Contenuto sponsorizzato

Aquila Basket, il raduno alla Blm Group Arena lancia la stagione 2019/20. Blackmon: ''Qui per crescere e per provare a vincere"

Alla Blm Group Arena di Trento primo allenamento della stagione per la Dolomiti Energia agli ordini di coach Nicola Brienza e del preparatore atletico Andrea Baldi. La nuova guardia bianconera: "La mentalità di Trento mi aveva davvero colpito". Anche il giovane Matteo Picarelli nel roster di Aquila Basket

foto Montigiani
Pubblicato il - 12 agosto 2019 - 20:26

TRENTO. Un gruppo nuovo ma con tanti visi conosciuti, una nuova stagione con lo stesso spirito identitario di sempre: la Dolomiti Energia ha dato il via alla sua sesta avventura in serie A, la quarta in Eurocup, con il raduno alla Blm Group Arena e con il primo allenamento sul parquet della sua casa.

 

Una lunga giornata per i giocatori della Dolomiti Energia, che in mattinata hanno svolto alcuni esami presso i poliambulatori Crosina Sartori grazie alla collaborazione dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, e che hanno poi svolto presso Tecnomed le visite mediche sportive (Qui articolo). "Parto con i ringraziamenti all’Apss e al suo direttore Paolo Bordon - commenta Luigi Longhi, presidente di Aquila Basket - per la collaborazione e la disponibilità nel far svolgere nel migliore dei modi gli esami del caso ai nostri atleti".

 

Nel pomeriggio il raduno e la presentazione di James Blackmon: tanta curiosità, per mezzi di informazione e per i tanti tifosi accorsi al palazzetto di via Fersina per le prime “sgambate” dei bianconeri, soprattutto per i volti nuovi. Da coach Nicola Brienza al preparatore atletico Andrea Baldi, passando ovviamente anche per i giocatori che saranno protagonisti in campo.

 

"A Blackmon - aggiunge Longhi - dico grazie per aver accettato la nostra proposta, siamo sicuri che sia un giocatore e una persona che darà il suo contributo per aiutarci a crescere e a toglierci soddisfazioni in campo e fuori".

 

A Trento perché rappresenta una grande opportunità. "Per fare - spiega James Blackmon Jr - uno step in avanti nella mia carriera, per migliorare, per provare a far vincere questo club, per creare un bell’ambiente in questo nuovo gruppo. Qui voglio dimostrare a me stesso e agli altri di poter avere un impatto importante anche in difesa: un aspetto del gioco su cui voglio mettere energie e concentrazione. Mi ha colpito la mentalità e l’intensità di Trento, un aspetto identitario che mi ha subito affascinato: l’emblema di questo approccio è sicuramente Aaron Craft, ma anche tutti gli altri italiani che ho affrontato due volte la scorsa stagione con la maglia di Pesaro".

 

L’Eurocup? "È una competizione che mi stimola e che ha avuto un ruolo nella mia scelta - conclude Blackmon - affronteremo grandi squadre, un alto livello di competizione. Sarà bello potermi confrontare con le big del basket continentale e provare a portare avanti la squadra".

 

Nel frattempo anche Matteo Picarelli entra a far parte del roster di Dolomiti Energia. Per il giovane classe 2001 esperienza in prima squadra, oltre alla possibilità di giocare con la formazione bianconera under 18. Il nazionale, già protagonista con la maglia di Trento alla Next Gen Cup 2019, come i suoi coetanei Max Ladurner e Alessandro Voltolini sarà parte integrante della formazioni a disposizione di coach Brienza.

 

Esterno di 190 centimetri, nato il 26 maggio di 18 anni fa, Picarelli nelle ultime stagioni ha disputato il campionato senior in Svizzera, Paese di cui ha anche la cittadinanza: con la maglia del Zurich lo scorso anno oltre 15 punti di media in Nlb, la lega elvetica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 19:21

Fototrappolato dal forestale Tommaso Borghetti pochi giorni fa sui Lessini il maschio alfa giunto dalla Slovenia e unitosi alla femmina alfa (li si riconosce perché alzano la zampa entrambi per segnare il territorio GUARDA I VIDEO) nel 2012 spiega come la dispersione sia il segreto del successo di questi animali. ''Uno dei suoi figli nati sulle nostre montagne è stato avvistato in Slovenia. Ha fatto il percorso inverso a lui, mentre una femmina, sempre slovena, è arrivata a Paneveggio''

20 ottobre - 18:50

I sinistri a catena si sono verificati all'altezza dello svincolo che dalla strada che da Dermulo va verso Sanzeno gira per Coredo

20 ottobre - 16:05

L'uomo, un 35enne del Centro Italia, andava spesso in Val Rendena in vacanza. Poi si armava di zainetto e scarpe da trekking e invece che andare per funghi o mirtilli raggiungeva le sue piante di cannabis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato