Contenuto sponsorizzato

E' Loris Bodo il nuovo allenatore del Trento, prevale la soluzione interna

Dopo il "taglio" di Luciano De Paola e Erminio Gizzarelli, l'ex tecnico del Mezzocorona è chiamato a risollevare le sorti del sodalizio di via Sanseverino

Di L.A. - 14 gennaio 2019 - 20:22

TRENTO. E' Loris Bodo il nuovo tecnico del Trento. Alla fine in società ha prevalso la soluzione interna, senza ulteriori scossoni dopo il taglio di allenatore e direttore sportivo (Qui articolo). La scelta forse più sicura e che potrebbe garantire le maggiori chance per cercare una salvezza complicata in serie D. Difficile a questo punto della stagione pensare ad un terzo tecnico che avrebbe dovuto conoscere l'ambiente e cercare di adattarsi alla rosa, costruita prima per Claudio Rastelli e poi rimaneggiata per Luciano De Paola

 

Dopo aver sconfitto la "concorrenza" di Ricardo Chéu, che si è dimesso a Rieti, e Franco Lerda (ex Vicenza), così come l'altra soluzione "in casa" di Massimiliano CaliariClaudio Rastelli, ancora sotto contratto con il Trento, e Alberto Cavasin, il tecnico classe 1959, già responsabile del settore giovanile e allenatore della formazione Allievi Elite, è chiamato a far ripartire il Trento in campionato fermo a 13 punti e reduce dal disastro interno contro il Sandonà e un andamento opaco.   

 

Dopo una carriera da giocatore tra campionati professionistici e dilettantistici, inizia nel 1993 la propria carriera d'allenatore all'interno del settore giovanile del Due Carrare, successivamente passa a Luparense e Cittadella

 

Dopo queste esperienze si misura tra i professionisti, la prima tappa in C2 al Sandonà per ricoprire il ruolo di vice allenatore e preparatore dei portieri. Rientra poi al Cittadella per svolgere il ruolo di "secondo" di Rolando Maran per cinque stagioni. Segue l'allenatore trentino anche nell'avventura di Brescia.

 

Rientra al Cittadella dove diventa responsabile del settore giovanile per tre stagioni, mentre si trasferisce nel Vicenza in qualità di responsabile degli osservatori.

 

Arriva poi l'esperienza in Trentino. Stazione Mezzocorona per quattro stagioni: nelle prime due guida le formazioni Giovanissimi e Allievi Nazionali, poi diventa responsabile del settore giovanile e allenatore della formazione Juniores Nazionale: vince il titolo italiano di categoria e guida la prima squadra alla salvezza in serie D

 

Dopo un'annata all'Altovicentino in qualità di responsabile tecnico del settore giovanile, questo prima dell'approdo nel 2015 al Trento. In carriera è stato anche il commissario tecnico della Rappresentativa under 18 del Veneto, un percorso impreziosito da cinque titoli italiani al "Torneo delle Regioni" e un'edizione della "Region Cup" (manifestazione europea riservata alle squadre vincitrici dei titoli nazionali), conquistando anche la "Coppa Fair Play".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato