Contenuto sponsorizzato

La Diatec si sbarazza dell'Izmir e balza in testa al gruppo di Champions league

Volley. Bottino pieno per la Trentino Volley nella quarta giornata della massima competizione europea. Gialloblu trascinati da Kovacevic e Hoag a quota 18 e 17 punti

Di Luca Andreazza - 01 febbraio 2018 - 19:04

IZMIR (Turchia). Bottino pieno per la Trentino Volley nella quarta giornata di Champions league. La truppa di Angelo Lorenzetti regola per 3-1 i turchi dell'Arkas Izmir. Complice l'inaspettato scivolone della capolista Zaksa a Maaseik i gialloblu balzano in vetta al raggruppamento della Pool E. 

 

Il fanalino di coda del girone spaventa Trento nel primo set (25-22), ma la reazione dei gialloblu è veemente e l'Izmir sparisce letteralmente dalla partita presa a pallate dai gialloblu. La seconda frazione è completamente a senso unico (9-25), mentre negli altri due parziali la Trentino Volley conduce le danze e chiude la contesa d'autorità e senza rischiare praticamente nulla (17-25 e 17-25).

 

Un match nel quale il tecnico marchigiano della Diatec sperimenta diverse soluzione tattiche e schiera anche tre schiacciatori contemporaneamente, cioè Kovacevic e Hoag nella loro posizione naturale, mentre Lanza viene dirottato nell'inedito ruolo di opposto. 

 

La Diatec, trascinata da Kovacevic e Hoag, rispettivamente a quota 18 e 17 punti, si sbarazza della formazione turca e blinda così il passaggio del turno e ora può provare a strappare il pass per la fase successiva da prima del girone. Diventa decisivo in questo senso lo scontro diretto contro Zaksa al PalaTrento il 14 febbraio, mentre l'ultimo appuntamento, sempre nel capoluogo, è contro Maaseik.

 

L’inizio di match è equilibrato (7-8), ma dopo il primo time out tecnico i padroni di casa spingono maggiormente a servizio e accelerano (12-9). Il tecnico trentino interrompe il gioco, ma l'inerzia della gara non cambia: l'allenatore marchigiano prova a mescolare le carte e inserisce Vettori per Lanza. Sanchez Bozhulev però spinge i turchi sul +4 (15-11). Giannelli e Lanza rimettono in scia i gialloblu (16-15) e Glenn Hoag chiama il time out. La partita si trascina punto a punto fino al 20-19, quindi i turchi si impongono per 25-22.

Nel secondo set la reazione della Trentino Volley è immediata, la partenza è fulminea: Giannelli e Kovacevic confezionano il vantaggio (0-5). Il margine aumenta ulteriormente (3-10) con Zingel e Hoag. L'Izmir è frastornato e non entra in partita: la Trentino Volley dice un perentorio 9-25.  

 

I trentini non mollano la presa nel terzo parziale e cominciano subito bene (4-8). I gialloblu gestiscono la fase centrale della frazione e mantengono il vantaggio (8-12), quindi Eder costruisce il +5 (10-15). Trento è concentrata e si porta avanti sul 17-25.

 

Il quarto periodo è equilibrato fino al 4-4, quindi la Diatec mura le speranze di rientrare in gara i turchi (4-8). L’Arkas prova a rimettersi in scia (9-11), ma i gialloblu ripartono subito con Hoag (10-16). Nel finale Trento chiude sul 17-25.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.50 del 10 Luglio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 luglio - 11:48

Padre Massimo ha comunicato nelle scorse ore la decisione di lasciare il convento attraverso una lettera che è stata spedita ai tanti volontari che lavorano quotidianamente alla mensa dei Cappuccini in via delle Laste. Fra Nicola gestirà al momento il convento mentre arriverà un nuovo frate per la mensa dei poveri 

11 luglio - 11:44
L'allerta è scattata intorno alle 8.30 nella parte finale del sentiero attrezzato Camillo De Paoli a quota 2.200 metri nel gruppo delle Pale di San Martino. Gli escursionisti erano partiti dal rifugio Velo della Madonna e lungo il percorso sono stati investiti da una scarica di sassi. In azione le unità del soccorso alpino
11 luglio - 06:01

Chiarastella Feder, esperta di gestione dei conflitti fra grandi predatori e piccole comunità rurali originaria di Treviso, lavora ormai da 15 anni per il governo della regione canadese dell'Alberta. Impegnata nell'educazione alla convivenza fra esseri umani ed orsi, ha deciso di dedicare la propria attenzione al Trentino e ai recenti fatti dell'aggressione sul Monte Peller. "Uccidere un'orsa è deleterio. La soluzione è educare alla coesistenza e alla conoscenza di questi animali"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato