Contenuto sponsorizzato

E' Loris Bodo il nuovo allenatore del Trento, prevale la soluzione interna

Dopo il "taglio" di Luciano De Paola e Erminio Gizzarelli, l'ex tecnico del Mezzocorona è chiamato a risollevare le sorti del sodalizio di via Sanseverino

Di L.A. - 14 gennaio 2019 - 20:22

TRENTO. E' Loris Bodo il nuovo tecnico del Trento. Alla fine in società ha prevalso la soluzione interna, senza ulteriori scossoni dopo il taglio di allenatore e direttore sportivo (Qui articolo). La scelta forse più sicura e che potrebbe garantire le maggiori chance per cercare una salvezza complicata in serie D. Difficile a questo punto della stagione pensare ad un terzo tecnico che avrebbe dovuto conoscere l'ambiente e cercare di adattarsi alla rosa, costruita prima per Claudio Rastelli e poi rimaneggiata per Luciano De Paola

 

Dopo aver sconfitto la "concorrenza" di Ricardo Chéu, che si è dimesso a Rieti, e Franco Lerda (ex Vicenza), così come l'altra soluzione "in casa" di Massimiliano CaliariClaudio Rastelli, ancora sotto contratto con il Trento, e Alberto Cavasin, il tecnico classe 1959, già responsabile del settore giovanile e allenatore della formazione Allievi Elite, è chiamato a far ripartire il Trento in campionato fermo a 13 punti e reduce dal disastro interno contro il Sandonà e un andamento opaco.   

 

Dopo una carriera da giocatore tra campionati professionistici e dilettantistici, inizia nel 1993 la propria carriera d'allenatore all'interno del settore giovanile del Due Carrare, successivamente passa a Luparense e Cittadella

 

Dopo queste esperienze si misura tra i professionisti, la prima tappa in C2 al Sandonà per ricoprire il ruolo di vice allenatore e preparatore dei portieri. Rientra poi al Cittadella per svolgere il ruolo di "secondo" di Rolando Maran per cinque stagioni. Segue l'allenatore trentino anche nell'avventura di Brescia.

 

Rientra al Cittadella dove diventa responsabile del settore giovanile per tre stagioni, mentre si trasferisce nel Vicenza in qualità di responsabile degli osservatori.

 

Arriva poi l'esperienza in Trentino. Stazione Mezzocorona per quattro stagioni: nelle prime due guida le formazioni Giovanissimi e Allievi Nazionali, poi diventa responsabile del settore giovanile e allenatore della formazione Juniores Nazionale: vince il titolo italiano di categoria e guida la prima squadra alla salvezza in serie D

 

Dopo un'annata all'Altovicentino in qualità di responsabile tecnico del settore giovanile, questo prima dell'approdo nel 2015 al Trento. In carriera è stato anche il commissario tecnico della Rappresentativa under 18 del Veneto, un percorso impreziosito da cinque titoli italiani al "Torneo delle Regioni" e un'edizione della "Region Cup" (manifestazione europea riservata alle squadre vincitrici dei titoli nazionali), conquistando anche la "Coppa Fair Play".

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 18:54

Il governatore in vista ad Ala attacca la precedente amministrazione provinciale: "Sono stati inconcludenti. Qui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità, noi ci prenderemo le nostre, ma i cittadini non possono correre simili rischi"

20 gennaio - 16:00

L'assessora preoccupata dal fatto che nel 2017 gli aborti in Trentino sono stati 703 mentre nel 2016 erano stati 684. Una minima crescita su base annuale che, ovviamente, ai fini statistici non ha valore mentre il dato resta comunque il secondo più basso di sempre. Nel 2007 erano quasi 1.300

20 gennaio - 19:07

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato