Contenuto sponsorizzato

Il Trento sconfitto dal Seregno in una partita nervosa e con troppe scorrettezze. PAGELLE: 4,5 per Belcastro e altri due giocatori

Mister Parlato opta per il solito 3-4-1-2, con Mattia Chiesa tra i pali con il terzetto difensivo composto da Seno, Trainotti e Carini. A centrocampo Nunes e Osuji agiscono da mezz’ali, mentre sulle corsie laterali confermati Caporali e Simonti. Belcastro agisce da trequartisti alle spalle del tandem offensivo Barbuti-Pasquato

Di Federico Holneider - 04 dicembre 2021 - 17:34

TRENTO. Il Trento esce sconfitto dalla sfida interna contro il Seregno per 1-0 complice la rete del capitano lombardo Martino Borghese. Partita per nulla spettacolare, rovinata da un eccesso di scorrettezza e nervosismo in campo da entrambe le parti e dettata da continue interruzioni e simulazioni. Nel primo tempo viene graziato Nunes, solo ammonito, per una leggera testata lontano dalla palla ai danni di un difensore avversario. Nella seconda frazione un intervento scorrettissimo di Vitale provoca un infortunio molto grave ai danni di Caporali, costretto a lasciare il campo in barella con le mani sul volto: pagina nera del percorso gialloblù in Serie C e pessimo spot per i giovani appassionati. 

 

Mister Parlato opta per il solito 3-4-1-2, con Mattia Chiesa tra i pali con il terzetto difensivo composto da Seno, Trainotti e Carini. A centrocampo Nunes e Osuji agiscono da mezz’ali, mentre sulle corsie laterali confermati Caporali e Simonti. Belcastro agisce da trequartisti alle spalle del tandem offensivo Barbuti-Pasquato.

 

Il primo squillo della partita arriva dal destro potente a giro di Pasquato dalla sinistra dopo soli cinque minuti di gioco. Pochi minuti più tardi è sempre Pasquato, in un periodo di forma straripante, a trovare la via per Belcastro, ma è provvidenziale l’uscita dell’estremo difensore avversario. Dall’altra parte Cernigoi prova l’incursione in area di rigore ma perde l’attimo e la palla finisce in calcio d’angolo. Sugli sviluppi dello stesso il capitano del Seregno, Martino Borghese, sfrutta un’indecisione difensiva e i lombardi passano in vantaggio. I gialloblù non si scoraggiano, Pasquato ci prova ancora dalla distanza con un tiro al volo potente che però non inquadra lo specchio. Gli ospiti però si rendono pericolosi al 22esimo con un tiro da parte di Ivernizzi che accarezza l’incrocio dei pali. Il Seregno mancina azioni offensive e anche Vitale legittima il vantaggio lombardo con un’incursione in area e tiro a seguire che si alza di poco sopra la traversa. Al 26esimo i gialloblù vanno vicinissimi al pareggio con un passaggio filtrante illuminate per Pasquato che a sua volta mette una palla in mezzo ma è Barbuti a mancare il tap-in vincente. Ancora pericoloso però il Seregno al 31esimo con l’azione solitaria di Cernigoi in area che termina con il tiro smorzato da Seno. Al 40esimo si azzuffano Ivernizzi e Nunes, quest’ultimo che risponde con una leggera testata e viene ammonito, rischiando però una punizione maggiore. Al minuto 42’ Cernigoi si divora il 2-0 da ottima posizione, aiutato da un’indecisione di Carini. Il Seregno va a riposo in vantaggio dopo un primo tempo nervoso da entrambe le parti, viziato da continue interruzioni di gioco.

 

Il secondo tempo riprende sulla falsa riga del primo con una serie di scorrettezze da una parte e dall’altra che impediscono il fluido svolgimento della gara. La prima occasione nasce da un buon tiro preso da Osuji, che non inquadra però la porta. Al 60esimo i primi giocatori a lasciare in campo sono Osuji e Belcastro, tra i più nervosi tra le fila gialloblu, sostituiti rispettivamente da Izzillo e Pattarello. È proprio il numero 99 a rendersi subito pericoloso con una mezza rovesciata che meritava miglior fortuna. Passano una manciata di minuti e Vitale entra con un intervento violentissimo su Caporali, che rimane a terra in lacrime e in campo e sugli spalti monta la protesta. Il direttore di gara estrae due cartellini rossi: a Vitale per l’intervento falloso e a Seno per eccesso di proteste.

 

L’intervento dei sanitari dura circa una decina di minuti e Caporali è costretto ad uscire dal campo in barella con le mani sul volto, al suo posto Chinellato. Al minuto 86’ entrano anche Oddi al posto di Simonti e Ruffo Luci per Nunes. Il quarto uomo segnala 10’ minuti di recupero a causa dell’infortunio del numero 7 gialloblù che ha causato una lunga interruzione per permettere l’intervento dell’equipe medica. Il Trento ci prova in maniera disordinata fino alla fine, senza trovare la via del goal, ed esce sconfitto per 1-0.

 

CHIESA 5.5: difficile valutare le sue colpe sul goal, di certo la presa non è ottimale ma in generale si mostra sicuro.

SENO 4.5: non gioca una partita malvagia ma si fa espellere nel momento più delicato con Caporali a terra.
TRAINOTTI 6: la cintura su Cernigoi funziona e cerca di farsi carico dell’intero reparto difensivo.
CARINI 5: si fa anticipare sul goal del vantaggio e sbaglia numerosi lanci per le punte.
SIMONTI 6: qualche spunto interessante, ma in alcune occasioni non appare sufficientemente coraggioso nelle scelte (86’ ODDI 5.5)
NUNES 5: mostra eleganza nel primo tempo, ma non merita la sufficienza per il brutto gesto ai danni di un difensore avversario: graziato dal direttore di gara (86’ RUFFO LUCI 5.5)

OSUJI 5.5: solito atletismo al servizio della squadra ma leggermente nervoso per alcune decisioni arbitrali che non condivide, ci tiene a recapitare il messaggio più volte al direttore di gara (60’ IZZILLO 6)
CAPORALI 6: gioca una buona partita fino al violento infortunio che lo costringe a lasciare il campo in barella: a lui vanno i migliori auguri di guarigione da tutta la redazione (79’ CHINELLATO 5)
BELCASTRO 4.5: completamente fuori ritmo, nervosissimo e quasi irritante da vedere (60’ PATTARELLO 6)
PASQUATO 6.5: non può sempre farsi carico lui del potenziale offensivo gialloblù, ha qualche buona occasione ma non trova la via del goal.

BARBUTI 4.5: perde tutti i duelli aerei e il suo digiuno continua.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 18 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 gennaio - 17:33
Sono stati analizzati 13.601 tamponi tra molecolari e antigenici. Registrati 2.660 positivi e 2 decessi. Ci sono 169 persone in ospedale di [...]
Cronaca
19 gennaio - 16:51
La questione lupo ciclicamente riemerge nel dibattito pubblico all'indomani di predazioni (praticamente sempre evitabili). Questa volta ha perso la [...]
Politica
19 gennaio - 16:08
La ministra della Giustizia Marta Cartabia ha riferito in Senato sulla vicenda che vede Chico Forti ancora recluso negli Stati Uniti. Conzatti: [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato