Contenuto sponsorizzato

Il Dro Alto Garda non stecca, Crema domata. Boccata d'ossigeno per la classifica

Calcio serie D. L'undici di Michela Ischia si aggiudica per 3-1 una sfida fondamentale in ottica salvezza. I draoti abbandonano il penultimo posto e si portano in zona playout a 21 punti

Di Luca Andreazza - 18 febbraio 2018 - 16:30

TRENTO. Colpo Dro Alto Garda nella ventisettesima giornata di serie D. Dopo la sconfitta del Levico Terme nell'anticipo contro la Pergolettese (Qui articolo), l'undici di Michele Ischia si rilancia e continua a coltivare la speranza di raggiungere la salvezza.

 

Un successo fondamentale per 3-1 quello contro il Crema, uno scontro diretto che i trentini non potevano fallire. E così è stato. Nonostante il cambio in panchina (Massimiliano Bressan) tra le fila dei nerobianchi non arriva la scossa. Il Dro Alto Garda scende in campo al centro sportivo di Oltra ordinato e concentrato per portare punti alla propria causa.

 

Il Dro Alto Garda domina la scena e esce dalla zona rossa della classifica e abbandona il penultimo posto. I gialloverdi agguantano l'intera posta in palio e superano, infatti, la Grumellese per sbarcare in zona playout.

 

La gara si sblocca sul finire del primo tempo, quando i gialloverdi trovano la rete decisiva con Samuele Farimbella al minuto numero 40. Le squadre vanno al riposo sull'1-0. Nella ripresa arriva la doppietta di Roberto Aquaro al 65' e al 90' che congela partita e consente ai droati di arrivare a quota 21 punti. In pieno recupero Nicolò Pagano accorcia le distanza, ma non basta e non c'è più tempo, termina 3-1 per i trentini. Una boccata d'ossigeno.

 

La serie D ritorna mercoledì 21 febbraio, Dro Alto Garda a riposo, mentre cresce l'attesa per il derby tra Levico e Trento in Valsugana.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 marzo - 19:29

Nel momentaneo calo dei contagiati rilevati, il presidente ha confermato che in termini percentuali il Trentino è tra i territori dove ci sono più casi d'Italia. E sull'opportunità di aumentare a 130 mila euro lo stipendio del dirigente generale e soprattutto di farlo proprio ora (il 13 marzo) mentre i trentini (e gli italiani) sono più in difficoltà seppur molti non sanno se avranno ancora un lavoro e uno stipendio stanno facendo straordinarie donazioni al sistema sanitario per aiutare medici e infermieri, ha confermato che era opportuno farlo

29 marzo - 20:10

La sorpresa a Spiazzo. Capelli, vice sindaco e pompiere: "Avete tutta la nostra vicinanza, quella della comunità e della valle intera in questi difficili giorni. A grandi passi siete entrati nei nostri cuori, siamo a conoscenza dei vostri sacrifici e quelli dei vostri familiari. Non vediamo l'ora di riabbracciarvi dopo questi enormi sforzi"

29 marzo - 19:19

Le vittime sono 4 donne e 5 uomini. Sono in totale 19 i decessi registrati a Ledro dall'inizio dell'epidemia, 10 quelli a Dro. A Trento 334 positivi, a Pinzolo tasso di contagio a 1,4%. Prime positività a Fornace, Pomarolo e Spormaggiore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato