Contenuto sponsorizzato

La Diatec in passerella a Milano, vittoria sul velluto

Volley. La Trentino Volley si lascia alle spalle la sconfitta in Coppa Italia e ritorna a vincere in campionato. Milano mai in partita e il 3-0 arriva in fretta. Mvp Lanza

Il tecnico della Trentino Volley Angelo Lorenzetti soddisfatto (foto Marco Trabalza)
Pubblicato il - 05 febbraio 2017 - 19:22

TRENTO. La Trentino Volley si lascia alle spalle lo stop accusato nella finale di Coppa Italia e ritorna a correre nella ventunesima giornata di regular season. La formazione di Angelo Lorenzetti non lascia scampo alla Revivre Milano e si afferma facilmente per 3-0 davanti al PalaYamamay stipato di tifosi (oltre 4.000 i biglietti staccati).  

 

La Diatec è cinica e troppo forte per la tenera Milano: questo risultato consolida il secondo posto in regular season per la società di via Trener.

 

Angelo Lorenzetti spedisce sul parquet Giannelli al palleggio, Stokr opposto, Urnaut e Lanza schiacciatori, Solé e Daniele Mazzone centrali, Colaci libero.

La Revivre Milano si propone con Sbertoli in regia, Adamajtis opposto, Marretta e Skrimov in banda, De Togni e Galassi in posto 3, Cortina libero.

 

Nelle prime battute della gara Milano forza il servizio e guadagna subito due punti di vantaggio (6-4). Trento non perde la calma: prima pareggia (ace di Lanza) e poi allunga con Giannelli e Urnaut (9-12). Il tecnico di casa, interrompe il gioco ma alla ripresa un errore di Adamajtis consente ai trentini di allungare ancora (11-15). La parte finale del set è quindi assolutamente controllata dalla squadra ospite, che si affida a Stokr e Lanza per portare a casa velocemente l’1-0 (19-25).

 

La Revivre prova a reagire nel secondo parziale e Adamajtis costruisce il +2 casalingo (9-7). La Diatec Trentino non sta a guardare e dopo aver raggiunto la parità (12-12), passa in vantaggio sul 14-12. Un ace di Stokr indirizza la partita verso Trento (17-14), quindi Urnaut e Giannelli blindano il set (22-16). Il 2-0 ha lo stesso punteggio del primo parziale (25-19).

 

Il terzo parziale è un monologo trentino: la frazione non è mai in discussione e la contesa è già segnata dopo i primi scambi (10-16). La gara è in discesa e la Trentino Volley chiude le proprie fatiche a Milano già sul 25-17.

 

REVIVRE MILANO - DIATEC TRENTINO 0-3
(19-25, 19-25, 17-25)

REVIVRE: De Togni 2, Adamajtis 9, Skrimov 4, Galassi 5, Sbertoli 1, Marretta 6, Cortina (L); Hoag 4, Galaverna 2. N.e. Tondo, Rudi, Boninfante. All. Luca Monti.
DIATEC TRENTINO: Mazzone D. 2, Giannelli 2, Urnaut 12, Solé 6, Stokr 10, Lanza 13, Colaci (L); Nelli 2, Van de Voorde, Burgsthaler 1, Chiappa (L), Blasi. N.e. Antonov, Mazzone T.. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Canessa di Bari e Sobrero di Carcare (Savona).
DURATA SET: 25’, 27’, 21’; tot. 1h e 13’.
NOTE: NOTE: 3.361 spettatori, incasso non comunicato. Revivre Milano: 3 muri, 3 ace, 15 errori in battuta, 11 errori azione, 38% in attacco, 38% (21%) in ricezione. Diatec Trentino: 4 muri, 6 ace, 15 errori in battuta, 4 errori azione, 58% in attacco, 64% (33%) in ricezione. Mvp Lanza.

 

CLASSIFICA

01. Civitanova 56

02. DIATEC TRENTINO 50

03. Perugia 47

04. Modena 45

05. Verona 43

06. Piacenza 34

07. Monza 31

08. Vibo Valentia 26

09. Ravenna 23

10. Molfetta 22

11. Latina 20

12. Sora 16

13. Padova 15

14. Milano 13

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

19 settembre - 15:55

L'escursionista, che si trovava con un amico all'uscita della 23esima galleria, ha perso l'equilibrio sul bordo della scarpata ed è caduto nel vuoto

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato