Contenuto sponsorizzato

Sutton mette le ali all'Aquila e Trento centra la vittoria e stacca Venezia

Dopo due parziali tirati e contratti e un terzo molto equilibrato sale in cattedra la fisicità della squadra di Buscaglia e la Dolomiti Energia va sul 2 a 1

Pubblicato il - 29 maggio 2018 - 22:36

TRENTO. Terzo atto tra Trento e Venezia e questa volta il palcoscenico dove va in scena l'ennesima bellissima partita di questa interminabile semifinale è il PalaTrento. E in casa l'Aquila sbaglia raramente, si sa e con un Sutton così (chiuderà con 18 punti personali) si può davvero pensare in grande. Il match è tirato e si gioca sul filo dei canestri e del nervosismo con Sutton e Daye (che verrà espulso nel secondo quarto) che all'inizio si stuzzicano molto e rendono il gioco spezzettato. Nel finale, invece, le polveri si accedono e un 13 a 0 nei primi 5 dell'ultimo quarto danno la vittoria a Trento.

 

Il primo parziale si chiude con solo 30 punti totali, 19 per la Dolomiti Energia e 11 per la Reyer. Le squadre paiono stanche, appesantite dalle due battaglie di Venezia, ma giocano e soprattutto nel secondo parziale si scatena Sutton che subisce un fallo tecnico da Daye (che deve abbandonare il campo) e poi tra schiacciate e tiri liberi (tallone d'Achille oggi un po' meno doloroso del solito) disinnesca l'ottimo inizio di partita di Peric (il primo ad andare in doppia cifra). E poi c'è il Flacca che sta diventando una ''sentenza'': quando c'è bisogno di punti pesanti li mette sempre a segno. Alla fine si va all'intervallo lungo sul 38 a 33.

 

Si riparte con Venezia lanciata e che grazie a una tripla di Perjc si aggancia a Trento e si riavvicina fino a un preoccupante meno 2 ma salgono in cattedra Sutton, Shields e Hogue che con tre schiacciate e con un parziale di 6 a 0 permettono all'Aquila di tornare a +8. La partita va avanti ad ''elastico'' con Venezia che accorcia e Trento che riparte fino all'alley-oop messo a segno da Biliga che porta il risultato sul 47 a 47. Trento però riallunga e la tripla di Silins riporta l'Aquila a +5. Si segna tanto, adesso, a due dal termine, e lo spettacolo sale. Shields torna a fare lo Shields di gara-1 e allora è soprattutto il PalaTrento a divertirsi: +8. Ma De Nicolao e Tonut chiudono il parziale sul 58 a 56.

 

Si riparte ed è Sutton a rompere gli indugi dopo quasi due minuti di stallo. Ed è ancora Sutton a ridare sicurezza all'Aquila che si riporta sul +6. Poi con Gomes, Shields e il solito Sutton si arriva a un +14 a cinque dal termine molto rassicurante. Ma Venezia è squadra vera e con i liberi di Tounut si riporta a meno 9 e meno 7. Gutierrèz però spara una tripla da centrocampo si torna a +10 con morale altissimo. Trento allunga ancora e trionfa chiudendo sull'81 a 63 . Ora Trento ha due match ball e il primo si gioca in casa.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato