Contenuto sponsorizzato

La Val di Fassa saluta i suoi atleti olimpici, abbraccio della comunità per Stefano Gross, Chiara Costazza e Mirko Felicetti

Sport invernali. Gli atleti della Val di Fassa partono per le Olimpiadi di PyeongChang dal 9 al 25 febbraio con tanti doni e soprattutto il sostegno di tutta la comunità. Angelo Dalpez: "Li ringrazio per il loro impegno, con cui rappresentano la valle e l’intero Trentino nel mondo"

Pubblicato il - 01 febbraio 2018 - 20:02

MOENA. Sale l'attesa per la rassegna a cinque cerchi di PyeongChang e la Val di Fassa ha salutato i suoi portacolori in partenza per la Corea del Sud

 

Partono per le Olimpiadi di PyeongChang dal 9 al 25 febbraio con tanti doni e soprattutto il sostegno di tutta la valle gli slalomisti Stefano Gross e Chiara Costazza e lo snowboarder Mirko Felicetti che ieri, durante un incontro conviviale al Rifugio Valbona della skiarea Alpe Lusia, hanno ricevuto l’abbraccio sincero della comunità, attraverso alcuni dei suoi componenti più rappresentativi.

 

Una bandiera ladina, donata dalla procuradora del Comun general de Fascia, affinché - forti delle loro radici - gli atleti siano ambasciatori della loro terra in Corea.

 

Un libro che racconta l’incredibile storia di impianti e tracciati del Dolomiti Superski dove ora si allenano anche i campioni della Nazionale, regalato da Daniele Dezulian presidente del Consorzio di impianti a fune Val di Fassa e Carezza.

 

Ma anche un tagliere di formaggi, dal Puzzone di Moena Dop al Cher de Fascia, per arrivare a PyeongChang ricchi dell’energia dei migliori prodotti gastronomici locali, consegnato da Fausto Lorenz, presidente dell’Apt Val di Fassa.

 

"Siamo orgogliosi di voi, seguiremo le vostre gare e siamo certi che, con l’impegno che vi ha contraddistinti finora portandovi alla partecipazione alle Olimpiadi, potrete tutti ben figurare", hanno detto Testor, Dezulian e Lorenz ai tre sciatori in partenza per i Giochi invernali con un bagaglio diverso di esperienze.

 

Chiara Costazza è addirittura alla quarta Olimpiade (la prima è quella di Torino 2006, dove aveva conquistato l’ottavo posto in slalom): "Vivo quest’avventura sportiva - dice la slalomista di Pozza - con piena consapevolezza. Certo, si tratta di una gara secca, perciò cercherò di completare due buone manche come so di poter fare".

 

Lo slalom coreano potrebbe, invece, rappresentare per Stefano Gross l’acuto che finora è mancato in Coppa del Mondo, dove ha raccolto tanti buoni piazzamenti ma nemmeno un podio, e anche un’occasione di riscatto dopo il quarto posto di Sochi 2014.

 

"In questa competizione - dice Gross - conta soprattutto la testa, ci vuole molta concentrazione. Anche un pizzico di fortuna però non guasta: ho già “vinto” la medaglia di legno, l’ambizione questa volta è di ottenerne una di metallo".

 

Soddisfatto anche Mirko Felicetti che ha agguantato la qualificazione grazie al quarto posto nell’ultimo gigante parallelo di Bansko, manifestando una decisa crescita di forma: "Sono felicissimo - afferma - per questa convocazione. Sulla pista olimpica ho gareggiato un anno fa e so anche dove potermi allenare, quindi cercherò di dare il massimo e di portare a casa qualcosa".

 

Della pressione che devono gestire gli atleti nell’evento olimpico, su cui si concentrano le aspettative di tante federazioni, ha parlato in chiusura d’incontro Angelo Dalpez, presidente del Comitato Trentino Fisi: "Le Olimpiadi sono una competizione difficile - commenta - anche per l’attesa riposta nelle performance degli atleti. Nel caso di Stefano e Chiara si tratta di sciatori esperti che metteranno a frutto le loro grandi risorse e anche Mirko ha tutte le qualità per fare bene a PyeongChang. Li ringrazio per il loro impegno, con cui rappresentano la Val di Fassa e l’intero Trentino nel mondo e sono riconoscente anche alle società d’impianti e sportive che, nella valle ladina, creano le condizioni ottimali per allevare talenti".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato