Contenuto sponsorizzato

E' un Tour de France spettacolare: a Le Lioran Vingegaard batte allo sprint Pogacar dopo una tappa entusiasmante. Terzo Evenepoel, che non crolla, quarto Roglic

A 31,6 km dall'arrivo la maglia gialla infiamma la corsa con uno scatto dei suoi in salita: Vingegaard inizialmente si stacca ma tiene sempre lo sloveno "a tiro" e poi lo raggiunge. I due arrivano assieme e allo sprint vince il danese. Terzo il belga che perde 25 secondi, quarto l'altro sloveno, più staccato, causa una caduta nel finale

Foto a sinistra Instagram Le Tour de France / billy_lebelge / A.S.O.
Di D.L. - 10 luglio 2024 - 17:22

LE LIORAN. Ancora spettacolo sulle strade del Tour de France. Un Vingegaard in evidente crescita batte allo sprint la maglia gialla Pogacar dopo una tappa entusiasmante, con i "big" della corsa che se le "suonano" di santa regione.

 

Per il danese, che ha trionfato sulle strade francesi nel 2022 e nel 2023, si tratta del primo successo nell'attuale edizione della Grande Boucle, dove era arrivato in condizione precarie a causa della caduta patita ad aprile al Giro dei Paesi Baschi.

 

L'undicesima tappa, da Evaux Les Bains a Le Lioran di 211 chilometri, prometteva spettacolo e così è stato. Le tante salite, i tantissimi metri di dislivello (oltre 4mila) hanno acceso le micce e, nel finale, è toccato ai "Fab Four" hanno infiammato la corsa.

 

Fughe e fughine con il gruppo che lascia fare, poi si mette davanti la Uae che comincia a fare un ritmo infernale, con la "sgasata" clamorosa di Adam Yates che funge da trampolino di lancio. Sul Puy Mary la corsa, infatti, esplode: a 31,6 chilometri dal traguardo Pogacar piazza uno dei suoi scatti, Roglic e Vingegaard non rispondono e preferiscono salire del proprio passo, mentre Evenepoel si stacca.

 

Sulla successiva discesa lo sloveno allunga leggermente, senza però riuscire a fare il "buco".

 

La strada torna immediatamente a salire con il Col de Font de Cere e, a quel punto, Vingegaard saluta Roglic e riesce a raggiungere Pogacar, che pare accusare un po' di stanchezza. I due, che insieme hanno vinto gli ultimi 4 Tour de France, proseguono collaborando, mentre dietro Evenepoel raggiunge Roglic.

 

Sull'ultimo strappo non ci sono attacchi e si arriva così agli ultimi 500 metri con Vingegaard che si volta e poi prova a rompere gli indugi lanciano la volata, la maglia gialla rinviene, ma con il colpo di reni il danese taglia per primo il traguardo. Evenepeol rosicchia qualcosa e arriva a 25", mentre Roglic giunge più staccato, causa una caduta nel finale.

 

Pogacar è ovviamente ancora in testa alla classifica: adesso guida con 1'06" su Evenepoel e 1'14" su Vingegaard.

 

Domani, giovedì 11 luglio, 12esima tappa che porterà la corsa da Aurillac a Villeneuve Sur Lot dopo 203,6 chilometri. La tappa sarà ondulata prima metà, poi strada complessivamente pianeggiante con qualche "strappetto" nel finale che potrebbe favorire un attaccante. Sulla carta, però, è tappa da velocisti.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 luglio - 20:20
Dopo l'attacco degli scorsi giorni, l'associazione Altvelox ha presentato denuncia a carico del sindaco di Pergine, Roberto Oss Emer, e [...]
Montagna
23 luglio - 20:00
Il parere dell'educatrice cinofila: "Oggi molte persone considerano accessibile e alla portata di tutti tutto quello che vedono in [...]
Cronaca
23 luglio - 19:10
"E' una tragedia enorme e non ci sono veramente parole per un lutto che colpisce per la seconda volta la stessa famiglia" commenta il sindaco di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato