Contenuto sponsorizzato

Trentino Volley a valanga su Piacenza

La Diatec rispedisce a casa Hernandez e soci con un secco tre a zero. Mvp Stokr

Pubblicato il - 08 gennaio 2017 - 19:36

TRENTO. Tre a zero e Picenza rispedita a casa. Dopo il successo in Finlandia la Trentino Volley riparte a tutta e annulla il temuto attacco piacentino. Lorenzetti ritrova Nelli e Mazzone ma decide di confermare lo starting six visto in campo nelle precedenti esibizioni: Giannelli in regia, Stokr opposto, Lanza e Urnaut schiacciatori, Solé e Van de Voorde centrali, Colaci libero.

 

La Lpr Piacenza si presenta in campo invece con Hierrezuelo al palleggio, Hernandez opposto, Clevenot e Parodi in posto 4, Alletti e Yosifov al centro, Manià libero.

 

L’avvio di partita di Trento è arrembante; con difesa e primo tempo immediatamente efficaci, i padroni di casa scattano bene dai blocchi di partenza guadagnando tre punti di vantaggio già sul 6-3. Van de Voorde, ispiratissimo, affonda il colpo per il 9-5, costringendo Giuliani (che ha già speso un time out) ad avvicendare Parodi con Zlatanov. Poi ci pensa Stokr a scaldare il braccio e fa ripartire la macchina da break point gialloblù (15-12 e 17-13). Quando Giannelli mura a uno Hernandez (20-13) il set per la Diatec Trentino è in ghiacciaia; bastano pochi cambipalla e altri due break point (attacco di Jan e ace di Urnaut) per cambiare campo sull’1-0 (25-17).

Poco dissimile il copione della prima parte del secondo parziale; Trento parte a spron battuto con servizio (altri due ace di Urnaut) e difesa, proiettandosi velocemente sul 7-2 (time out di Giuliani). Hernandez mura prima Lanza e poi Urnaut, riportando in auge i suoi (11-9) e costringendo Lorenzetti a richiamare vicino alla panchina la squadra. La parte centrale del periodo regala equilibrio e cambiopalla in serie (13-11, 15-13, 17-15), almeno fino a quando Piacenza non recupera un ulteriore break (errore a rete di Urnaut per il 17-16). Il rush finale è quindi tiratissimo e caratterizzato da una ricostruita vincente di Stokr da posto 4 (22-20) e da attacchi in fase di ricezione di Lanza e dello stesso Jan per il 25-23.

 

Terzo set ancora appannaggio dei padroni di casa che chiudono con un convincente 25 a 20 e conservano il secondo posto in classifica alle spalle di Civitanova.

 

DIATEC TRENTINO - LPR PIACENZA 3-0
(25-17, 25-23, 25-20)

DIATEC TRENTINO: Lanza 12, Van de Voorde 8, Giannelli 8, Urnaut 10, Solé 7, Stokr 16, Colaci (L); N.e. Nelli, Burgsthaler, Antonov, Mazzone T., Blasi, Chiappa, Mazzone D.. All. Angelo Lorenzetti.
LPR: Clevenot 8, Yosifov 3, Hernandez 17, Parodi 3, Alletti 2, Hierrezuelo 3, Manià (L); Zlatanov 1, Cottarelli, Tzioumakas. N.e. Papi, Marshall, Tencati. All. Alberto Giuliani.
ARBITRI: Cesare di Roma e Boris di Pavia.
DURATA SET: 24’, 36’, 23’; tot 1h e 23’.
NOTE: 3.429 spettatori per un incasso di 25.108 euro. Diatec Trentino: 7 muri, 5 ace, 16 errori in battuta, 5 errori azione, 64% in attacco, 66% (38%) in ricezione. Lpr: 5 muri, 3 ace, 9 errori in battuta, 5 errori azione, 46% in attacco, 51% (32%) in ricezione. Mvp Stokr.

 

CLASSIFICA

01. Cucine Lube Civitanova 47

02. DIATEC TRENTINO 44

03. Sir Safety Conad Perugia 43

04. Azimut Modena 40

05. Calzedonia Verona 34

06. Gi Group Monza 28

07. Lpr Piacenza 27

08. Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 24

09. Bunge Ravenna 19

10. Exprivia Molfetta 18

11. Top Valley Latina 15

12. Kioene Padova 14

13. Revivre Milano 13

14. Biosì Indexa Sora 12

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato