Contenuto sponsorizzato

Calcio serie C. Finisce pari la sfida salvezza tra Trento e Seregno. I gialloblù in zona playout. PAGELLE: Barbuti entra e dà la scossa ma non basta; Bocalon non incide

Secondo pareggio nella gestione D'Anna. I gialloblù non vanno mai in difficoltà, l'occasione migliore a Barbuti che colpisce la traversa in mezza rovesciata. Nel prossimo turno il Trento, in zona playout a un punto dal Mantova, affronta la Juventus under 23

Foto di Seregno Calcio (Alessio Morgese e Luca Rossini)
Di Federico Holneider - 10 aprile 2022 - 19:55

TRENTO. Arriva il secondo 0-0 per mister D’Anna allo stadio “Ferruccio” di Seregno. Il Trento resta così in zona playout, distante un punto dal MantovaI gialloblù non vanno mai in difficoltà e sfiorano la rete con Barbuti, il cui tiro si stampa sulla traversa. Appuntamento in casa il 16 aprile contro la Juventus Under 23.

 

Mister D’Anna sceglie un 3-5-2 con Marchegiani tra i pali; Dionisi, Raggio e Carini compongono il terzetto difensivo. A centrocampo Caporali copre il ruolo di regista basso in mezzo agli interni Osuji e Ruffo Luci; Oddi e Bearzotti coprono le corsie laterali rispettivamente a sinistra e a destra. Il tandem offensivo  è composto dai due classe ’89 Bocalon-Pasquato. Indisponibili Trainotti, Nunes e Simonti.

 

Nei primi trenta minuti di gioco le squadre si studiano senza mai affondare il colpo decisivo. La prima vera occasione della partita nasce dai piedi di Pasquato, che dall’angolo angolo alto di sinistra dell’area di rigore lascia partire un tiro a giro potente che per poco non centra la porta. Arriva anche la risposta del numero 7 del Seregno, Signorile, anche lui dal limite dall’area: ottima la presa di Marchegiani.

 

La partita comincia ad accendersi e anche Caporali ci prova dai 25 metri con una conclusione indirizzata all’incrocio dei pali, ma pallone che termina nuovamente a lato. Al minuti 41’ un bellissimo cross di Pasquato da calcio piazzato trova la testa di Carini che sbuca dalle retrovie, ma la sua conclusione si spegne di pochi centimetri alla sinistra del palo difeso dall’estremo difensore del Seregno. 

 

Il Trento riprende la seconda frazione con Bearzotti che punta un difensore, rientra sul sinistro e cerca il tiro sul primo palo che trova solo l’esterno della rete. Mister D’Anna vuole portarla a casa e opta quindi per un doppio cambio davanti con Belcastro e Barbuti al posto di Pasquato e Bocalon.

 

Clamoroso dopo pochi minuti dal suo ingresso: Bearzotti dalla destra mette un bellissimo traversone per Barbuti che al volo in mezza rovesciata centra in pieno la traversa. Su un secondo cross dalla sinistra è ancora Barbuti ad andare a staccare, ma il numero 27 gialloblù frana su un difensore avversario. Ancora forze fresche per i gialloblù al 74esimo, entrano Vianni e Izzillo rispettivamente per Ruffo Luci e Caporali. Il Seregno torna a marcare la sua presenza in area gialloblù all’80esimo ma la conclusione è ampiamente sopra la traversa. Il match si conclude a reti bianche.

 

LE PAGELLE
MARCHEGIANI 6: spettatore non pagante, non ha praticamente mai bisogno di essere chiamato in causa.

CARINI 5.5: il mister gli chiede di tagliare il centrocampo con i lanci lunghi, ma spedisce qualche pallone alla cieca di troppo.

RAGGI 6.5: grande personalità per il numero 18 che non fa rimpiangere il forfait del capitano Trainotti.

DIONISI 6: fisico ed esperienza, tiene duro per tutto il match.

ODDI 6: bene in entrambe le fasi, ottimo finale di stazione per l’ex rossonero.

OSUJI 6: schermo a centrocampo imprescindibile per le offensive lombarde.

CAPORALI 6: fa buon uso del suo baglio tecnico e giostra la manovra gialloblù in maniera ottimale (74’ IZZILLO 6)

RUFFO LUCI 5.5: gioca più avanzato rispetto ai suoi compagni di reparto, ma non trova i giusti inserimenti  (74’ VIANNI 5.5)

BEARZOTTI 6.5: la traversa strozza il suo assist per Barbuti, partita di gran corsa e altruismo.

PASQUATO 5.5: ci prova da fuori un paio di volte, ma pecca di egoismo in alcune giocate (59’ BELCASTRO 6)

BOCALON 5.5: i pochi movimenti davanti e i pochi palloni puliti ricevuti dalle sue parti lo costringono a un’uscita anticipata dal campo (59’ BARBUTI 6.5: scuote la squadra con una traversa, sciupa una potenziale buona occasione all’89esimo).

 

CLASSIFICA: Fc Südtirol 86, Padova 84, FeralpiSalò 65, Renate 61, Lecco 54, Triestina 54, Pro Vercelli 52, Juventus under 23 50, Piacenza 49, Fiorenzuola 43, Pro Patria 42, AlbinoLeffe 42, Virtus Verona 42, Pergolettese 40, Mantova 39, Trento 38, Pro Sesto 32, Seregno 32, Legnago Salus 30, Giana Erminio 30

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 luglio - 21:05
Tutti i punti di accesso alla montagna sono chiusi per motivi di sicurezza. Le attività di ricerca proseguono con l'ausilio dei droni, portate in [...]
Cronaca
05 luglio - 19:56
Il sindaco di Levico, Gianni Beretta: "La comunità è molto provata. E' difficile trovare le parole a fronte di una tragedia enorme, che ci [...]
Cronaca
05 luglio - 19:37
Le accuse di Debora Campagnaro, sorella di Erica una delle alpiniste disperse dopo la tragedia sulla Marmolada: “Se ci fosse stato un bollettino [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato