Contenuto sponsorizzato

Pugno al volto e l'arbitro finisce Ko nella palestra di Tuenno. Anche il presidente nazionale della Lnd chiede "massima durezza"

Il fattaccio è accaduto venerdì sera nella partita di calcio a 5 serie C2 tra Toros Locos e Ischia. Un giocatore della squadra di casa dopo l'espulsione ha colpito il giovane arbitro. Nella notte la telefonata di Sibilia a Pellizzari. Si preannuncia una maxisqualifica

Di Luca Pianesi - 18 marzo 2017 - 12:52

VILLE D'ANAUNIA. Il referto medico parla di pugno al mento e di due giorni di prognosi. L'immediato risultato è la sconfitta a tavolino, il quasi certo punto di penalizzazione e la mega squalifica che si abbatterà sul giocatore. Il retroscena sono addirittura due telefonate, una nella notte e una questa mattina fatte al presidente della Federcalcio trentina Pellizzari dal senatore forzista e presidente della Lega nazionale dilettanti Cosimo Sibilia per esprimere "solidarietà" e chiedere "massima durezza". I fatti parlano di un brutto gesto avvenuto durante una partita di calcio a 5 di serie C2 nella palestra di Tuenno.

 

Il match era una sfida salvezza molto importante tra Toros Locos e Ischia (rispettivamente terzultima e penultima in classifica distanziate da un solo punto). Un giocatore dei Toros Locos prima ha ricevuto un cartellino giallo, poi ha commesso un altro fallo. L'arbitro ha quindi estratto il secondo cartellino e quindi il rosso. Il giocatore, espulso, sulle prime avrebbe fatto per andarsene. Poi però è tornato indietro e ha sferra un gancio al volto dell'arbitro che è caduto a terra ko. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi e i carabinieri e i vertici arbitrali si sono recati sul posto per verificare le condizioni del ragazzo 24enne e laureando in giurisprudenza.

 

Mariano Varesco, presidente dell'Aia di Trento e il designatore Fattoruso sono quindi arrivati a Tuenno e hanno ribadito al giovane arbitro, che lamentava giramenti di testa, di non riprendere il match. Il ragazzo è stato quindi accompagnato in ambulanza all'ospedale di Cles dove gli è stata fatta una tac e gli sono stati prescritti due giorni di prognosi. Ora si attende la decisione del giudice sportivo che già giovedì si pronuncerà probabilmente per una maxi squalifica per il giocatore dei Toros Locos mentre l'arbitro sta valutando se sporgere denuncia o meno. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 settembre - 06:01
I tagli degli scorsi anni al sistema sanitario sono stati un fallimento con conseguenze drammatiche ed ora questa situazione va a sommarsi alle [...]
Cronaca
19 settembre - 19:38
Trovati 19 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 17 guarigioni. Sono 16 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in [...]
Montagna
19 settembre - 20:25
I dati tra il 19 giugno e il 16 settembre non sono ancora ufficializzati perché si attende la conclusione della stagione, molti rifugi sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato