Contenuto sponsorizzato

Nuovi orizzonti per la Bondone Nordic Ski Marathon. Debertolis: ''Una gara da valorizzare sempre di più''

La competizione è organizzata da Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Trento Eventi Sport, in collaborazione con il Comune di Trento, Asis e la Scuola Italiana Sci Fondo Viote, e la gara è valida anche per la Coppa Italia Ligu Master e Cittadini di cui è la penultima tappa nazionale

Foto di Daniele Mosna e Marco Trabalza
Pubblicato il - 07 febbraio 2020 - 18:08

TRENTO. La sesta edizione della "Bondone Nordic Ski Marathon" è già nel mirino degli appassionati delle gran fondo. Il 22 e 23 febbraio nella piana delle Viote sarà tempo di grandi sfide sui 15 e sui 30 chilometri: in tecnica classica sabato mattina, in tecnica libera domenica (Qui info e iscrizioni).

 

Un percorso di qualità in grado di fare selezione con i suoi saliscendi e di portare i concorrenti all’interno di scenari naturali molto suggestivi. Alla capacità di attrazione che l’evento esercita grazie a queste caratteristiche si aggiunge, da quest’anno, anche un motivo di interesse in più, che riguarda la competizione in tecnica classica del sabato, valida per il neonato Campionato Trentino Marathon.

 

Si tratta di un titolo ideato dalla Fisi trentina, che sarà assegnato ad un'unica categoria "Senior e Master", maschile e femminile, al quale potranno concorrere tutti i tesserati per una società trentina, ma anche tutti i trentini appartenenti a corpi militari o civili dello Stato.

 

"E' un’idea che ho lanciato qualche tempo fa – spiega Bruno Debertolis, responsabile del settore Master nella commissione sci fondo del Comitato – per creare un nuovo motivo di interesse nel mondo delle competizioni riservate ai master ed anche per stimolare la federazione italiana a creare un vero e proprio Campionato Italiano Marathon, seguendo l’esempio di altre nazioni. Un evento che assegnerebbe i titoli tricolori in occasione di una competizione ogni anno diversa, partendo dalla Bondone Nordic Ski Marathon. Ce ne sono almeno una decina che hanno i requisiti e alle Viote vogliamo cominciare a dare il buon esempio. Si potrebbero alternare le due specialità, assegnando il titolo in tecnica classica e in tecnica libera in stagioni diverse".

 

La competizione è organizzata da Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e Trento Eventi Sport, in collaborazione con il Comune di Trento, Asis e la Scuola Italiana Sci Fondo Viote, e la gara è valida anche per la Coppa Italia Ligu Master e Cittadini di cui è la penultima tappa nazionale.

 

"I suoi punti di forza sono sicuramente la data - aggiunge Debertolis - che la colloca nel periodo ideale per preparare al meglio le ultime classiche della stagione, come la Vasaloppet, e la quota della piana delle Viote, che con i suoi 1.600 metri risulta molto allenante per gli atleti. Una competizione che nel Triveneto ormai è molto conosciuta e meriterebbe di godere di una ribalta internazionale".

 

Il costo per assicurarsi il pettorale valido per una delle due gare di Coppa Italia è di 32 euro, di 45 per prendere parte ad entrambe. Il prezzo per iscriversi al Campionato Trentino Marathon è invece di 12 euro. Per chi semplicemente partecipa alle gare promozionali la tariffa è di 42 euro per una e 69 euro per entrambe.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 19:06

Uno dei fattori limitanti di questa specie sono sostanzialmente le basse temperature invernali. Quest'anno però il clima è stato mite. Zanghellini: ''Negli ultimi anni l'aumento delle temperature ha anticipato il ciclo vitale di questo animale" 

18 febbraio - 15:17

E mentre la colonnina di mercurio è salita, un iceberg di 300 chilometri quadrati, paragonabile alle dimensioni di Malta, si è staccato dal ghiacciaio Pine Island. E mentre anche in Trentino si decide di investire milioni di euro su impianti anche sotto i 1.000 metri come a Bolbeno il noto climatologo spiega: ''La neve c'è oltre i 2 mila metri, mentre più in basso i paesaggi sono primaverili. Gli investimenti non dovrebbero più andare solo sullo sci''

18 febbraio - 17:27

A Trento alle 18 in piazza d'Arogno è stato organizzato un presidio promosso da Unione degli Universitari, Amnesty Trento e Arcigay del Trentino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato