Contenuto sponsorizzato

Trentino Volley sconfigge Padova nella terza edizione del 'Masiera Day Memorial Livio Romare'

Volley. Mercoledì 4 ottobre alle 20 al PalaResia di Bolzano è programmata l’amichevole contro i vice-campioni di Germania del VfB Friedrichshafen (ingresso libero). Continuano le tappe di avvicinamento all'inizio di stagione

Pubblicato il - 01 ottobre 2017 - 19:34

SCHIO. La Diatec Trentino chiude il mese di settembre con una positiva prestazione al PalaRomare di Schio. Il successo per 3-1 ottenuto nel test match di sabato contro la Kioene Padova valevole per la terza edizione del 'Masiera Day Memorial Livio Romare' ha infatti dimostrato come la strada imboccata dalla compagine gialloblù nell’ultimo periodo sia sicuramente quella giusta.

 

Il risultato finale colto in terra vicentina è stata infatti la naturale conseguenza di una prestazione concreta in ogni singolo fondamentale e di una crescente intesa fra i giocatori arrivati solo da pochi giorni e quelli che invece hanno svolto l’intera preparazione a Trento.

 

In particolar modo a soddisfare i tecnici trentini è stato il feeling già raggiunto da Giannelli con i propri centrali e con Kovacevic (best scorer del match con 23 punti, 2 muri, 5 ace ed il 62%) e l’idea di poter disporre di una rosa ampia che permette anche variazioni in corsa. In questa circostanza infatti, dopo due set, Lorenzetti ha applicato una rotazione ragionata degli effettivi, inserendo già da metà gara anche Teppan, Kozamernik e Cavuto dopo che Vettori, Zingel e Lanza in precedenza avevano mostrato incoraggianti segnali.

 

A convincere di più di tutto il resto è stato comunque il fondamentale dell’attacco (62% di squadra col picco di Eder, 88%) e l’incisività del servizio, spesso falloso ma a segno direttamente ben 12 volte. Armi che hanno piegato la generosa resistenza di una Padova priva di Travica.

 

"La partita di questa sera è stata utilissima per capire cosa potremo essere in futuro– ha commentato a fine gara Angelo Lorenzetti - ; c’è ovviamente tanto lavoro da fare ma lo spirito di gruppo è stato quello giusto. Lo stesso spirito lo dovremo avere nel prossimo weekend di Supercoppa perché ci sarà da soffrire ma anche da pazientare. Sono contento di aver potuto ruotare tutti gli effettivi e mi auguro che la prossima sia una settimana di allenamenti al completo per compiere un ulteriore passo avanti, tutti insieme". 

 

Angelo Lorenzetti propone Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Lanza e Kovacevic in posto 4, Eder e Zingel al centro, De Pandis libero.

Dall’altra parte della rete la Kioene Padova deve fare a meno di Travica e Volpato e quindi si presenta con Peslac in regia, l’ex Nelli opposto, Randazzo e Cirovic in banda, Volpato e Polo centrali, Balaso libero.

 

L’inizio di partita è nel segno dei centrali di Trento: Zingel ed Eder vanno subito a segno con regolarità, producendo il primo strappo sul 6-4, poi ci pensa Capitan Lanza (tre break point consecutivi) ad accelerare ulteriormente l’andatura (9-4). Baldovin interrompe il gioco ma alla ripresa è ancora la Diatec Trentino a fare la voce grossa a muro (12-6) con Vettori. Padova prova a reagire nella parte centrale della frazione (13-10) grazie anche ad un ace di Polo; Eder fiuta il pericolo e con un muro ed un primo tempo dietro ricaccia lontano l’avversario (17-12). I punti che conducono i gialloblù verso l’1-0 arrivano in fretta anche per meriti specifici di Vettori, che dalla linea dei nove metri picchia forte (23-16) propiziando il 25-17 che manda le squadre al cambio di campo.

Padova rialza la testa già nella parte iniziale del secondo set, in cui prima tiene bene la fase di cambiopalla e poi scappa via sempre più velocemente (6-9 e poi 6-13) grazie agli affilati servizi di Cirovic (3 ace personali). Sul 9-14 Lorenzetti ha già esaurito i time out a sua disposizione, ma nel momento più difficile la Diatec Trentino riprende a giocare e si riavvicina (14-18) sfruttando al massimo il proprio preciso sistema di muro difesa. Baldovin allora interrompe a sua volta il gioco, chiarendo le idee ai bianconeri che nel finale tornano protagonisti con muro (18-22) e battuta, ancora con Cirovic (20-25). 

Dal terzo parziale in poi, Lorenzetti lascia a riposo Vettori, Lanza, De Pandis e Zingel, sostituiti rispettivamente da Teppan, Cavuto, Chiappa e Kozamernik. L’opposto estone comincia bene la propria partita e guida i suoi al primo allungo (4-2), imitato poi da Eder (7-3). La Kioene non demorde e, sempre col servizio, si rifà sotto (10-9). Trento replica ancora con Teppan e Kozamernik, riallargando il margine (16-13, 18-15), ma Cirovic al servizio rimette ancora in carreggiata i bianconeri (18-19). Lo sprint se lo assicurano i gialloblù, più pungenti in fase di break con Kovacevic (23-21, 25-23); proprio il serbo in pipe chiude il set con una splendida pipe.

Nel quarto set nella cabina di regia trentina c’è Partenio al posto di Giannelli; Padova invece conferma Premovic al posto di Nelli nel ruolo di martello principale come già accaduto nel finale della precedente frazione. Proprio l’opposto serbo detta legge a rete (4-7), ma il connazionale Uros gli risponde da par suo (9-9); Cavuto con la battuta si guadagna gli applausi dei 2.500 scledensi presenti (12-9). Nella parte centrale Trento è più efficace in fase di cambiopalla, mantenendo il proprio vantaggio intatto (18-15); un passaggio a vuoto di Teppan rianima però i patavini (18-18). Un errore di Premovic riconsegna il minimo vantaggio ai gialloblù (21-19), che però lo dilapidano con Kovacevic (errore e muro subito da Peslac per il 23-24). Ai vantaggi decidono gli ace di Partenio e poi quello finale dello stesso Kovacevic (27-25).

Per la Diatec Trentino una domenica di riposo, prima di iniziare al PalaTrento lunedì pomeriggio l’ultimo periodo di preparazione, in cui ci sarà spazio per un ulteriore test: mercoledì 4 ottobre alle 20 al PalaResia di Bolzano è infatti programmata l’amichevole contro i vice-campioni di Germania del VfB Friedrichshafen (ingresso libero).

 

KIOENE PADOVA-DIATEC TRENTINO 1-3

(17-25, 25-20, 23-25, 25-27)

 

KIOENE PADOVA : Polo 12, Peslac 3, Cirovic 9, Volpato 6, Nelli 8, Randazzo 6, Balaso (L); Koprivica, Premovic 7, Bassanello (L) Gozzo, Sperandio. N.e. Veronese e Yoder. All. Valerio Baldovin.
DIATEC TRENTINO: Eder 10, Vettori 6, Kovacevic 23, Zingel 5, Giannelli 3, Lanza 6, De Pandis (L); Chiappa (L), Kozamernik 7, Cavuto 3, Teppan 6, Partenio 1. N.e. Leoni. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Giardini di Verona e Traversa di Abano Terme (Padova)

DURATA SET: 22’, 25’, 27’, 27’; tot  1h e 41’.

NOTE: 2.500 spettatori circa. Kioene Padova: 12 muri, 9 ace, 17 errori in battuta, 8 errori azione, 39% in attacco, 33% (15%) in ricezione. Diatec Trentino: 11 muri, 12 ace, 30 errori in battuta, 7 errori azione, 62% in attacco, 42% (23%) in ricezione.
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato