Contenuto sponsorizzato

Una ''Top Dolomites'' per eroi. In 600 al via tra pioggia, vento e neve: ''Sicurezza garantita, abbiamo vinto anche noi. Si pensa al 2020''

La granfondo si è trasformata nella mediofondo per garantire la massima sicurezza. Sono il russo Sergei Pomoshnikov  e la trentina Jessica Leonardi il re e la regina della "Top Dolomites". Gli organizzatori: "I ciclisti che non hanno partecipato possono restare tranquilli: l'iscrizione resta valida per la prossima edizione e recapiteremo il pacco gara a casa"

Di Luca Andreazza - 08 settembre 2019 - 18:35

MADONNA DI CAMPIGLIO. Una "Top Dolomites" per eroi quella che è andata in scena oggi, domenica 8 settembre, a Madonna di Campiglio, una manifestazione accompagnata da pioggia battente e un vento freddo, ma anche dalla neve. Protagonisti 600 ciclisti che nonostante le avverse condizioni meteo si sono presentati al nastro di partenza in viale Dolomiti di Brenta alle 7 del mattino. 

 

"E' stato un test importante anche per la macchina organizzativa - commenta Alberto Laurora, vice presidente del comitato e responsabile tecnico - in quanto abbiamo dato un segnale della competenza della struttura. Un discorso che va oltre il percorso e i servizi offerti, ma considera anche il lato pratico in senso generale. Un ringraziamento e tanto riconoscimento va alle pro loco e Asa, forze dell'ordine e autortià. Un supporto capillare che ci ha permesso di superare le criticità".

E se per non impattare eccessivamente sulla normale circolazione veicolare l'orario di partenza è stato anticipato, il percorso è stato abbreviato per fronteggiare il forte maltempo: il tracciato lungo è stato sforbiciato da 135 a 97 chilometri con arrivo a Comano via passo del Duron per poi girare e riprendere la strada verso Madonna di Campiglio via Stenico. Insomma, la granfondo si è trasformata nella mediofondo per garantire la massima sicurezza, mentre il percorso "amatoriale" di 43 chilometri è stato confermato con partenza sempre a Campiglio, discesa a Spiazzo e poi dietro front con ritorno ai piedi del Brenta.

"Una situazione molto critica - dice Giovanni Danieli, numero uno della "Top Dolomites" - che siamo riusciti a gestire nel migliore dei modi con coraggio, lucidità e competenza. La sicurezza dei partecipanti viene prima di tutto e la decisione di modificare il percorso si è rivelata vincente. I ciclisti che non hanno partecipato a causa del meteo però possono stare tranquilli: l'iscrizione resta valida per la prossima edizione e recapiteremo il pacco gara a casa. Quelle persone invece che hanno soggiornato in Trentino e poi questa mattina non se la sono sentita di pedalare si vedranno riconosciuti la possibilità di mantenere la registrazione per il 2020".

 

Pioggia, veneto e neve non fermano la ''Top Dolomites''

A raccontare la difficoltà di questa gara, corsa in condizioni al limite, tra freddo e intemperie c'è la fatica dipinta sui volti dei corridori che hanno concluso la competizione: in 298 su 600. E' stata Jessica Leonardi, portacolori della Biemme sport e campionessa del mondo nel 2018 agli Uci Granfondo World Championships, la grande protagonista della corsa femminile. La trentina di Tuenno ha letteralmente fatto una gara a sé per chiudere in 3:25:48, quindi la tedesca Astrid Schartmueller e Annalisa Prato completano il podio.

 

La gara maschile si è rivelata, invece, più movimentata, un gruppetto di dieci corridori ha preso il largo lungo i tornanti di passo Duron per guidare le operazioni fino agli ultimi chilometri. La selezione l’hanno fatta la salita da Pinzolo a Madonna di Campiglio prima e la volata finale poi.

Il russo Sergei Pomoshnikov (Asd Colli Berici), già vincitore del percorso mediofondo di quest'anno a La Leggendaria Charly Gaul, ha accelerato i colpi sui pedali per tagliare per primo il traguardo con il tempo di 3:05:31. Alle sue spalle, sul filo di lana, Tiziano Zonta (Asd Swatt Club, 3:05:32), il ciclista di Bassano del Grappa, già terzo nel 2018 alla “Mont Blanc”, e Riccardo Zacchi (Colnago Mg K Vis, 03:05:33), quarto nella gara a tappe Open del Giro di Carinzia lo scorso maggio, chiudono il podio. Quarto posto per Francesco Avanzo (Biemme Garda Sport, 03:05:38), tricolore al campionato italiano dei maestri di sci-ciclismo su strada nella passata stagione.

"Anche noi - conclude Laurora - tagliamo il traguardo a braccia alzate. E' stata un'emozione vedere tutti quei ciclisti al via. Nonostante le avversità, siamo riusciti a concludere la manifestazione nel migliore dei modi. Anche il ricco programma di eventi e attività collaterali è stato molto partecipato. Adesso tiriamo un po' il fiato, ma già nei prossimi giorni ci rimboccheremo le maniche per l'edizione del 2020. Il prossimo anno speriamo di poter mostrare i paesaggi trentini, scenari unici tra i più belli al mondo".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato