in scia.

 

Nella seconda frazione (19-17) Brescia cerca di accelerare ancora e si scrolla di dosso i trentini, che però ricuciono e si incollano alla partita. Al riposo lungo è 38-39 per i lombardi.

 

Il terzo periodo (18-19) si gioca punto a punto. I bianconeri riescono a mettere il naso avanti, ma Brescia non si scompone e riesce a ribattere per mantenere un minimo margine di vantaggio prima di tuffarsi nell'ultimo quarto.

 

Una quarta frazione (20-17) ad alta tensione. Le triple di Allen in apertura cercano di mettere le cose in chiaro. La Germani si affida ad Abass Abass, vuole espugnare il PalaTrento. La Dolomiti Energia incassa e prova pazientemente e senza frenesia a rimettersi in piedi. Una battaglia sotto le plance e intensità massima. La tripla di Mian rimette tutto in discussione. La tensione è altissima. Si gioca con falli, cronometro e nervi. Ci pensa Craft a scrivere il 76-75.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 10:44

Mentre in Trentino aumentano i contagi, sul fronte scuola il presidente Fugatti ha espresso la volontà di discostarsi rispetto al Dpcm evitando di riconvertire le scuole superiori per il 75% alla didattica a distanza. Ma altre sono le criticità intraviste dai docenti, tra cui la mancanza dell'obbligo di indossare la mascherina in classe. Pubblichiamo a riguardo una lettera di un insegnante. "E' la causa di questo aumento vertiginoso dei casi"

27 ottobre - 11:13

Lettere di Denis Fontanari e di oltre 600 persone tra ''Professionisti e aziende dello spettacolo trentino'' per avere quella risposta che il presidente ieri ha negato a il Dolomiti durante la conferenza stampa

27 ottobre - 12:54

Una donna 80enne è stata trovata uccisa in un appartamento di via Resia, a Bolzano. A trovare il corpo, la badante, giunta sul luogo come ogni mattina per offrire i suoi servizi alla coppia. Accanto al cadavere, il marito di 82 anni, indagato come probabile responsabile e che, per lo choc, ha tentato di togliersi la vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato