Contenuto sponsorizzato

Sprint vincente per il kazako Poltoraning, la norvegese Weng va come un treno a Tesero

Sci nordico. Oggi le Mass Start al Centro del Fondo di Lago di Tesero. Ancora ottimo De Fabiani in settima posizione. Montepremi di 477 mila euro, domani l’Alpe Cermis determinerà i vincitori del Tour de Ski

Sprint vincente per Poltoraning (foto Newspower)
Pubblicato il - 06 gennaio 2018 - 19:50

TESERO. Heidi Weng e Dario Cologna si impongono al Centro del Fondo di lago di Tesero nella prima giornata di gare del dodicesimo Tour de Ski. Domani il gran finale sull’Alpe Cermis, quando dalle 11.30 (femminile) e dalle 14.30 (maschile) gli atleti scattano in base ai distacchi odierni (Qui info e classifiche).

 

La dominatrice assoluta è stata la norvegese Heidi Weng, la quale era incaricata di spingere al massimo per recuperare secondi preziosi sulla connazionale Ingvild Flugstad Oestberg in vista del duello sulla pista Olimpia III.

 

La Weng, già campionessa lo scorso anno, ha chiuso in 29:07 imponendosi sulla finlandese Krista Parmakoski (+7.6) e sull’austriaca Teresa Stadlober (+8.6). Quarta posizione per la statunitense Jessica Diggins (+23.6), mentre la grande delusa di giornata è proprio Oestberg (+35.2), giunta quinta: un +35.2 che cancella quasi totalmente quanto di buono fatto fin'ora. 

 

La leader adesso dovrà difendere solo 1.8 secondi di vantaggio prima della chiusura del Tour sull’erta estrema dello sci di fondo, la Final Climb del Cermis. L’unica azzurra in gara era Elisa Brocard, quindicesima piazza in 30:54.2.

 

Al maschile invece lo svizzero Dario Cologna, leader di classifica, sembrava avviato ad un’altra incredibile vittoria, ma l’elvetico di chiare origini italiane si è fatto infilare prima dal kazako Alexey Poltoranin (38:40) e poi da Andrey Larkov (+0.4) e Alex Harvey (+0.9). Ottimo il nostro Francesco De Fabiani, settimo dopo una prestazione costante.

 

Cologna (+2.3) partirà alla Final Climb con +1:14.4 su Poltoranin e +1.21.5 su Ustiugov per centrare il quarto successo al Tour de Ski (2009, 2011, 2012) di una carriera costellata di vittorie con anche tre ori olimpici e un mondiale.

 

15 Km CT Men

 

01 POLTORANIN Alexey KAZ 38:40.3;

02 LARKOV Andrey RUS 38:40.7;

03 HARVEY Alex CAN 38:41.2;

04 COLOGNA Dario SUI 38:42.6;

05 BOLSHUNOV Alexander RUS 38:55.3;

06 RICKARDSSON Daniel SWE 39:00.5;

07 DE FABIANI Francesco ITA 39:03.4;

08 HOLUND Hans Christer NOR 39:06.7;

09 TOENSETH Didrik NOR 39:07.3;

10 DYRHAUG Niklas NOR 39:08.9

21 NOECKLER Dietmar 39:42.3;

34 SALVADORI Giandomenico 40:48.7;

46 BERTOLINA Mirco 42:16.2  

 

10 Km CT Ladies

01 WENG Heidi NOR 29:07.9;

02 PARMAKOSKI Krista FIN 29:15.5;

03 STADLOBER Teresa AUT 29:16.5;

04 DIGGINS Jessica USA 29:31.5;

05 OESTBERG Ingvild Flugstad NOR 29:43.1;

06 NISKANEN Kerttu FIN 29:53.3;

07 SEDOVA Anastasia RUS 29:54.0;

08 NEPRYAEVA Natalia RUS 30:07.8;

09 VON SIEBENTHAL Nathalie SUI 30:08.9;

10 BJORNSEN Sadie USA 30:19.2;

15 BROCARD Elisa ITA 30:54.2  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato