Contenuto sponsorizzato

Male la prima, la Diatec affonda con Perugia: sfuma la Supercoppa

Il nuovo sestetto guidato da Lorenzetti è parso indietro rispetto a quello di Lollo Bernardi che si è sbarazzato dei trentini con un secco 3 a 1. I trentini sono entrati in partita solo a partire dal terzo set

Pubblicato il - 07 ottobre 2017 - 20:59

CIVITANOVA MARCHE. Perugia è pronta, Trento ancora no. Questo il primo, inequivocabile, dato emerso dalla semifinale di Supercoppa italiana andata in scena questa sera a Civitanova Marche. Il rinnovato sestetto agli ordini di coach Lorenzetti (con quattro innesti "nuovi" al via dal primo minuto) ancora non trova i giusti tempi e le migliori soluzioni possibili e, soprattutto, si sveglia troppo tardi, a partire dal terzo set. Il tempo per lavorare c'è, come quello per crescere, ma una bella occasione è già sfumata. La finale di Supercoppa italiana sarà tutta di marca "centro-italica" con la sfida tra Civitanova (che ha battuto 3 a 1 Modena) e Perugia.

 

Il team guidato da Lollo Bernardi con Trento. Il primo set Lorenzetti schiera la sua nuova Diatec Trentino affidandosi a Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Lanza e Kovacevic in banda, Eder e Zingel al centro e De Pandis e Chiappa che si alternano nel ruolo di libero. La Sir Safety Conad Perugia risponde con De Cecco in regia, Atanasijevic opposto, Zaytsev e Russell schiacciatori, Anzani e Podrascanin centrali, l’ex di turno Colaci libero. L’avvio di match è sofferto per i gialloblù che faticano in fase di cambiopalla e sbagliano due volte a rete con Vettori (2-6).

 

Il time out di Lorenzetti è provvidenziale, perché Trento in seguito inizia a giocare meglio, riavvicinando gli avversari (7-9) almeno sino a quando non si scatena Russell (9-14). Kovacevic lascia andare il braccio e riporta sotto i suoi (13-16) con un ace e due attacchi. Dopo aver vacillato Perugia riparte col muro e con lo stesso statunitense (15-20 e 17-23), chiudendo i conti alla terza palla set con un primo tempo di Anzani (20-25).

 

Il secondo set va anche peggio. Gli umbri se lo aggiudicano con un netto 18 a 25 scappando subito con i servizi di De Cecco (2-4) e poi capitalizzando al massimo ogni pallone. La Diatec Trentino soffre in attacco, mentre in questo fondamentale Perugia affonda spesso il colpo con Russell (9-14, 10-16 e 14-20) senza trovare particolari problemi. Per i trentini troppi errori in battuta e il 2 a 0 è servito.

 

Il terzo set è più combattuto. Trento prova a restare agganciata al treno degli umbri che continuano, però, a macinare punti con Zaytsev e Russell. Fino al 10 -12 la Diatec riusce a restare a meno 2. Poi Perugia, però, prende il largo arrivando sul 12 a 18. Kovacevic mette a terra il primo punto del parziale e accorcia sul 14-18 ma non basta. Si va sul 19 a 22 e, incredibilmente, Trento riesce a riportarsi sul 23 pari e poi sul 25 a 23

 

Il quarto set che resta sul filo. Perugia è più tonica ma Trento non molla e quando gli umbri sembrano prendere il largo arriva un doppio ace di Giannelli che sorprende la difesa avversaria e che vale il 12-13. Ma Perugia ha uno Zaytsev in più e si va sul 16-19. Il finale è 22 a 25.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato