Contenuto sponsorizzato

I campionati italiani sono sempre nel segno di Eleonora Farina

Downhill. L'atleta trentina si conferma la più forte in Italia nel downhill (Qui rivista)

Pubblicato il - 26 luglio 2018 - 19:42

PILA (Aosta). I campionati italiani di downhill sono sempre nel segno di Eleonora Farina.

 

La portabandiera della Gb Rifar Mondraker si impone per il secondo anno consecutivo e si laurea campionessa italiana.

 

L'atleta trentina ferma il cronometro sul tempo di 4'12''115 lungo il percorso di Pila (Aosta) e si conferma al vertice della disciplina. 

 

Dopo l'infortunio dell'anno scorso, Eleonora Farina è ritornata a altissimi livelli e aggiunge così in bacheca un altro prestigioso titolo dopo il campionato europeo della passata stagione.

 

A questo bottino si aggiunge il bronzo, sempre europeo, conquistato nel 2015 dalla trentina classe 1990 (Qui rivista).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 13:30

Ecco cosa dice la bozza del nuovo dpcm che sarà valido fino al 6 aprile. La zona rossa diventa più rossa con la chiusura anche di parrucchieri e barbieri quella bianca sempre più una realtà (dopo il caso della Sardegna) e prevede la riapertura praticamente di tutto (bar, ristoranti, cinema e teatri senza coprifuoco alle 22) eccetto fiere, congressi, discoteche e stadi. Resta il divieto di spostamento tra regioni ma novità per i musei

27 febbraio - 12:53

Si allunga l’elenco di Regioni e Province che hanno scelto di chiudere le scuole, troppo alto il rischio di contagi. Rezza: “Quando si parla di chiusure scolastiche è sempre doloroso ma laddove ci sono dei focolai o sono presenti le varianti è chiaro che tale decisione è assolutamente da considerare”

27 febbraio - 12:15

Sono svariati migliaia i tamponi processati per cercare le varianti in Alto Adige e complessivamente i casi trovati sono 630 e ''finora la mutazione sudafricana è stata trovata solo nella zona di Merano, Val Passiria e Val Venosta''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato