Contenuto sponsorizzato

Delta Informatica beffata dal Chieri

Volley. La Trentino Rosa viene beffata dal Chieri dopo un tie-break sempre avanti. Le trentine perdono Aricò esce per infortunio. Settimo Torinese l'avversaria dei quarti di finale di Coppa Italia

La Trentino Rosa in azione (foto Alessio Marchi)
Pubblicato il - 09 gennaio 2017 - 20:26

TRENTO. La Delta Informatica Trentino cade in casa al cospetto del Fenera Chieri. Una sconfitta al tie break dopo che le trentine hanno sprecato un importante margine di vantaggio nella quinta e decisiva frazione.

 

In casa trentina non sono bastate l'ottima prestazione di Kijakova (21 punti personali con il 37% a rete e 4 ace) e quella altrettanto positiva di Rebora (48% in attacco, 3 muri e 3 ace). Tra le fila piemontesi da segnalare i 21 punti di Nenkovska e i 18 di Serena, mentre la trentina Anna Mezzi si è alternata con Provaroni per tutto l'arco del match realizzando 4 punti personali.

 

Questa sconfitta abbina la Trentino Rosa alla Lilliput Settimo Torinese nei quarti di finale di Coppa Italia di A2 femminile, in programma il 18 e 25 gennaio. 

 

I sestetti sono quelli annunciati alla vigilia con Coppi preferita a Nomikou per affiancare Kijakova nella diagonale di posto-4 gialloblù. Resto dello starting six trentino senza variazioni, con Moncada in regia, Aricò opposto, Fondriest e Rebora al centro e Zardo libero.

Ettore Guidetti, con l'intera rosa a disposizione, risponde con Vingaretti al palleggio, Nenkovska opposto, Mezzi e Serena laterali, Caneva e Leggs in posto-3 e Bresciani libero.

 

Primo parziale tutto di marca trentina: la Delta Informatica è convincente in seconda linea e attentissima in ricezione e in difesa. Il muro di Moncada e l'ace di Fondriest lanciano Trento sul 10-5. Il servizio è l'arma in più delle gialloblù e Rebora mantiene il vantaggio trentino (15-11). Guidetti prova ad invertire il trend negativo inserendo Provaroni in posto-4 per Mezzi e Armando in regia per Vingaretti ma la musica non cambia, con Aricò e Fondriest assolute protagoniste dell'ottimo finale di set della Delta Informatica (20-14). Kijakova non sbaglia un colpo, prima dell'ace conclusivo firmato da Moncada (25-17).

 

La Trentino Rosa inizia bene anche il secondo set (4-1). La reazione torinese però non si fa attendere: Nenkovska e Provaroni cambiano marcia (7-7). I due ace di Kijakova (13-12) non sono sufficienti per scrollarsi di dosso le piemontesi che operano il sorpasso con lo smash di Serena (14-15) e allungano sfruttando i centimetri al centro della rete di Leggs (17-21). Iosi si gioca la carta Nomikou per Coppi ma la rimonta trentina si ferma sul nastro, quello che lascia nella metà campo gialloblù il servizio di Aricò (22-25).

 

La terza frazione è equilibrato (7-8). Il Fenera prova a scappare nuovamente con il mai-out di Serena (12-14) ma Fondriest trova la fast della nuova parità (14-14). Nel finale succede un po' di tutto: la Delta Informatica perde Aricò per infortunio, entra Nomikou, costretta a calarsi immediatamente nel nuovo ruolo di opposto. L'ace di Kijakova vale il sorpasso gialloblù (20-19) ma la spinta decisiva arriva da una ritrovata Coppi che trova l'attacco e il muro dell'allungo (22-20). Fondriest in primo tempo e la doppia di Vingaretti avvicinano la Delta Informatica al traguardo (24-21), raggiunto con la pipe vincente di Nomikou (25-22).

 

Il Fenera Chieri, però, non alcuna intenzione di alzare bandiera bianca e dopo un avvio punto a punto prende ben presto il largo, complici le difficoltà trentine nel trovare le soluzioni giuste in attacco per far fronte all'assenza di Aricò (7-10). Nella metà campo gialloblù arriva anche un cartellino giallo per proteste e Trento si innervosisce, con la sola Kijakova a passare con discreta regolarità il muro torinese (12-17). In un batter d'occhio Chieri fa sua la frazione, allungando l'incontro al tie break (17-25, attacco finale di Mezzi).

 

Quinto set che la Delta Informatica inizia con il piglio giusto, sfruttando la verve al centro di Fondriest e Rebora e aggrappandosi alle giocate di Kijakova. Nella metà campo trentina, complice anche il positivo ingresso di Bortoli e Michieletto, fila tutto per il verso giusto fino al 12-9, quando il turno in battuta di Provaroni spegne la luce in casa gialloblù: Nenkovska e Serena riportano sotto il Fenera (12-11), il muro di Rebora illude la Delta (13-11) ma il finale è di marca ospite con Serena che trova i due tocchi decisivi che fanno esplodere la festa ospite (13-15).

 

DELTA INFORMATICA - FENERA CHIERI 2-3

(25-17, 22-25, 25-22, 17-25, 13-15)

 

Delta Informatica Trentino: Moncada 2, Aricò 10, Coppi 9, Kijakova 21, Fondriest 12, Rebora 17, Zardo (L); Bortoli 0, Michieletto 4, Nomikou 3, Bogatec 0, Antonucci ne. All. Ivan Iosi

Fenera Chieri: Vingaretti 0, Nenkovska 21, Serena 18, Mezzi 4, Leggs 11, Caneva 6, Bresciani (L); Provaroni 4, Errichiello 0, Scapati 0, Tasca ne, Armando 0. All. Ettore Guidetti

Arbitri: Jacobacci e Giardini

Durata set: 24', 27', 28', 25', 20' (totale: 2h04')

Note: spettatori 400 circa. Mvp: Kijakova

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:51

La nuova ordinanza è valida fino al 31 gennaio 2021. Nelle aree pubbliche e private aperte al pubblico c'è il divieto di vendita per asporto di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 22 alle 5. Stabilito anche divieto di detenzione (ad eccezione di recipienti chiusi ed integri) di bevande di qualsiasi tipo

21 ottobre - 11:44

Un bilancio delle ultime 24 ore aggravato dai 2 morti che porta il totale delle vittime da inizio epidemia a 296 persone, mentre i positivi salgono a 5.302 casi. Il rapporto contagi/tamponi al 10%, una persona testata ogni 10 è risultata infetta, un trend simile a quello di Trento

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato