Contenuto sponsorizzato

Monologo Civitanova, Diatec schiacciata a terra

Volley. La Lube si sbarazza di Trento per 3-1. Diatec mai in partita nel primo e quarto set. Non basta Kovacevic, i campioni d'Italia affondano i gialloblu. Si ferma a quota nove la striscia di vittorie consecutive di Trentino Volley

Un momento della gara (foto Marco Trabalza)
Di Luca Andreazza - 14 gennaio 2018 - 19:52

TRENTO. La Diatec cede nettamente per 3-1 contro i campioni d'Italia di Civitanova, trascinata dagli ex di turno Sokolov e Juantorena. Un big match della diciottesima giornata di SuperLega che evidenzia una grande diversità di valori sul parquet. Si ferma così a quota nove il filotto di successi consecutivi di Trento.

 

Trento esce frastornata, mai in partita, dal confronto contro i marghigiani e la strada per raggiungere il livello della Lube sembra ancora tanta, soprattutto sotto il profilo della forza mentale.

 

L'impatto sul match è horror. Una Diatec evanescente viene presa a pallate da Civitanova e il primo set si chiude sul 13-25. I trentini reagiscono nel secondo parziale e conduce buona parte della frazione. Trento manca il colpo del ko, mentre la Lube è lì, sorniona, e quando accelera la ricezione gialloblu va in affanno e gli ospiti mettono la freccia e servono il raddoppio ai vantaggi (26-28).

 

Una Trentino Volley, spalle al muro, si scuote nella terza frazione e prova a scappare via già in avvio. Civitanova però non affonda mai e resta in scia ai padroni di casa. Questa volta però Eder, Kovacevic e Kozamernik non si lasciano intimorire e riescono a riaprire i giochi.

 

L'ultimo set però è interamente di marca Lube. I marghigiani alzano i giri del motore e guadagnano subito un rassicurante vantaggio. La Diatec mostra qualche sussulto, ma è un'illusione e la forbice ormai è incolmabile. La Lube non esulta neppure più in campo, mentre Angelo Lorenzetti non può più trovare soluzioni nel suo infinito cilindro, anche a causa della serata appannata degli italiani in campo, Vettori e Lanza in particolare, che riduce i margini di manovra.  

 

Angelo Lorenzetti schiera Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Lanza e Kovacevic in posto 4, Eder e Zingel al centro, Chiappa libero.

La Cucine Lube Civitanova risponde con Christenson, Sokolov opposto, Juantorena e Kovar schiacciatori, Stankovic e Cester centrali, Grebennikov libero.

 

L’inizio di match è equilibrato fino al 6-6, quindi gli ospiti accelerano con il muro di Stankovic e con le invenzioni di Christenson. Il parziale di 0-4 costringe Trento a rifugiarsi in un time out sul 6-10. Alla ripresa è sempre la Lube a condurre le danze e Civitanova allunga sul 7-13. Trento accusa il colpo, fatica a mettere la palla a terra. I campioni d'Italia si portano velocemente sul 7-17 trascinata da Sokolov. Civitanova chiude già sul 13-25.

 

La Diatec Trentino prova a scuotersi in avvio di seconda frazione (5-3), ma la Lube reagisce subito (5-7) e la gara si mantiene equilibrata (9-9). Nella parte centrale i gialloblu affondano il colpo: Giannelli a muro e Eder spingono i trentini avanti sul 14-10. I marchigiani però non si disuniscono e recuperano terreno per portarsi in scia. La Trentino Volley cala in ricezione e perde precisione. Teppan prova a tenere il margine di vantaggio (20-18), ma Juantorena impatta il punteggio sul 21-21. Civitanova vince allo sprint per 26-28.

 

Spalle al muro i trentini partono bene dai blocchi nel terzo parziale. La Diatec, trascinata da Eder e Kovacevic, si porta sul 6-1. Civitanova però non accusa il colpo e si riporta a contatto (11-9). Il servizio di Eder spinge avanti i gialloblu (16-11): Kovacevic e Kozamernik mettono a terra i palloni del 22-17. I marchigiani non demordono e si avvicinano ancora (22-20), ma un ace di Giannelli lancia la Diatec che dice 25-20. 

 

La Cucine Lube Civitanova non concede nulla nel quarto set. I campioni d'Italia scappano subito con Juantorena e Sokolov (3-8). Sul 6-11 Lorenzetti ha già speso entrambi i time out a disposizione, senza però ottenere risposte (7-14). Solo uno sprazzo di Lanza al servizio (10-14) fa per un attimo rialzare la testa ai gialloblu, prima che Civitanova ritorna a martellare: 14-25.

 

DIATEC TRENTINO-CUCINA LUBE CIVITANOVA 1-3
(13-25, 26-28, 25-20, 14-25)
DIATEC TRENTINO: Zingel 2, Vettori 4, Lanza 9, Eder 8, Giannelli 3, Kovacevic 17, Chiappa (L); Teppan 4, Kozamernik 6. N.e. Hoag, Cavuto, Partenio. All. Angelo Lorenzetti.
CUCINE LUBE: Cester 10, Christenson 4, Juantorena 17, Stankovic 5, Sokolov 21, Kovar 12, Grebennikov (L); Candellaro, Sander. N.e. Marchisio, Casadei, Milan e Zhukouski. All. Giampaolo Medei.
ARBITRI: Cesare di Roma e Tanasi di Siracusa.
DURATA SET: 19’, 31’, 27’, 21’; tot 1h e 38’.
NOTE: 4.023 spettatori, per un incasso di 39.294 euro. Diatec Trentino: 9 muri, 3 ace, 19 errori in battuta, 8 errori azione, 45% in attacco, 45% (27%) in ricezione. Cucine Lube: 17 muri, 5 ace, 19 errori in battuta, 4 errori azione, 57% in attacco, 50% (37%) in ricezione. Mvp Sokolov

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 19:22

L'assessore Spinelli: ''Continua l'impegno della Provincia nei confronti dei soggetti deboli sul mercato del lavoro". Cgil, Cisl e Uil: "tutti i nodi critici sono irrisolti". L'ex assessore Olivi: "Agiscono sulle stretta ai requisiti di accesso, c'è un restringimento della platea dei beneficiari, proprio nel momento in cui il mercato del lavoro presenta il conto della transizione generazionale, si colpisce nella frattura della storia lavorativa di una persona''

24 gennaio - 13:35

Il consigliere Giorgio Tonini: “E’ questo un provvedimento che non può non trovare condivisione generale, proprio perché non si pone l’obiettivo di indagare e prevenire una forma specifica di odio, bensì tutte le rappresentazioni del sentimenti di intolleranza e discriminazione che accompagnano il quotidiano dell’intero Trentino”

24 gennaio - 16:03

Si tratta di un esemplare adulto rimasto vittima di un cavo d'acciaio che lo ha intrappolato al basso ventre. A casa dei bracconieri, padre e figlio, i forestali e i carabinieri hanno trovato anche altri palchi e altre mandibole di cervo, munizioni irregolari e armi modificate

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato